Ecco le 30 startup valutate di più negli ultimi 4 anni

Dal 2012 queste aziende hanno visto affluire nelle loro casse molti finanziamenti da parte dei venture capitalist. Adesso però gli investimenti sono diventati più rischiosi

L’hanno chiamata “era degli unicorni”. Si tratta della fase in cui il numero di startup valutate sopra il miliardo di dollari dai venture capitalists si è gonfiato. Ed è passato in poco tempo da 80 a 229. Secondo il venture capitalist Bill Gurley il meccanismo che ha portato questo numero a lievitare è semplice. E ha a che fare con una strategia messa in campo dalle startup: alzare per gradi la valutazione, attrarre investimenti, ripetere il tutto da capo più volte. Peccato, però, che il flusso di denaro nei conti bancari delle startup oggi sia molto più condizionato di prima e gli investimenti siano diventati più rischiosi. In più, a queste aziende mancano i numeri per quotarsi. Così molte startup si troveranno a valere di meno di quanto si era pensato. Solo poche passeranno la prova dei fatti. Qui un elenco delle 30 startup che hanno visto crescere di più la loro valutazione negli ultimi quattro anni. Le ha raccolte Business insider.

there-are-so-many-10-billion-startups-that-theres-a-new-name-for-them-decacorns

30. InsideSales.com

InsideSales.com offre una piattaforma su cloud destinata agli addetti alle vendite. Permette di prevedere e far crescere le entrate. Tra il 2012 e il 2016 la sua valutazione è cresciuta da 32 milioni a 1,3 miliardi di dollari. E ha raccolto 200 milioni di finanziamenti da Salesforce Ventures, Microsoft e Kleiner Perkins Caufield & Byers.

29. AppNexus

AppNexus fornisce supporto a agenzie, editori e compagnie tech in campo pubblicitario per ottimizzare la loro spesa online. La valutazione dell’azienda è cresciuta di 1,3 miliardi di dollari, passando da 191 milioni a 1,5 miliardi. In questo periodo hanno investito in AppNexus tra gli altri Silicon Valley Bank, Venrock Associates e First Round Capital per un totale di 313 milioni di dollari.

28. Box

Box ha elaborato un servizio di condivisione di file per le aziende. Questo permette una comunicazione sicura tra dipendenti clienti e partner per evitare di affidarsi alla sola casella di posta. Nel 2015 l’azienda si è quotata, ma fino a quel momento la sua valutazione era già cresciuta di 1,49 miliardi. L’ultima valutazione privata era di 2,25 miliardi di dollari, con un aumento del 97 per cento rispetto al 2012. I fondi raccolti sono stati 583 milioni e sono arrivati da Draper Fisher Jurvetson, New Enterprise Associates e Andreessen Horowitz.

27. MongoDB

MongoDB ha sviluppato un database NoSql opensource riservato soprattutto alle attività commerciali. La valutazione dell’azienda è salita di 1,53 milardi. In questi anni ha ricevuto finanziamenti da New Enterprise Associates, Goldman Sachs, T. Rowe Price e Fidelity per 311,54 milioni.

26. WhatsApp

Nel 2014 Facebook l’ha comprata per 19 miliardi di dollari. Ma al momento dell’acquisizione da parte della società di Zuckerberg, WhatsApp era valutata 1,57 miliardi di dollari. La crescita rispetto al 2012 era stata di 1,54 miliardi. Sequoia Capital ha investito nell’applicazione di messaggistica in questi anni per 61 milioni di dollari.

whatsapp

25. Prosper Marketplace

1,62 miliardi di crescita per la valutazione di Prosper Marketplace, la piattaforma di prestiti online che sfrutta la tecnologia peer-to-peer. In quattro anni ha raccolto 360 milioni di dollari da Sequoia Capital, Credit Suisse, Draper Fisher Jurvetson e Omidyar Network.

24. Domo

La condivisione delle informazioni sul cloud che aiuta le aziende a lavorare meglio e prevedere gli sviluppi fututi. L’ha sviluppata Domo, una startup valutata 1,8 miliardi di dollari. Rispetto al 2012 la valutazione è aumentata di 1,67 miliardi di dollari e in quest’anni ha visto arrivare fondi per 614 milioni di dollari da Benchmark, BlackRock, GGV Capital e Andreessen Horowitz.

23. AppDynamics

Le tendenze nei risultati industriali sono il focus di AppDynamics che permette così alle aziende di digitalizzarsi e migliorare la percezione dei clienti. La valutazione della società è cresciuta di 1,7 miliardi e ha raccolto 335 milioni di dollari di investimenti da Greylock Partners, Lightspeed Venture Partners, Kleiner Perkins Caufield & Byers e Institutional Venture Partners.

22. Moderna Therapeutics

Una crescita di 2,53 miliardi per Moderna Therapeutics, la società che sviluppa una nuova classe di medicine con la tecnologia mRna. È partita da una valutazione di 25 milioni di dollari e ha ricevuto 863 milioni di dollari da Flagship Ventures, Merck Ventures e AstraZeneca.

