Cisco mette 5 milioni nel fondo di Invitalia, Mizzi: «L’Italia torna ad attirare investitori internazionali»

La multinazionale californiana ha sottoscritto il fondo di Invitalia guidato da Salvo Mizzi. Fa parte della strategia di Cisco annunciata a gennaio per digitalizzare l’Italia con 100 milioni di investimenti, anche in startup

Invitalia Ventures ha annunciato che Cisco Investment ha sottoscritto il fondo lanciato lo scorso giugno dalla controllata del ministero dell’Economia mettendoci 5 milioni. Invitalia ha costruito finora un network di investitori che aiuteranno Cisco ad investire con un’ampia rete di investitori sia nazionali che internazionali. Invitalia a gennaio ha messo a segno il primo investimento dal lancio del fondo: 1,5 milioni in D-Eye. Poche ore prima che Cisco annunciasse l’ennesima acquisizione in Silicon Valley, comrandosi per 1,4 miliardi di dollari Jaspers. 

9497_202_bandieraItaliaPa

Quello annunciato fa parte del piano di investimenti da 100 milioni in Italian annunciato da Cisco lo scorso gennaio. 100 milioni di dollari per guidare la trasformazione digitale dell’Italia, su un doppio versante: da un lato aumentare la consapevolezza e la capacità tecnica sul digitale in Italia, e aiutare la crescita dell’ecosistema startup italiano.

«Abbiamo l’ambizione di contribuire ad accelerare la digitalizzazione dell’Italia» ha detto Agostino Santoni, generale manager di Cisco Italia. «L’impegno con Invitalia Ventures è il primo passo fondamentale in questo viaggio che Cisco ha appena cominciato, che punterà a coinvolgere gli attori già impegnati nell’ecosistema dell’innovazione italiana e contribuire a costruire il futuro del Paese».

«Siamo molto orgogliosi di dare il benvenuto a Cisco Investment tra i sottoscrittori del nostro fondo» ha detto Salvo Mizzi, Ceo di Invitalia Venture, «è un grande onore e un grande privilegio lavorare con un’azienda come Cisco al processo di accelerazione della digitalizzazione dell’Italia. L’impegno di Cisco è anche un segno tangibile che l’Italia è tornata nel radar degli investitori internazionali»·

Tutti i venture italiani vogliono investire con Invitalia (che nomina due manager under 35)

Ti potrebbe interessare anche

A gennaio investiti 7,2M in startup italiane in una timeline (22,2M con quelle all’estero). L’anno scorso zero

Tutti i fatti principali delle startup italiane in una timeline, gli investimenti, i deal, le acquisizioni di startup italiane e fatte da italiani all’estero

5 milioni per le startup che fanno smart manufacturing, ecco le 7 sfide di Gala Lab

Una call (e 5 milioni, che potrebbero diventare 10) per 8 startup che progettano le città e le imprese del futuro. I “challenge” dello smart manufacturing e la proposta del prof. Guida (Gala Lab) per consolidare l’ecosistema italiano: «finanziare le startup con i fondi pensione»

Arriva il primo investimento ufficiale di Invitalia Ventures: 1,5milioni a D-Eye con Innogest

E’ il primo dei 3 investimenti per 3,5 milioni totali. Si parte con 1,5 milioni messi insieme a Innogest, Fondazione Cottino e Si14 in nella startup D-Eye.

Cisco comprerà Jasper (IOT) per 1,4 miliardi di dollari

Un’acquisizione che conferma l’attenzione di Cisco per il mercato dell’Internet of Things, ultima operazione di una strategia chiara del gigante californiano

Creabilis (Ivrea/Kent) venduta per 150 milioni al colosso americano Sienna Biopharmaceuticals

La startup ha sede nel Kent (contea UK) ma il processo di ricerca e di sviluppo del prodotto è tutto made in Italy. Ha sviluppato un sistema in grado di localizzare l’effetto dei farmaci dermatologici a livello della pelle

Il rino-robot per proteggere i rinoceronti dal bracconaggio. Ramakera

Ramakera è un robot con le sembianze di un rinoceronte, in grado di monitorare e proteggere il gruppo di animali in cui si trova. Una possibile misura contro il bracconaggio che, a causa dei corni, sta spingendo questo animale verso una rapida estinzione.

Tecnologia e hardware, com’è stato il 2016 degli investimenti e dove vanno le big. Il report

La tecnologia primeggia nelle operazioni M&A per il secondo anno consecutivo e raggiunge la vetta nelle fusioni e acquisizioni a livello globale per la seconda volta dal 2000. Le innovazioni in realtà aumentata, realtà virtuale e l’Internet delle Cose (IoT) i settori nel mirino degli investitori nell’hardware

A colloquio con la spia che adesso protegge le aziende. Intervista a Dave Palmer (Darktrace)

L’azienda ha sviluppato un approccio alla cyber-defense che mima il comportamento del sistema immunitario umano di fronte alle minacce virali. Il suo CTO, Dave Palmer, ha lavorato con il MI5