La chiave di uno storytelling di successo secondo Steve Clayton, lo storyteller di Microsoft

Otto anni fa raccontava Microsoft dall’interno attraverso un blog. Da allora il suo è diventato un modello anche per le piccole startup che si affacciano sul mercato

«Il mondo è pieno di dati. Da quando ti svegli la mattina sei bombardato da 20 giga di dati: radio, tv, webcast, giornali….ma la gente non ricorda i dati, ricorda le storie. Il nostro compito è creare grandi storie che potranno essere, a loro volta, raccontate di nuovo da tante persone. E le storie possono aiutarti a costruire il tuo brand». Steve Clayton è chief storyteller di Microsoft. Ha sempre visto questo lavoro come un hobby, e in effetti otto anni fa ha cominciato così: con un blog personale che raccontava l’azienda di Windows dal punto di vista di un dipendente. Dopo pochi anni, qualcuno si è accorto che quel racconto poteva avere una funzione aziendale. «Hanno deciso di correre un rischio», precisa Steve. «Io stesso ho deciso di correre un rischio, sei anni fa, trasferendomi dall’Inghilterra a Seattle. Bisogna imparare a correre rischi. È la prima lezione che un’azienda come Microsoft può offrire a una startup. La voglia di rischiare. È un approccio diverso».

Steve Clayton

«Siamo fatti per raccontare storie»

Microsoft ha capito che lo storytelling può cambiare la percezione della società. Il senso di farci lavorare Steve e un team di venti persone viene da lontano: «Perché investire in storytelling? È molto semplice: le persone sono progettate per consumare e raccontare storie. È nella specie umana. Quando vivevamo nelle caverne raccontavamo storie se non potevamo combatterci l’un l’altro!» A livello aziendale, un modello a lungo predominante sono state le case histories. «Niente di male, ma non sono davvero storie», precisa Clayton. «Una storia ha un eroe che si mette in viaggio, e l’eroe dev’essere qualcuno dentro la tua organizzazione, oppure un tuo cliente, che inizia un viaggio con un tuo prodotto, incontra delle difficoltà e le supera, con il tuo aiuto».

Consigli per le startup

Se servissero delle istruzioni per l’uso, buone anche per una startup mille volte più piccola di Microsoft, Clayton le ha, e vengono da anni d’esperienza – sono quindi meno ortodosse di quanto ci si aspetti. «Una delle cose che abbiamo imparato strada facendo, è che dobbiamo abbattere alcune nostre difese. E raccontare una storia vera. Una grande storia deve esser autentica, avere alti e bassi, retroscena». Per raccontarla, le persone ideali sono più giovani e appassionate, non necessariamente i capi. Certo, occorre il talento nella scrittura. Ma la qualità maggiore resta saper catturare l’immaginazione del pubblico. Magari in modo un po’ inaspettato. «Con Microsoft stiamo sperimentando. Di recente abbiamo pubblicato un libro di fantascienza: dallo storytelling digitale al mondo fisico. E la prossima volta mi piacerebbe cedere a una delle mie passioni personali… e creare un disco in vinile!»

Il potere delle immagini

Ma Clayton sa che al cuore del mondo digitale, sempre di più, ci sono le immagini. «Non è una sorpresa che due delle più prolifiche startup siano Instragram e Pinterest. Oggi un’immagine vale migliaia di parole. Incoraggerei le startup a investire in grande fotografia, a curare l’aspetto visivo. Le immagini possono raccontare storie incredibilmente potenti».

Ti potrebbe interessare anche

A Trieste con Microsoft nasce un polo d’eccellenza per l’innovazione: si parte con 10 startup

Un polo d’eccellenza per sviluppare startup innovative, a Trieste nasce Tilt e Microsoft si accorda con le istituzioni per fornire tecnologia e know how

Cisco investirà 100 milioni in Italia, anche in startup. E lo farà con Invitalia Ventures

La multinazionale californiana ha annunciato oggi una strategia di investimento in tre anni in Italia per aiutare il paese a digitalizzarsi. Investirà in startup italiane con Invitalia Ventures

Ecco le 10 startup e i 5 acceleratori italiani scelti per suonare la campana del London Stock Exchange

Sono stati scelti per MadeInItaly2020, hanno partecipato alla cerimonia di apertura delle contrattazioni del LSE. Ecco l’elenco. Cosa è successo a Londra

I soldi dei venture capital: ma servono?

Un post di Fabrizio Capobianco, ceo di Tok.tv, che racconta a cosa serve davvero il venture capital per una startup, e perché a molte aziende che in Italia chiamiamo startup forse non serve. Sono Lifestyle companies.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti