Ecco il metodo di Google Ventures per testare idee di business, in 5 giorni

Si chiama Sprint, il metodo ideato da Jake Knapp, design partner di Google Ventures che insegna come costruire e testare ogni tipo di idea in 40 ore.

Come risolvere un grosso problema e testare nuove idee in cinque giorni. Si chiama Sprint, il metodo ideato da Jake Knapp, design partner di Google Ventures che insegna come costruire e testare ogni tipo di idea in 40 ore. Viene descritto nel libro Sprint – how to solve big problems and test new ideas in  just five days. Ecco qualche anticipazione.

#Giorno zero

Prima di iniziare bisogna “allestire il palcoscenico” per far partire il metodo “Sprint”.  Ecco alcuni degli ingredienti necessari:

1. Scegliere un grosso problema che ha ancora soluzioni scarse sul mercato.

2. Trovare le persone giuste (tra quattro e otto, il numero perfetto. Designer, product manager, ingegneri, esperti di user experience e di marketing) e dividerle in team rispetto all’aerea di competenze.

3. Stabilire il calendario con le date degli incontri.

4. Eleggere un moderatore delle riunioni.

5. Reperire matite, post-it, matite, lavagna, un timer… Qui per saperne di più.

#Giorno uno

È il giorno del primo confronto. Gli esperti in ognuno dei campi offrono la loro opinione sul problema che è stato scelto. Qui è importante lo scambio e il dialogo. Il reparto vendite saprà cose che gli ingegneri non conoscono, chi si occupa di servizi al cliente conoscerà aspetti che sfuggono al designer. Una volta finito il primo incontro il moderatore elabora una bozza con una sintesi degli aspetti più rilevanti venuti fuori dal primo incontro. Qui per dettagli.

sprint 3

#Giorno due

È lo “sketch day”. I team lavoreranno individualmente per disegnare su un foglio le soluzioni al problema. È importante che ogni team descriva la sua idea usando molto dettagli. Dopodiché si procede alla fase delle votazioni, in cui sarà scelta e votata la migliore. Qui puoi leggere altro su questa fase.

#Giorno tre

È un giorno decisivo dove dovrai scegliere tra una dozzina di soluzioni. Ovviamente non puoi pensare di testarle tutte. Devi limitare al massimo le scelte e prendere decisioni dolorose. Qui se hai dubbi su come superare questa fase senza fare errori.

sprint 2

#Giorno quattro

Immagina di essere George Clooney quando in Ocean’s Eleven stabilisce ruoli e compiti per il suo piano. Hai le idee, hai il team. Non devi fare altro che distribuire i ruoli e realizzare ciò che hai in mente. Le caratteristiche di un buon prototipo? È veloce, bello da vedere, ognuno può usarlo senza grossi problemi,  costa poco, non è perfetto… Leggi qui.

#Giorno cinque

Sei giunto quasi alla fine del tuo percorso. Ora devi mostrare il prototipo/i a utenti reali con colloqui individuali (trovane almeno sei). Ascolta ciò che dicono, prendi nota dei loro dubbi/perplessità. Scrivi alla lavagna. Fai una colonna per ogni partecipante e riporta le loro impressioni per ogni prototipo. Sii umile. Se non riescono a usare il prodotto, non significa che sono stupidi. Ma che c’è qualcosa che hai sbagliato. E devi rivedere tutto. È  un rischio, ma devi correrlo.  Qui per saperne di più…

sprint  cover

Cosa vuol dire fare una «startup» per il digitale a Palazzo Chigi

Il nuovo Commissario del governo per il digitale e l’innovazione Diego Piacentini ha aperto le candidature per il nuovo team, dicendo di voler creare una sorta di «startup» all’interno della Pubblica Amministrazione

Copenaghen, la prima città al mondo a emissioni zero

La capitale danese punta entro il 2025 a far spostare il 50 per cento dei suoi abitanti in bicicletta e a produrre energia pulita attraverso le biomasse. Tutto in un contesto urbano moderno e iperconnesso

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»