desc

Microsoft, in fumo contratto da 10 miliardi col Pentagono. E ora?

TECH
Edit article
Set prefered

Microsoft, in fumo contratto da 10 miliardi col Pentagono. E ora?

L’accordo era stato firmato nel 2019, durante il mandato di Trump

L’accordo era stato firmato nel 2019, durante il mandato di Trump

Il cosiddetto JEDI, acronimo di Joint Enterprise Defense Infrastructure, potrebbe non dirvi nulla, ma si riferisce a un contratto firmato tra il Pentagono e Microsoft nel 2019, nel quale si affidava all’azienda fondata da Bill Gates una commessa da 10 miliardi di dollari sulla tecnologia cloud. Nelle scorse ore il Dipartimento della Difesa è tornato sui propri passi, annullando tutto dal momento che l’accordo “non centra più i nostri bisogni alla luce dei requisiti in evoluzione e dei progressi dell’industria”. A festeggiare più di tutti è stata Amazon, che con il suo Amazon Web Service rappresenta il più importante cloud computing provider al mondo e che, proprio in merito a questa vicenda, aveva protestato contro la decisione della Casa Bianca, all’epoca guidata da Donald Trump.

Leggi anche: Jeff Bezos, e ora cosa farà dopo l’addio ad Amazon?

Microsoft e Pentagono: tutto da rifare

L’ex presidente USA, sostenevano da Amazon, avrebbe di fatto bloccato l’assegnazione della commessa sul cloud al gigante di Seattle per una questione di antipatia nei confronti di Jeff Bezos. L’imprenditore è anche l’editore del Washington Post, una delle testate che ha criticato di più il tycoon durante il suo mandato. A questo punto è tutto da rifare e, come si legge sulla Reuters, Microsoft, Amazon e altre aziende in grado di offrire un servizio cloud adeguato potranno fare domanda per sottoscrivere il contratto col Pentagono.

Leggi anche: Julian Assange, perché gli USA lo vogliono. Storia del fondatore di WikiLeaks

Stando a The Verge, in realtà la partita dovrebbe comunque ridursi a un confronto tra Microsoft e Amazon, le uniche due aziende che possono venire incontro alle richieste del Dipartimento della Difesa su un’infrastruttura cloud adeguata alle esigenze. La commessa appena bloccata avrebbe avuto una durata decennale e fin dall’inizio delle trattative, come ricorda Tech Crunch, il Pentagono si è sempre mantenuto saldo sull’idea di affidare il contratto a una singola azienda.