Cisco mette 5 milioni nel fondo di Invitalia, Mizzi: «L’Italia torna ad attirare investitori internazionali»

La multinazionale californiana ha sottoscritto il fondo di Invitalia guidato da Salvo Mizzi. Fa parte della strategia di Cisco annunciata a gennaio per digitalizzare l’Italia con 100 milioni di investimenti, anche in startup

Invitalia Ventures ha annunciato che Cisco Investment ha sottoscritto il fondo lanciato lo scorso giugno dalla controllata del ministero dell’Economia mettendoci 5 milioni. Invitalia ha costruito finora un network di investitori che aiuteranno Cisco ad investire con un’ampia rete di investitori sia nazionali che internazionali. Invitalia a gennaio ha messo a segno il primo investimento dal lancio del fondo: 1,5 milioni in D-Eye. Poche ore prima che Cisco annunciasse l’ennesima acquisizione in Silicon Valley, comrandosi per 1,4 miliardi di dollari Jaspers. 

9497_202_bandieraItaliaPa

Quello annunciato fa parte del piano di investimenti da 100 milioni in Italian annunciato da Cisco lo scorso gennaio. 100 milioni di dollari per guidare la trasformazione digitale dell’Italia, su un doppio versante: da un lato aumentare la consapevolezza e la capacità tecnica sul digitale in Italia, e aiutare la crescita dell’ecosistema startup italiano.

«Abbiamo l’ambizione di contribuire ad accelerare la digitalizzazione dell’Italia» ha detto Agostino Santoni, generale manager di Cisco Italia. «L’impegno con Invitalia Ventures è il primo passo fondamentale in questo viaggio che Cisco ha appena cominciato, che punterà a coinvolgere gli attori già impegnati nell’ecosistema dell’innovazione italiana e contribuire a costruire il futuro del Paese».

«Siamo molto orgogliosi di dare il benvenuto a Cisco Investment tra i sottoscrittori del nostro fondo» ha detto Salvo Mizzi, Ceo di Invitalia Venture, «è un grande onore e un grande privilegio lavorare con un’azienda come Cisco al processo di accelerazione della digitalizzazione dell’Italia. L’impegno di Cisco è anche un segno tangibile che l’Italia è tornata nel radar degli investitori internazionali»·

Tutti i venture italiani vogliono investire con Invitalia (che nomina due manager under 35)

Ti potrebbe interessare anche

A gennaio investiti 7,2M in startup italiane in una timeline (22,2M con quelle all’estero). L’anno scorso zero

Tutti i fatti principali delle startup italiane in una timeline, gli investimenti, i deal, le acquisizioni di startup italiane e fatte da italiani all’estero

5 milioni per le startup che fanno smart manufacturing, ecco le 7 sfide di Gala Lab

Una call (e 5 milioni, che potrebbero diventare 10) per 8 startup che progettano le città e le imprese del futuro. I “challenge” dello smart manufacturing e la proposta del prof. Guida (Gala Lab) per consolidare l’ecosistema italiano: «finanziare le startup con i fondi pensione»

Arriva il primo investimento ufficiale di Invitalia Ventures: 1,5milioni a D-Eye con Innogest

E’ il primo dei 3 investimenti per 3,5 milioni totali. Si parte con 1,5 milioni messi insieme a Innogest, Fondazione Cottino e Si14 in nella startup D-Eye.

Cisco comprerà Jasper (IOT) per 1,4 miliardi di dollari

Un’acquisizione che conferma l’attenzione di Cisco per il mercato dell’Internet of Things, ultima operazione di una strategia chiara del gigante californiano

Storie di ex calciatori che oggi fanno startup. Bonetti, Ponzo e gli altri

Ivano Bonetti, ex centrocampista bianconero, smessi i panni di calciatore (e poi di manager) ha lanciato Mobisafe, startup che si occupa di tecnologia applicata alla salute. Ma non è il solo.

I tassi di interesse negativi delle banche, spiegati

Che senso ha mettere soldi in banca con la certezza che varranno di meno? Figuriamoci se è la Bce a chiedere alle banche di farlo. Coi loro soldi. Eppure un senso ce l’hanno, questi tassi d’interesse a margine negativo. Vi spieghiamo perché

Gioia e cibo a cielo e (cuore) aperto. Vi racconto il mio Salone del Gusto

È la prima edizione che si svolge a cielo aperto e senza biglietto d’ingresso. In tutta Torino. Con sapori, sorrisi ed eccellenze enogastronomiche da tutto il mondo. Ma soprattutto è la possibilità di scacciare via la paura e capire quanto è bello, insieme, voler bene alla Terra.

Toronto, la città multiculturale che consuma poco e innova tanto

Sistemi per il controllo dei consumi nelle case, produzione di energia dal gas ricavato dai rifiuti, stampa in 3D alla portata di tutti: la capitale economica del Canada entra così a pieno titolo tra le smart city più importanti del mondo