Arriva il primo investimento ufficiale di Invitalia Ventures: 1,5milioni a D-Eye con Innogest

E’ il primo dei 3 investimenti per 3,5 milioni totali. Si parte con 1,5 milioni messi insieme a Innogest, Fondazione Cottino e Si14 in nella startup D-Eye.

Arriva il primo closing ufficiale di Invitalia Ventures, la prima operazione uscita dal fondo di investimento di Invitalia nato a giugno 2015 e guidato da Salvo Mizzi. Il primo dei 3 annunciati il 4 dicembre per 3,5 milioni totali. Si parte con 1,5 milioni coinvestiti con Innogest, Fondazione Giuseppe e Annamaria Cottino, insieme a Si14 e messi in D-Eye, startup che ha sviluppato un dispositivo ottico brevettato, compatibile con i  principali smartphone sul mercato, che permette di effettuare esami della retina sfruttando la telecamera e il sistema di illuminazione degli smartphone, che diventa così anche un po’ oculista.

D-EYE-used-in-exam-of-a-child

La notizia arriva in una settimana che ha portato grandi novità (e qualche giustificata buona speranza) per il futuro della digital economy italiana. I 100 milioni di investimenti annunciati da Cisco per l’Italia (in buona parte in startup e proprio con Invitalia Ventures) e il primo centro di sviluppo di app annunciato da Apple che vedrà la luce a Napoli, con buone probabilità a Città della Scienza. Ora che la leva di Invitalia cominci a

Cosa fa e quale è la soluzione pensata da D-Eye

Una biotech quindi per cominciare. E forse era anche un po’ scontato che andasse così considerato che si tratta di fatto del settore che non solo in Italia attrae più investimenti di tutti. D-Eye si propone di rivoluzionare lo screening di patologie della retina e il follow-up dei milioni di pazienti affetti da patologie croniche. Oltre al dispositivo sviluppato, la soluzione D-Eye prevede l’utilizzo di una app sua e una piattaforma cloud attraverso cui l’utente potrà gestire il proprio database di immagini.  Nel 2015, con il supporto del polo ingegneristico Si14 di Padova, la società ha completato lo sviluppo dell’hardware ed ha avviato la creazione della piattaforma cloud tramite cui verranno erogati i servizi a supporto di medico e paziente.  A guidare la società è il CEO Richard Sill, che vanta una lunga esperienza in multinazionali di settore quali Bausch&Lomb e successivamente co-fondatore e CEO di Magellan, una delle prime società a realizzare un navigatore satellitare GPS dedicato al mercato consumer. La base operativa e di ricerca di D-Eye è basata in Italia, a Padova. Mentre le attività commerciali e di business development sono localizzate negli Stati Uniti.

Il primo investimento-manifesto di Invitalia Ventures

Innogest con questa operazione si conferma tra i fondi più attivi in Italia. Mentre di fatto parte anche ufficialmente il fondo di Invitalia. Coinvestiementi, come noto, che cominciano con un’operazione che per Salvo Mizzi che guida il fondo è quasi un’operazione-manifesto:   «D-Eye è il primo investimento del Fondo Italia Ventures e rappresenta molto bene la nostra mission: puntare su startup che abbiano un grande impatto positivo sulla vita delle persone e l’ambizione di crescere su scala internazionale» ha spiegato Mizzi. «L’incrocio tra digital e health è uno dei settori chiave in cui l’innovazione italiana ha la possibilità di esprimere progetti di grande respiro. D-Eye ha tutte le potenzialità per giocare questa partita».

@arcamasilum

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Un robot subacqueo ha ispezionato i reattori di Fukushima

Per analizzare l’entità dei danni del terremoto del 2011 nella centrale nucleare di Fukushima, gli scienziati stanno usando un piccolo robot a forma di pesce che ha restituito le prime immagini del reattore

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore