Ecco le 10 professioni in cui è ancora meglio lavorare da freelance in Italia

Face4Job, piattaforma specializzata nel creare match fra domanda e offerta di lavoro, ha stilato per StartupItalia.eu una classifica dei lavori in cui la parola freelance è ancora un valore aggiunto. Eccola

Mentre il primo trimestre 2016 fotografa un mondo del lavoro affamato di esperti IT, ingegneri e call center, si legge del crollo della domanda di consulenti e liberi professionisti. In altre parole, i freelance vivono tempi duri, tanto da arrivare a chiedersi se oggi conviene ancora scegliere di appartenere a questa categoria fatta di partite Iva e ritenute d’acconto (quando va bene). Face4Job, piattaforma specializzata nel creare match fra domanda e offerta di lavoro, ha stilato per noi una classifica dei lavori in cui la parola freelance è ancora un valore aggiunto, almeno dal punto di vista della richiesta sul mercato.

fotografo1-600x399

Al primo posto troviamo che fare il fotografo da freelance è ancora una buona scelta. Anche i consulenti di contabilità e finanza continuano ad avere mercato, seguiti dai trainer soprattutto nel settore turistico. Avete presente i ragazzi che animano il risveglio muscolare mattutino nei villaggi turistici? Ecco, sono dei freelance. Quello che pochi sanno è che le aziende considerano freelance anche i responsabili della sicurezza e i consulenti organizzativi. Nessuna novità per traduttori o interpreti, che hanno forse conseguito la laurea già sposando la causa da freelance, e che si piazzano al sesto posto di questa classifica. Freelance sono anche coloro che scelgono di lavorare nel mondo della moda. Sarte e modelle si classificano settime, seguite dai giornalisti e consulenti di marketing. Infine, al decimo posto troviamo i regulatory affairs manager, professionisti operanti nelle aziende farmaceutiche per regolarizzare tutta la serie di autorizzazioni necessarie nel processo produttivo.

  1. Fotografo
  2. Consulenti per contabilità/Finanza
  3. Trainer
  4. Responsabili della sicurezza
  5. Consulenza organizzativa
  6. Interprete e/o traduttore
  7. Fashion (sarte e modelle)
  8. Giornalista
  9. Consulente marketing
  10. Regulatory affairs manager

(classifica Face4Job)

Nel nostro paese queste professioni sono più richieste al Nord, con in testa Lombardia e Piemonte, seguite da Lazio ed Emilia Romagna. Fanalini di coda nella richiesta di freelance sono Marche, Calabria e Umbria.

Ma cosa significa fare il freelance? Lo abbiamo chiesto a Veronica Benini, motivatrice e blogger, che prima di tutto fa una premessa. “Bisogna distinguere fra freelance e liberi professionisti. La differenza? I primi non appartengono ad alcun albo, non hanno una cassa previdenziale dedicata né una formazione universitaria specifica che li accumuni. Io sono laureata in architettura, pensa” e lavora con le persone e le parole. “È una professione bastarda”, continua la creatrice di Sporablog. “I social media manager spesso hanno lauree in lettere o in filosofia, si sono creati un mestiere perché hanno iniziato a bazzicare la rete e hanno capito come funziona”. Tuttavia nelle estrazioni di dati, liberi professionisti e freelance vengono messi in uno stesso calderone. l’ISTAT li chiama occupati indipendenti: “coloro che svolgono la propria attività lavorativa senza vincoli formali di subordinazione. Sono compresi: imprenditori; liberi professionisti, lavoratori autonomi, coadiuvanti nell’azienda di un familiare (se prestano lavoro nell’impresa senza il corrispettivo di una retribuzione contrattuale come dipendenti), soci di cooperativa, collaboratori (con e senza progetto) e prestatori d’opera occasionali”.

“Cosa ci accomuna ai liberi professionisti? Il Fisco!”, ribatte decisa Benini. “Lavorare come freelance è bello perché puoi farlo ovunque, il tuo capo sei tu e puoi avere tutti i clienti che vuoi, ma ognuno pensa per sé. Inoltre, tra i contro dell’essere freelance c’è quell’impossibilità di fare un progetto di vita che comprenda un mutuo. Disegniamo la nostra vita in base a quello che non possiamo avere”. Ma perché allora non dirigersi verso il vecchio contratto a tempo indeterminato? “Perché, quando lo ottieni, alla fine scopri di non volerlo. E poi quante volte si entra in un’azienda da false partite IVA con stipendi miseri? A quel punto, per fare la fame, preferisco farla da sola”.

Aumento di capitale per Satispay, già raccolti 14 milioni. Obiettivo: mercato estero

Risorse da record per la startup italiana dei pagamenti digitali fondata da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. I fondi raccolti saranno destinati all’internazionalizzazione del prodotto. A partire dalla Germania

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

La centrifuga di Iscleanair ripulisce l’aria dagli inquinanti senza usare filtri

La scaleup, che è inserita nel programma di accelerazione Eit Digital, propone un dispositivo in grado di migliorare la qualità degli ambienti interni ed esterni, sfruttando l’abbattimento in acqua. La sua soluzione può aiutare anche la rigenerazione urbana

Quanto sono sicuri i tuoi sistemi? Ecco cosa ci dice il rapporto Verizon sulle violazioni informatiche

Ransomware e phishing sono in aumento, i settori finanziario e sanitario tra i più colpiti, ma anche le piccole imprese non stanno tranquille. Entusiasmo, distrazione, curiosità e incertezza sono i cavalli di Troia