Guide turistiche fatte da chi i posti li vive davvero. Ecco Openmondo

Come è nato Openmondo che permette a chiunque di realizzare guide locali che diventano veri e propri siti web

Openmondo nasce da un’amicizia, anni di viaggi insieme e collaborazione per diversi lavori.

Matteo Bormetti e Antonio Greco si conoscono a Milano dove studiano all’Istituto Europeo di Design e si specializzano in digital communication. Tra un aperitivo, un libro e una serie tv pianificano viaggi e cominciano a nascere i primi progetti lavorativi. Sono due ragazzi curiosi e, seppur diversi, rimangono uniti dalla passione per il viaggio e per tutto ciò che è digital e dalla stessa serietà e pragmaticità con cui affrontano i lavori che fanno insieme.

Matteo, dopo gli studi lavora in agenzia di comunicazione prima come Junior Account e poi come Digital Project Manager con un team di 8 persone. Poi decide di licenziarsi nel 2014 e provare a investire la sua energia e voglia di fare in un progetto indipendente. Nel frattempo Antonio passa anni in giro per il mondo e lavora come Digital Expert da qualsiasi angolo in cui si trova: il tavolino di un caffè, il divano di un ostello, una terrazza vista oceano, ecc. Al suo rientro ritrova Matteo e l’idea di unire viaggio e web li convince a mollare lavoro e vita all’estero (per il momento) e buttarsi insieme nel progetto Openmondo.

openmondo

Il sogno, che nasce da ciò che amano durante i loro viaggi, è far scoprire il mondo con gli occhi degli abitanti! Questa è l’idea da cui nasce l’azienda, fondata in Svizzera a settembre 2014: un saas (Software as a Service) che dà la possibilità alle persone di aprire un vero e proprio portale turistico per raccontare una località.

Inizialmente il team era formato da 3 persone: Matteo Bormetti che si occupava della vendita, Antonio Greco della User Experience e Matteo Bresciani di tutta la parte di programmazione. I primi sei mesi di questa nuova avventura hanno vissuto in un appartamento insieme che poi fungeva anche da ufficio, sala riunioni, sala giochi, sala da pranzo, alloggio e spazio per feste (quando non si passava la notte a programmare, ovviamente).

board-openmondo

All’inizio del 2015 c’è stato il lancio sul mercato, «Eravamo in fibrillazione quando dovevamo chiamare i primi clienti» raccontano «Ora si trattava di spiegare a qualcuno che non ci conosceva, qual era il nostro sogno e convincerlo a crederci con noi».

I riscontri sono stati positivi fin da subito e questo dà carica ai ragazzi per proseguire e continuare a lavorare sul loro progetto. A marzo 2015 partecipano al Crowdsourcing Week come start up emergente nel settore del turismo e si trovano a fare il loro pitch in mezzo a giganti del calibro di Airbnb, Huber e Bla Bla Car…l’adrenalina è a mille!

I clienti aumentano, sempre più persone hanno voglia di crearsi un proprio progetto indipendente grazie al loro servizio e così aiutano gente in tutta Italia ad avviare il sito web della propria località e promuovere il territorio.

numeri-openmondo-2016

I numeri di Openmondo a un anno di attività

- 76 guide attivate

- 327 comuni coinvolti

- 25.000 luoghi inseriti

- 1.500 eventi creati

8 podcast per capire bene business e finanza

Una lista dei migliori podcast per saperne di più e tenersi sempre aggiornati sul mondo degli affari e quello dei soldi, secondo Business Insider. Sono, ovviamente, in inglese. Una buona occasione per esercitarsi! Eccoli.

Ecco la startup che ti farà mangiare come una star dell’NBA. Gather

Ayesha, la moglie di Stephen Curry (stella dei Golden State Warriors), sempre più attiva nel food: dopo un ristorante, un libro, promette di distribuire piatti e ricette che prepara in casa

A Milano il primo Talent Hackathon italiano (con Manpower e TIM)

Si tiene a Milano il prossimo 8 luglio. Lo organizza Human Age Institute, la fondazione di social impact sostenuta da Manpower, che si occupa di coltivare e supportare il talento e le risorse umane. È completamente gratuito.