Ecco le 10 professioni in cui è ancora meglio lavorare da freelance in Italia

Face4Job, piattaforma specializzata nel creare match fra domanda e offerta di lavoro, ha stilato per StartupItalia.eu una classifica dei lavori in cui la parola freelance è ancora un valore aggiunto. Eccola

Mentre il primo trimestre 2016 fotografa un mondo del lavoro affamato di esperti IT, ingegneri e call center, si legge del crollo della domanda di consulenti e liberi professionisti. In altre parole, i freelance vivono tempi duri, tanto da arrivare a chiedersi se oggi conviene ancora scegliere di appartenere a questa categoria fatta di partite Iva e ritenute d’acconto (quando va bene). Face4Job, piattaforma specializzata nel creare match fra domanda e offerta di lavoro, ha stilato per noi una classifica dei lavori in cui la parola freelance è ancora un valore aggiunto, almeno dal punto di vista della richiesta sul mercato.

fotografo1-600x399

Al primo posto troviamo che fare il fotografo da freelance è ancora una buona scelta. Anche i consulenti di contabilità e finanza continuano ad avere mercato, seguiti dai trainer soprattutto nel settore turistico. Avete presente i ragazzi che animano il risveglio muscolare mattutino nei villaggi turistici? Ecco, sono dei freelance. Quello che pochi sanno è che le aziende considerano freelance anche i responsabili della sicurezza e i consulenti organizzativi. Nessuna novità per traduttori o interpreti, che hanno forse conseguito la laurea già sposando la causa da freelance, e che si piazzano al sesto posto di questa classifica. Freelance sono anche coloro che scelgono di lavorare nel mondo della moda. Sarte e modelle si classificano settime, seguite dai giornalisti e consulenti di marketing. Infine, al decimo posto troviamo i regulatory affairs manager, professionisti operanti nelle aziende farmaceutiche per regolarizzare tutta la serie di autorizzazioni necessarie nel processo produttivo.

  1. Fotografo
  2. Consulenti per contabilità/Finanza
  3. Trainer
  4. Responsabili della sicurezza
  5. Consulenza organizzativa
  6. Interprete e/o traduttore
  7. Fashion (sarte e modelle)
  8. Giornalista
  9. Consulente marketing
  10. Regulatory affairs manager

(classifica Face4Job)

Nel nostro paese queste professioni sono più richieste al Nord, con in testa Lombardia e Piemonte, seguite da Lazio ed Emilia Romagna. Fanalini di coda nella richiesta di freelance sono Marche, Calabria e Umbria.

Ma cosa significa fare il freelance? Lo abbiamo chiesto a Veronica Benini, motivatrice e blogger, che prima di tutto fa una premessa. “Bisogna distinguere fra freelance e liberi professionisti. La differenza? I primi non appartengono ad alcun albo, non hanno una cassa previdenziale dedicata né una formazione universitaria specifica che li accumuni. Io sono laureata in architettura, pensa” e lavora con le persone e le parole. “È una professione bastarda”, continua la creatrice di Sporablog. “I social media manager spesso hanno lauree in lettere o in filosofia, si sono creati un mestiere perché hanno iniziato a bazzicare la rete e hanno capito come funziona”. Tuttavia nelle estrazioni di dati, liberi professionisti e freelance vengono messi in uno stesso calderone. l’ISTAT li chiama occupati indipendenti: “coloro che svolgono la propria attività lavorativa senza vincoli formali di subordinazione. Sono compresi: imprenditori; liberi professionisti, lavoratori autonomi, coadiuvanti nell’azienda di un familiare (se prestano lavoro nell’impresa senza il corrispettivo di una retribuzione contrattuale come dipendenti), soci di cooperativa, collaboratori (con e senza progetto) e prestatori d’opera occasionali”.

“Cosa ci accomuna ai liberi professionisti? Il Fisco!”, ribatte decisa Benini. “Lavorare come freelance è bello perché puoi farlo ovunque, il tuo capo sei tu e puoi avere tutti i clienti che vuoi, ma ognuno pensa per sé. Inoltre, tra i contro dell’essere freelance c’è quell’impossibilità di fare un progetto di vita che comprenda un mutuo. Disegniamo la nostra vita in base a quello che non possiamo avere”. Ma perché allora non dirigersi verso il vecchio contratto a tempo indeterminato? “Perché, quando lo ottieni, alla fine scopri di non volerlo. E poi quante volte si entra in un’azienda da false partite IVA con stipendi miseri? A quel punto, per fare la fame, preferisco farla da sola”.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti