Cisco mette 5 milioni nel fondo di Invitalia, Mizzi: «L’Italia torna ad attirare investitori internazionali»

La multinazionale californiana ha sottoscritto il fondo di Invitalia guidato da Salvo Mizzi. Fa parte della strategia di Cisco annunciata a gennaio per digitalizzare l’Italia con 100 milioni di investimenti, anche in startup

Invitalia Ventures ha annunciato che Cisco Investment ha sottoscritto il fondo lanciato lo scorso giugno dalla controllata del ministero dell’Economia mettendoci 5 milioni. Invitalia ha costruito finora un network di investitori che aiuteranno Cisco ad investire con un’ampia rete di investitori sia nazionali che internazionali. Invitalia a gennaio ha messo a segno il primo investimento dal lancio del fondo: 1,5 milioni in D-Eye. Poche ore prima che Cisco annunciasse l’ennesima acquisizione in Silicon Valley, comrandosi per 1,4 miliardi di dollari Jaspers. 

9497_202_bandieraItaliaPa

Quello annunciato fa parte del piano di investimenti da 100 milioni in Italian annunciato da Cisco lo scorso gennaio. 100 milioni di dollari per guidare la trasformazione digitale dell’Italia, su un doppio versante: da un lato aumentare la consapevolezza e la capacità tecnica sul digitale in Italia, e aiutare la crescita dell’ecosistema startup italiano.

«Abbiamo l’ambizione di contribuire ad accelerare la digitalizzazione dell’Italia» ha detto Agostino Santoni, generale manager di Cisco Italia. «L’impegno con Invitalia Ventures è il primo passo fondamentale in questo viaggio che Cisco ha appena cominciato, che punterà a coinvolgere gli attori già impegnati nell’ecosistema dell’innovazione italiana e contribuire a costruire il futuro del Paese».

«Siamo molto orgogliosi di dare il benvenuto a Cisco Investment tra i sottoscrittori del nostro fondo» ha detto Salvo Mizzi, Ceo di Invitalia Venture, «è un grande onore e un grande privilegio lavorare con un’azienda come Cisco al processo di accelerazione della digitalizzazione dell’Italia. L’impegno di Cisco è anche un segno tangibile che l’Italia è tornata nel radar degli investitori internazionali»·

Tutti i venture italiani vogliono investire con Invitalia (che nomina due manager under 35)

Ti potrebbe interessare anche

A gennaio investiti 7,2M in startup italiane in una timeline (22,2M con quelle all’estero). L’anno scorso zero

Tutti i fatti principali delle startup italiane in una timeline, gli investimenti, i deal, le acquisizioni di startup italiane e fatte da italiani all’estero

5 milioni per le startup che fanno smart manufacturing, ecco le 7 sfide di Gala Lab

Una call (e 5 milioni, che potrebbero diventare 10) per 8 startup che progettano le città e le imprese del futuro. I “challenge” dello smart manufacturing e la proposta del prof. Guida (Gala Lab) per consolidare l’ecosistema italiano: «finanziare le startup con i fondi pensione»

Arriva il primo investimento ufficiale di Invitalia Ventures: 1,5milioni a D-Eye con Innogest

E’ il primo dei 3 investimenti per 3,5 milioni totali. Si parte con 1,5 milioni messi insieme a Innogest, Fondazione Cottino e Si14 in nella startup D-Eye.

Cisco comprerà Jasper (IOT) per 1,4 miliardi di dollari

Un’acquisizione che conferma l’attenzione di Cisco per il mercato dell’Internet of Things, ultima operazione di una strategia chiara del gigante californiano

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

“Don’t Tap and Drive”, la campagna social di Ford per non distrarsi con lo smartphone alla guida

Secondo una ricerca un giovane europeo su quattro si è scattato un selfie mentre era al volante, non prestando attenzione alla strada. L’azienda automobilistica ha pensato di usare Instragram per sensibilizzare sul comportamento da avere per muoversi in sicurezza

Il nuovo servizio di Swift per il controllo dei pagamenti in tempo reale

La nuova soluzione è un elemento chiave del Customer SecurityProgram dell’azienda per aumentare i livelli di sicurezza e fiducia all’interno della comunità finanziaria