Satispay: pronto l'investimento di Telecom da 15 milioni
single.php

Ultimo aggiornamento il 18 novembre 2020 alle 18:53

Satispay: pronto l’investimento di Telecom da 15 milioni

L'indiscrezione di Repubblica. Nessuna smentita dalle parti

Tim Venture, il veicolo finanziario di Telecom, sarebbe pronto a investire 15 milioni di euro in Satispay, l’app dei pagamenti digitali che ha rivoluzionato il settore in Italia e si sta affermando come player a livello internazionale. Con questa operazione il gruppo guidato da Luigi Gubitosi arriverebbe a controllare quasi il 10% delle quote dell’ex startup fondata nel 2012 a Cuneo da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. La notizia è stata riportata da Repubblica, che cita fonti finanziarie. StartupItalia si è messa in contatto con entrambe le parti ma, al momento, non vengono ancora rilasciate dichiarazioni ufficiali.

Leggi anche: CB Insights, Satispay è tra le Fintech che crescono più velocemente al mondo

Satispay: il 2020 dell’app

Con il raggiungimento di 1,3 milioni di utenti attivi, Satispay si è già confermata quest’anno come una delle fintech più interessanti a livello internazionale. Ne abbiamo scritto su StartupItalia a settembre, quando CB Insights aveva inserito l’azienda tra le 250 società fintech con crescita più rapida a livello globale. In un mercato che tende sempre di più al digitale e sempre più mercati scelgono di fare a meno del contante a vantaggio di soluzioni più sicure e tracciabili, Satispay rappresenta un attore che ora punta a scalare a livello globale.

Leggi anche: Perché l’apertura di PayPal alle cripto valute segna l’inizio di una rivoluzione

Inserita più volte nella lista di StartupItalia delle Top 100, Satispay ha già iniziato l’esplorazione di nuovi mercati. Lo scorso anno ha ottenuto la licenza per operare in Lussemburgo e poche settimane fa il servizio è atterrato anche in Germania, dove il legame con il contante è ancora molto forte. «Abbiamo scelto la Germania come primo grande mercato europeo per la sua crucialità e perché presenta una dinamica di pagamento molto simile a quella italiana – ha dichiarato il CEO Dalmasso – Anche in Germania crediamo di poter accelerare l’emergente consapevolezza rispetto ai vantaggi offerti dai pagamenti elettronici. Lì circa l’80% delle transazioni avviene in contante». Con nuovi investimenti in arrivo è probabile che l’esplorazione europea continui.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche