desc

Guida galattica al Coronavirus per bambini. La storia del virus raccontata ai piccoli

Social Innovation
VALORE RESPONSABILE
Edit article
Set prefered

Guida galattica al Coronavirus per bambini. La storia del virus raccontata ai piccoli

Un supporto online gratuito e scaricabile a sostegno delle famiglie per spiegare ai bambini il Sars-CoV-19. E l’iniziativa nata dal progetto di Pleiadi Science Farmer

Un supporto online gratuito e scaricabile a sostegno delle famiglie per spiegare ai bambini il Sars-CoV-19. E l’iniziativa nata dal progetto di Pleiadi Science Farmer

Social Innovation

Come spiego a mio figlio cosa è un virus, cosa è il coronavirus e perché dobbiamo restare a casa?

Se diffondere una comunicazione che sia corretta, autorevole ed efficace è in questo momento una priorità per tutti, spiegare ai più piccoli le restrizioni e i divieti che stiamo vivendo potrebbe essere complicato. “Guida galattica al coronavirus” è un modo pratico, semplice, colorato, e gratuito, per aiutare i genitori ad affrontare un argomento delicato, come quello di una pandemia globale, con i propri figli. In un momento in cui l’Italia, e le famiglie italiane, stanno rivedendo totalmente la loro quotidianità tra smartworking, video schooling e compiti su google classroom, non bisogna dimenticarsi dei più piccoli e dare loro i giusti strumenti per capire il motivo per cui in questo momento si trovano a casa.

 

 

Guida galattica al Coronavirus

E’ necessario quindi che oltre alla scuola ci sia qualcosa di più: un dialogo continuo in famiglia che riesca a far capire ai più piccoli il significato di quello che stiamo vivendo. E la Guida Galattica al Coronavirus nasce proprio per questo.

 

L’idea di dare vita alla guida è nata dal progetto di Pleiadi Science Farmer, un gruppo di scienziati che si occupano di diffondere le materie STEM tra i più piccoli, ed è stata promossa da Children’s Museum di Verona, Explora il Museo dei Bambini di Roma, MUBA Museo dei Bambini di Milano e La città dei bambini e dei ragazzi di Genova. Presentato all’associazione internazionale Hands On! (International Association of Children in Museums), la Guida galattica al Coronavirus è piaciuta così tanto che sta facendo il giro del mondo. In pochi giorni è già stata richiesta e diffusa a scuole, centri culturali e didattici, aziende multinazionali, istituzioni e famiglie di oltre trenta Paesi e tradotta in decine di lingue, dall’arabo al giapponese. A breve Pleiadi le affiancherà anche un video e una app, per rendere ancora più ‘virale’ il messaggio per i più piccoli e l’invito a mettere in pratica i 6 piccoli gesti che potranno salvare il mondo.

 

La guida inizia quasi come una favola e vede come protagonisti medici e scienziati nei panni di veri e propri eroi. L’idea è che il racconto debba informare senza spaventare e per questo il virus diventa una star e radio, tv e giornali, non fanno altro che parlare di lui. Il linguaggio è semplice con frasi brevi e illustrate e domande e risposte giocose.

 

Quanto è piccolo il Coronavirus?

Talmente piccolo che sulla punta di un ago ci possono abitare oltre 350 mila virus, quasi come la popolazione di Firenze”.

 

Il supporto online gratuito e scaricabile a sostegno delle famiglie è sempre bilingue: italiano da una parte e inglese dall’altra, ma anche tedesco, indonesiano, arabo e cinese. Perché quando si parla di cultura non c’è confine che tenga, né di età né di lingua.

 

 

 

Come scaricare la guida

Guida galattica al Coronavirus è scaricabile gratuitamente sul sito di Explora – Il Museo dei bambini di Roma dove si legge “In questo momento delicato di chiusure e restrizioni che riguardano il Paese e le famiglie, Explora ha aderito al progetto Guida Galattica al Coronavirus, una guida gratuita e scaricabile per spiegare ai bambini e alle loro famiglie questo “microbo venuto da lontano” che sta cambiando le abitudini di tutti, ponendo l’accento sulla prevenzione, a partire dai piccoli gesti di ogni giorno”. La pubblicazione cartacea al momento non è prevista ma, come ha spiegato l’assessore all’istruzione della regione Veneto Elena Donazzan durante la presentazione del progetto: «Chi volesse stampare questa bella pubblicazione (a proprie spese o con uno sponsor) dovrà osservare due clausole: mantenere il testo-matrice in lingua italiana e fare una donazione, anche piccola, alla Protezione Civile italiana. Una doppia condizione che gli ideatori impongono a tutti i loro referenti esteri, in linea con il valore pedagogico e morale di questa iniziativa».