Ascoltare musica a lavoro aumenta la produttività, uno studio (e i generi consigliati)

La musica migliora la produttività al lavoro. Ecco perché secondo la scienza e quali generi è meglio, in relazione alle cose che dovete portare a termine

L’arte decora lo spazio, la musica decora il tempo e ti aiuta a impiegarlo meglio. Specie sul luogo di lavoro dove ascoltare note può aumentare la tua produttività. E non lo diciamo noi, lo spiega la scienza.

pedestrian-headphones-120117

La musica perfetta per compiti ripetitivi

Lo dice una prima ricerca di Applied Ergonomics, riportata da Inc.com. Secondo il report c’è una stretta relazione tra una musica trasmessa in sottofondo e l’efficienza nello svolgere compiti ripetitivi (come controllare le email, o riempire un database). Ascoltare musica ti aiuta a svolgere i tuoi compiti in modo più rapido e serve anche l’azienda che può “ottenere più benefici economici” dal lavoro dei suoi dipendenti, come spiega lo studio.

Ti aiuta a concentrarti in ambienti rumorosi

Un paio di cuffie e la tua playlist preferita possono salvarti la vita quando lavori in luoghi molto rumorosi. Secondo uno studio di Dr Lesiuk, professore di musicoterapia alla University of Miami. La ricerca, inoltre, svela qual è il motivo reale del legame tra musica e lavoro: «La musica migliora il tuo stato d’animo. Quando sei stressato, tendi a prendere delle decisioni in modo più frettoloso anche perché la tua concentrazione non è alta. Uno stato d’animo positivo ti aiuta a ragionare su più opzioni prima di fare una scelta» spiega Lesiuk al New York Times.

Il rumore creativo

Altri studi hanno indagato il rapporto tra la musica e la creatività e svelato che i suoni della natura (come quello delle onde o il vento tra le foglie…) aiutano a concentrarsi e favoriscono la nascita di idee creative. Qui, tuttavia, bisogna fare una precisazione. È importante regolare bene il volume per ottenere gli effetti desiderati. Un volume troppo alto può trasformarsi in “rumore” e avere conseguenze controproducenti.

Ma le parole possono distrarti

Un altro studio di Cambridge riportato da Business Insider, svela che il 48% delle persone che lavorano in uffici si lamenta che il maggiore fattore di distrazione sono le chiacchiere dei colleghi. Stesso discorso vale per la musica che contiene parole: qui il rischio è che la tua attenzione si sposti dal compito che stai svolgendo al testo della canzone che ascolti. Ma se proprio non vuoi rinunciarci c’è una via di uscita. E cioè scegliere canzoni familiari, che hai imparato a memoria: «La musica che non conosci può sorprendenti, non sai cosa aspettarti e quindi sei portato ad ascoltarla con maggiore attenzione. Cosa diversa per la musica che ti è familiare» spiega lo studio.

Benefici di ogni tipo di musica

 

1. Classica

È ideale per lavori creativi. Se il tuo lavoro è mettere la fantasia a servizio della tua azienda, la musica più adatta a te è quella classica o barocca. Perché? Stimola l’immaginazione e riduce l’ansia.

Mozart e Vivaldi i consigli di Inc.com

2. Elettronica

Utile per lavori ripetitivi e per chi svolge compiti dove è richiesta molta concentrazione, tipo quelli del ramo contabilità o tutti quelli che hanno a che fare con i numeri.

Qui e ancora qui due esempi.

3. Jazz,  indie rock, hip-pop, blues

Sono i tipi di musica adatti a chi fa lavori delicati. Ti aiutano a stare concentrato e sveglio allo stesso tempo. Il jazz è la musica più indicata per i programmatori.

Due suggerimenti da Inc.com, Hollywood Dreaming dei Fathers’Children  e Will Love Grow della band L.T.D.

4. Suoni della natura

Adatta a ogni tipo di mansioni per la sua capacità di rilassare e creare sentimenti positivi. Chi vuole ascoltarla può ricorrere a due tool online, Simply Noise e Rainy Mood.

Ti potrebbe interessare anche

12 domande per capire cosa vuol dire fare impresa per Jack Dorsey (sì, la mente di Twitter)

Qualche giorno fa Jack Dorsey ha concesso una live chat alla community di Product Hunt nella quale ha parlato di passato, futuro, ispirazione e ha dato numerosi consigli. Ne è uscita un’intervista da manuale

Anche Raffaella Carrà apre a SoundReef: «Bene libero mercato, mi informerò»

Anche Raffaella Carrà dà il suo endorsement a Soundreef e dice di pensarci mentre la scorsa settimana Fedez ci è passato sul serio scegliendo la startup romana al posto della Siae

Chi sono e cosa fanno le 50 startup europee cresciute di più negli ultimi 3 anni

Sono 50 le startup europee cresciute di più negli ultimi 10 anni. A svelarle la classifica di Tech Tour Growth 50. Ci sono due italiane

Fedez molla la SIAE e passa a Soundreef: «Meglio loro, mi piace la trasparenza. E le startup»

Il rapper Fedez ha annunciato di voler lasciare la SIAE per la gestione dei diritti delle sue canzoni e di affidarsi alla startup Soundreef. D’Atri: «Scelta coraggiosa e di innovazione»

Rocket Lab ha lanciato il primo razzo con il motore stampato in 3D

Il test di lancio è avvenuto il 25 maggio in Nuova Zelanda e ha dimostrato la capacità di Electron di portare in orbita piccoli satelliti e di rendere lo spazio un po’ più accessibile a tutti