21. Social Finance

Prestiti a studenti e mutui a tassi vantaggiosi: di questo si occupa Social Finance (SoFi). È una startup di fintech che negli ultimi quattro anni ha visto salire la sua quotazione di 2,57 miliardi. Anche i finanziamenti hanno sfiorato il miliardo e mezzo con fondi arrivati da SoftBank Capital, Institutional Venture Partners e Baseline Ventures.

20. DocuSign

DocuSign è una piattaforma che permette di firmare e inviare sul cloud documenti ufficiali. La sua valutazione è cresciuta di 2,57 miliardi rispetto al 2012 e l’azienda è stata in grado di raccogliere in questi anni 563.17 milioni da Comcast Ventures, GV, Accel Partners e Visa Ventures.

19. Machine Zone

Anche i videogame tra le startup più valutate. Machine Zone ha sviluppato tra le altre cose il videogioco Game of War. La valutazione aziendale è cresciuta di 2,68 miliardi in quattro anni. 390 i milioni di finanziamenti che sono arrivati da SV Angel, Menlo Ventures, JP Morgan, Y Combinator e Baseline Ventures.

18. Fanatics

Fanatics sviluppa siti di e-commerce per appassionati di sport. Negli ultimi quattro anni la sua valutazione è cresciuta di 2,94 miliardi di dollari. Prima rientrava nella galassia eBay e  quando ne è uscita ha raccolto in tutto 620 milioni di investimenti. Tra gli utimi investitori Andreessen Horowitz, Silver Lake e Alibaba Capital Partners.

17. CloudFlare

Tre miliardi di dollari di crescita nella valutazione di CloudFlare rispetto al 2012. La piattaforma che aiuta a migliorare le prestazioni dei siti internet e offre protezione dagli attacchi ha ricevuto 181 milioni di dollari di finanziamenti da Fidelity, Microsoft, Baidu, Union Square Ventures, Venrock e New Enterprise Associates.

16. Cloudera

Cloudera aiuta le aziende a installare e gestire i software di analisi dei dati. La sua valutazione è aumentata in quattro anni di 3,05 miliardi e ha raccolto oltre un miliardo di finanziamenti da T. Rowe Price, Google Ventures, Accel Partners e Greylock Partners.

15. Credit Karma

Credit Karma dà i punti al tuo credito e ti aiuta a costruire il tuo futuro finanziario. La crescita nella sua valutazione è stata di 3,31 miliardi e i finanziamenti hanno raggiunto 370 milioni da Tiger Global Management, Google Capital e 500 Startups.

14. Pure Storage

Hard disk a stato solido ad altissima velocità: Pure Storage li vende alle aziende. La valutazione della startup è salita di 3,32 miliardi di dollari. E ha raccolto 528 miliioni di finanziamenti da T. Rowe Price, Tiger Global, Greylock Partners, Index Ventures e Fidelity.

13. Lending Club

L’azienda si è quotata nel 2014, ma prima di questa svolta Lending Club aveva già visto crescere la sua valutazione di 3,4 miliardi di dollari. In questi anni l’azienda che fornisce prestiti ha ricevuto anche 236.5 milioni di finanziamenti da Google Capital, Foundation Capital, Union Square Ventures e Kleiner Perkins.

12. Slack

Una chat costruita per le comunicazioni tra team sul posto di lavoro. L’ha sviluppata Slack e in questi anni la sua valutazione si è gonfiata di 3,52 miliardi. L’azienda è stata finanziata per 546 milioni da Thrive Capital, GGV Capital, Institutional Venture Partners, Social Capital, Kleiner Perkins e Andreessen Horowitz.

slack-icon-macro

11. Tanium

Grazie a Tanium gli amministratori dei sistemi informatici possono tenere sotto controllo ciò che avviene su tutti i loro computer da un unico punto. La valutazione della società è cresciuta di 3,53 miliardi di dollari e ha ricevuto finanziamenti per 287 milioni di dollari da Andreessen Horowitz, TPG Capital, T. Rowe Price e Institutional Venture Partners.

10. SpaceX

La startup fondata da Elon Musk costruisce razzi riutilizzabili per lo spazio. SpaceX è stata valutata nel 2016 a 4,67 miliardi di dollari con una crescita rispetto al 2012 di 3,95 miliardi. Diversi inverstitori tra i quali Draper Fisher Jurvetson, Founders Fun e Fidelity Investments l’hanno finanziata per 1,25 miliardi di dollari.

maxresdefault

9. Square

Square è diventata una public company nel 2015. In quel momento era valutata 6 miliardi di dollari, con una crescita di 4,39 miliardi rispetto a quattro anni fa. La sua attività principale è aiutare le piccole attività ad accettare i pagamenti con carta di credito. Ha raccolto 746 milioni di finanziamenti da Khosla Ventures, Visa e Risvi Traverse Management.

