BioBeats di Davide Morelli chiude un round da 2,3M. Tra gli investitori anche Will Smith

Round di 2,28 milioni di dollari per BioBeats, la startup che crea app che monitorano lo stato di salute e abbassano il livello di stress dei dipendenti

Round di  2,28 milioni di dollari per BioBeats, la startup che crea app che monitorano lo stato di salute e abbassano il livello di stress dei dipendenti. Tra i cofondatori Davide Morelli, 40enne pisano, dottorando del dipartimento di informatica di Pisa. Sede in California, ma team di sviluppo tra Londra e Pisa.

Biobeats. Photograph by Felix Clay.

Davide Morelli, cofounder di Bio Beats

Tra i backers anche Will Smith

Nata come un’app che monitora il battito cardiaco e lo associa a una melodia il progetto ne ha fatta di strada. Tutto parte da un’idea di Davide che collabora con David Plans, inglese, anche lui ricercatore impegnato in progetti che legano intelligenza artificiale e musica. L’incontro a San Francisco con l’imprenditore americano Nadeem Kassam, offre il capitale iniziale per partire: 650mila dollari, con diversi angel che partecipano, tra cui l’attore Will Smith: gli mostrano l’app al TedX durante il quale era ospite, e lui se ne innamora tanto da decidere di investirci.

Il progetto oggi

BioBeats si è evoluta in un’app che usando dispositivi indossabili e smartphone offre informazioni in tempo reale su più campi: dal sonno, dall’attività del cuore, allo stress. Dopodiché sviluppa programmi personalizzati per aiutare gli utenti a vivere una vita più salutare. Oggi la startup collabora con le aziende, diventando un sistema per monitorare le condizioni di salute dei dipendenti. E offrire programmi di coaching per aiutarli a gestire meglio il lavoro e la vita.

Il nuovo round da 2,28 milioni

La cifra di 2,28 milioni è frutto di un finanziamento da parte di tre venture, White Cloud Capital, Axa Strategic Ventures e IQ Capital. Parte dei fondi verranno destinati allo sviluppo e la commercializzazione dell’app Hear and How, che ti insegna come respirare correttamente.

BioBeats Inc. è fortemente internazionale: nella sede in California vengono gestiti gli investitori e il business development nel settore intrattenimento; il team a Londra gestisce lo sviluppo nel settore medicale mentre il team di sviluppo ha sede a Pisa. BioBeats, l’azienda che l’ha progettata e messa sugli store, nasce come spinoff dell’Università di Pisa. L’avventura è nata dalla lunga collaborazione tra David PlansDavide Morelli, nel campo della ricerca a cavallo tra intelligenza artificiale e musica.

Ti potrebbe interessare anche

10 film che non parlano di startup ma che uno startupper dovrebbe vedere

The Social Network è immancabile, ma questi dieci film secondo noi hanno un messaggio su cui ragionare, anche quando si fa startup

33 anni, dice un grande no all’ex ceo di PayPal e fa una startup a Bologna: chi è il «samurai» Marco Ramilli

Si definiscono samurai e «combattono» il crimine online, intervista al founder di Yoroi Marco Ramili «Prima pensavo che la parte più difficile del mio lavoro fosse programmare, oggi ho capito che è gestire le persone»

Cannavale (Lastminute): «Perché Shark Tank è l’emblema dello stato delle startup in Italia»

Intervista a al ceo di Lastminute che racconta delle difficoltà lato venture e startup. E racconta della fortunata serie televisiva come un esempio di quanta confusione e polemica inutile ci sia nel mondo delle startup

Collaborare è una noia mortale e azzera la produttività. Uno studio

Per molto tempo elogiata come soluzione ai problemi del lavoro moderno, la collaborazione e i meeting in realtà fanno male. Almeno ad alcuni lavori. Specie quelli più creativi. Uno studio dell’Harvard Business Review

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup