Smart&Start, le migliori startup potranno incontrare a New York i venture capitalist USA

Le startup finanziate con Smart&Start sono in prima fila per candidarsi a partecipare alla “One week accelerator”, in programma a New York dall’8 al 13 maggio 2016. L’evento è organizzato da Italian Business & Investment Initiative

Le startup finanziate con Smart&Start sono in prima fila per candidarsi a partecipare alla “One week accelerator”, in programma a New York dall’8 al 13 maggio 2016.

L’evento è organizzato da Italian Business & Investment Initiative per consentire alle startup italiane di entrare in diretto contatto con il venture capital USA e di capire quanto sono fondate e finanziabili le loro ambizioni di crescita internazionale.

New York

L’iniziativa è stata presentata il 9 marzo 2016 con il webinar “Smart&Stripes”, a cui hanno partecipato circa 50 imprese che hanno ottenuto gli incentivi di Smart&Start, gestiti da Invitalia. Per alcune di loro, se supereranno la selezione, si profila la possibilità di trascorrere una settimana nella Grande Mela per presentarsi ai finanziatori americani e confrontarsi con un mercato estremamente ricco e selettivo.

Al webinar ha partecipato Fernando Napolitano – CEO di Italian Business & Investment Initiative – il quale ha sottolineato che l’intenzione è portare a Manhattan circa 15 startup italiane, scelte tra tutte quelle che decideranno di candidarsi.

Napolitano ha sottolineato che gli startupper selezionati dovranno presentare un piano di espansione del business agguerrito e credibile allo stesso tempo.

Nel corso del webinar è stato chiarito come gli operatori americani siano estremamente pragmatici e più che mai focalizzati sulle startup che dimostrano di potere essere altamente redditizie.

“One week accelerator” offre non solo l’opportunità sviluppare rapporti con il venture capital USA, ma anche di capire meglio quali sono le potenzialità di successo e di espansione del proprio business.

Il Mit fa un sito che simula incidenti di auto senza pilota (e tu decidi chi deve morire)

L’università di Boston ha creato un sito sul quale gli utenti analizzano diversi scenari e propongono la scelta che ritengono più etica in caso di imprevisti su strada con le macchine self-driving. Il tentativo è quello di programmarle secondo il senso comune

Deutsche Telekom investe 4,1 milioni di dollari su Roambee (IoT)

Roambee ha ricevuto 4.1 milioni di dollari da parte di Deutsche Telekom Strategic Investments (DTSI). La mossa risponde ad una precisa strategia di open innovation da parte dell’azienda