8. Lyft

Il principale rivale di Uber, Lyft, ha visto crescere la valutazione di 4,47 miliardi. Gli investimenti hanno raggiunto i due miliardi e sono arrivati da Founders Fund, Andreessen Horowitz, General Motors e Rakuten.

7. Stemcentrx

Stemcentrx sta sviluppando un sistema per un approccio nuovo nella cura per il cancro. L’azienda è stata acquisita nel 2016 da AbbVie per 10 miliardi di dollari. In quattro anni la sua valutazione è cresciuta di 4,64 miliardi di dollari e ha ricevuto 550 milioni da Artis Ventures, Fidelity Investments, Sequoia Capital e Founders Fund.

6. Dropbox

Una valutazione salita di 5,42 miliardi di dollari per Dropbox, uno dei sistemi di archiviazione e condivisione di file più diffusi al mondo. L’azienda è stata finanziata per 1,1 miliardi di dollari da BlackRock, Fidelity Investments, T. Rowe Price e Sequoia Capital.

syncbox_transparent

5. Theranos

Le analisi del sangue da una singola goccia. È quello che fa Theranos, startup valutata a 8,427 miliardi di dollari. La valutazione dell’azienda è salita di 7,31 miliardi di dollari. E ha raccolto 573 milioni da Draper Fisher Jurvetson, ATA Ventures e Sandbox Industries.

4. Pinterest

Pinterest, la startup di condivisione di foto ha visto crescere la sua valutazione di 10,20 miliardi di dollari dal 2012. L’aziendaè stata finanziata per 1,32 miliardi da Bessemer Venture Partners, Andreessen Horowitz e Rakuten.

3. Palantir

I big data di Palantir valgono 19,64 miliardi. La valutazione è cresciuta di 17,15 miliardi rispetto al 2012 e l’azienda ha raccolto 2.69 miliardi di finanziamenti da BlackRock, In-Q-Tel, Morgan Stanley e Founders Fund.

2. Airbnb

La startup che permette alle persone di affittare le loro case come se fossero b&b per brevi periodi vale oggi 23,91 miliardi. In quattro anni la valutazione di Airbnb è salita di 23,89 miliardi. L’azienda è stata finanziata da Sequoia Capital, Andreessen Horowitz e Greylock Partners per 2,49 miliardi di dollari.

airbnb

1. Uber

La crescita più significativa tra le 30 startup selezionate da Business Insider è quella che ha registrato Uber. L’azienda era valutata 60 milioni di dollari all’inizio del 2012. Ora la valutazione ha toccato 50 miliardi di dollari con un aumento di valore di 49,9 miliardi. Tra i suoi investitori ci sono Baidu, Goldman Sachs, T. Rowe Price, First Round Capital e Benchmark che l’hanno finanziata per 8,91 miliardi di dollari negli ultimi anni.

uber-1

Ti potrebbe interessare anche

10 IPO di startup nel 2015 che non possiamo non ricordarci (e le più attese del 2016)

4 miliardi di dollari. Ammonta a questa cifra il totale delle tech Ipo del 2015. Ecco quelle che sarebbe bene ricordare per capire qualche trend di mercato

A sei mesi dalla quotazione gli unicorni sono in caduta libera (con due eccezioni notevoli)

Gli unicorni sono un affare per i venture capital ma non reggono alle Ipo. Solo due società su 17 (Facebook e Linkedin) hanno guadagnato rispetto alla chiusura del primo giorno a Wall Street. Un grafico di JP Morgan

Ecco le 50 scale-up migliori d’Europa, spuntano per la prima volta due italiane

Tech Tour pubblica il rapporto annuale sulle scale up europee, per la prima volta spuntano i nomi di due aziende italiane, due romane: Translated e Octo Telematics.

L’era degli unicorni è finita, in Silicon Valley arrivano i conigli. Ed è una cosa serissima

Cosa sono i Rabbit (o conigli) la nuova veste animale delle billion company della Silicon Valley. Una rivoluzione che punta ai prodotti utili, meno hype

Aumento di capitale per Satispay, già raccolti 14 milioni. Obiettivo: mercato estero

Risorse da record per la startup italiana dei pagamenti digitali fondata da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. I fondi raccolti saranno destinati all’internazionalizzazione del prodotto. A partire dalla Germania

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

La centrifuga di Iscleanair ripulisce l’aria dagli inquinanti senza usare filtri

La scaleup, che è inserita nel programma di accelerazione Eit Digital, propone un dispositivo in grado di migliorare la qualità degli ambienti interni ed esterni, sfruttando l’abbattimento in acqua. La sua soluzione può aiutare anche la rigenerazione urbana

Quanto sono sicuri i tuoi sistemi? Ecco cosa ci dice il rapporto Verizon sulle violazioni informatiche

Ransomware e phishing sono in aumento, i settori finanziario e sanitario tra i più colpiti, ma anche le piccole imprese non stanno tranquille. Entusiasmo, distrazione, curiosità e incertezza sono i cavalli di Troia