desc

Tornano le BreakfaStories con la comunicazione per i brand nell’era Covid

Lavoro
ECONOMY
Edit article
Set prefered

Tornano le BreakfaStories con la comunicazione per i brand nell’era Covid

Nuove piattaforme, formati, linguaggi e idee. In 4 appuntamenti tornano le BreakfaStories incentrate sulla creazione di valore per i brand

Nuove piattaforme, formati, linguaggi e idee. In 4 appuntamenti tornano le BreakfaStories incentrate sulla creazione di valore per i brand

Lavoro

In un’era in cui siamo sommersi da contenuti testuali, video, immagini che trovano nei social il loro canale principe di comunicazione con i clienti, i brand provano a individuare nuove piattaforme, nuovi formati, linguaggi e idee. Come riuscire a creare valore e catturare l’attenzione tra stream video e piattaforme social? In risposta a questa domanda prende forma la seconda edizione di BreakfaStories, le «colazioni in diretta streaming» proposte da OBE – Osservatorio Branded Entertainment, l’associazione che studia e promuove la diffusione sul mercato italiano del branded content & entertainment, in collaborazione con PHD Media Italia, agenzia media, di comunicazione e marketing di Omnicom Media Group. Quattro appuntamenti (ai quali ci si può iscrivere a questo link di Eventbrite), da 45 minuti l’uno, moderati dal giornalista Giampaolo Colletti, vedranno la partecipazione di professionisti ed esperti di settore.

 

Come nasce la seconda edizione delle BreakfaStories

Dopo il successo della prima edizione, durante la quale si è parlato del cambiamento della narrazione dei brand nelle fasi più acute della pandemia, il nuovo ciclo delle BreakfaStories sarà incentrato sulla scoperta, per comunicatori e aziende, di una nuova fase comunicativa in un mondo che è profondamente cambiato e nel quale riuscire a catturare l’attenzione diviene sempre più difficile. In questo contesto, i brand sono chiamati a costruire nuovi linguaggi, formati ed idee e a individuare nuove piattaforme per creare valore verso clienti e prospect.

like

“Il file rouge di questa nuova edizione è incentrato su come riuscire a catturare l’attenzione del cliente al quale il brand si rivolge raggiungendo sempre più persone e mettendo a punto una comunicazione sempre più attrattiva – afferma Daniela Della Riva, Chief Strategy Officer PHD Italia – Oggi la correlazione tra tecnologia ed entertainment è sempre più lampante ed è cresciuta molto. Se lo scorso anno ci siamo, dunque, concentrati sulla comunicazione del brand durante le fasi più critiche della pandemia, quest’anno ci caliamo più nello specifico nel nuovo mondo della comunicazione”.  Quali sono, dunque, i contenuti che divertono e attraggono maggiormente lo spettatore? In quattro puntate, l’evento, accessibile gratuitamente a tutti, svilupperà e approfondirà quattro settori chiave per la comunicazione tra brand e cliente.

 

Gli appuntamenti con le BreakfaStories

Si inizia martedì 13 aprile, con “Doppio Gioco”, una puntata incentrata sul gaming, nata in collaborazione con RedBull, che sarà trasmessa sui canali social di OBE, PHD, e StartupItalia, media partner dell’iniziativa. Il gaming, è un segmento che segna una crescita particolarmente significativa nei consumi digitali, senza distinzione di generazioni. Quali sono, dunque, le regole da seguire per essere più efficaci e abili con lo stream, i video e i social? Durante l’evento moderato da Giampaolo Colletti, prenderanno la parola Salvatore Di Mari, Head of Red Bull Media Network, Luca Magni, Head of Sport Marketing di Red Bull, e Carlo Barone, Brand Manager Italia di Riot Games.

Il 4 maggio si terrà la seconda puntata, incentrata sui social network. “Storie, non stories”: una riflessione sull’effettiva efficacia dei social media, oggi, e sulla volatilità dei racconti. Durante l’appuntamento si risponderà a domande su come diventare più efficaci nell’intercettare gli utenti ed estendere la propria community e in che modo riuscire a identificare e bilanciare la narrazione continuativa e a lungo termine con i long-form e la giostra dei social media con i contenuti «usa e getta».

Leggi anche: Social (media) distancing: che cos’è? Se ne parla con Mauro Aprile Zanetti

 

La TV, con la sua evoluzione e rivoluzione oggi resa ancora più evidente dalla smart TV e i canali on demand sarà la protagonista del terzo appuntamento previsto per il 25 maggio, dal titolo “Lunga vita alla TV!”. Tra nuove audience, contenuti e piattaforme social, la commistione tra il digitale e social TV sta diventando sempre più realtà. «Durante questo evento si analizzerà, in particolar modo, il format utilizzato per “Il Collegio”, il programma Rai figlio di questa nuova era – afferma Daniela Della Riva – Oggi il contenuto sta divenendo sempre più centrale rispetto al canale».

L’ultimo incontro, il 15 giugno, è dedicato al mondo dell’audio e dei podcast, che nel corso del 2020 si sono riusciti a imporre anche sul pubblico italiano, partendo dal fenomeno “ClubHouse”. Durante l’evento si risponderà a come i brand possono approfittare di questi nuovi strumenti e che tipo di pubblico, grazie a questi, possono raggiungere. “Oggi tutti i brand devono creare e aggiornare la propria identità visuale – conclude Daniela – E in questo grande cambiamento anche l’audio diverrà sempre più un elemento centrale. Oggi l’intimità nella comunicazione è molto elevata e grazie alla partnership con OBE siamo in grado di studiare a fondo l’efficacia con la quale attrarre l’attenzione dei clienti”.

Al termine, tutti gli eventi registrati rimarranno disponibili sui canali social, Facebook e LinkedIn, di OBE e PHD, cosicché coloro che non avessero avuto la possibilità di poterli seguire in diretta, potranno farlo in qualsiasi momento.