Dall’Europa nuove linee guida sulla sulla sharing economy, stati più morbidi con Uber e Airbnb

Sharing economy. La Commissione europea stabilisce alcune linee per uniformare il quadro normativo, eccole in 5 punti chiave. Simone Cicero: «Ragionevole», Roberto Magnifico(Luiss Enlabs): «Più vicini a USA»

Sono solo delle linee guida per ora quelle della Commissione europea, eppure possono segnare un punto di svolta per i servizi di sharing economy in Europa. Bruxelles le renderà pubbliche questo giovedì, ma il Financial Times offre alcune anticipazioni. Basta con leggi ad hoc per colpire i leader del settore (come Airbnb e Uber), come stop ai divieti. Al loro posto normative nuove per favorire la condivisione di mezzi e risorse, seppur con delle limitazioni. Un clima più sereno dove non mancano, tuttavia, le polemiche, come un punto su “lavoro e assunzioni” che tocca un nervo scoperto di Uber.

Le abbiamo analizzate e commentate con due esperti Simone Cicero, fondatore di Hopen Think Tank e connector per l’Italia di Ouishare, community che raggruppa persone e idee nell’ambito della sharing economy. E Roberto Magnifico, presidente Angel Partner Group e socio di LVenture Group.

sharing economy

Le linee guida in 5 punti

1. Armonizzare le regole dei paesi UE 

Alcuni servizi come Uber sono stati ben accolti in UK, mentre vessati in altri Paesi (in Francia gli amministratori della società sono finiti in tribunale con il rischio di cinque anni di carcere e multe salatissime per la multinazionale dei trasporti, ndr). C’è bisogno di un’armonizzazione delle varie normative nazionali e le linee guida sono pensate per assolvere questa funzione: «Una direttiva coerente in tutta la UE potrebbe essere una spinta per i business nell’ambito, facilitando le aziende che non dovranno più barcamenarsi tra 28 diversi leggi nazionali» spiega il Financial Times.

2. Ridurre al minimo i divieti a servizi come Airbnb

Bruxelles critica alcune misure come quelle pensate da Berlino che ha proibito ai cittadini di offrire in affitto l’intera casa su Airbnb o servizi simili, senza un’autorizzazione preventiva da parte dell’amministrazione cittadina (fino a 100mila euro di multa per i trasgressori). I berlinesi possono affittare camere, ma per l’intera casa ci vuole una licenza che di fatto equipara la proprietà a un regolare b&b «Questo tipo di soluzioni sono difficili da giustificare e andrebbero adottate solo come ultima spiaggia» si legge nelle anticipazioni del Financial Times.

3. Giorni limitati per gli affitti di case

Al contrario la Commissione è favorevole a misure soft, come l’introduzione di limiti al numero di giorni in cui è possibile dare in affitto un proprio appartamento o una stanza su siti di condivisione come Airbnb. Limitazioni che dovrebbero aiutare a combattere al rialzo incontrollato degli affitti di cui è accusata la piattaforma e il recupero dell’indotto da parte degli attori tradizionali. A Berlino dal 2009 al 2014 gli affitti sono cresciuti del 56% e sono 6,1 milioni i pernottamenti l’anno “persi” dalle catene alberghiere.

4. Gli autisti di Uber come dipendenti

Questo è il punto che di più spaventa la Silicon Valley e i principali attori della sharing. Bruxelles spiega che non è compito dell’azienda stabilire le tariffe e dei clienti per i suoi collaboratori. In caso contrario diventerebbero veri e propri dipendenti e di conseguenza sarebbe necessario siglare con loro un contratto di lavoro, con tutti i costi aggiuntivi che questo comporterebbe a carico dell’azienda. Una linea che, se confermata, vedrebbe soprattutto l’opposizione di Uber che ha sempre sostenuto la tesi che gli autisti di cui si serve per il servizio non sono suoi dipendenti.

5. Okay per il rating per aumentare fiducia clienti

Bruxelles si esprime a favore sul tema del rating, il meccanismo che molte piattaforme usano per aumentare la fiducia dei clienti: è lo stesso usato da Uber per gli autisti, più sono votati dai clienti, più sono affidabili e più salgono nel ranking. Per molti detrattori è un meccanismo pericoloso per il consumatore nel quale non si misura la reale affidabilità dell’autista, la Commissione è di parere contrario.

La proposta di legge sulla Sharing Economy in Italia, in 5 punti chiave

 

Simone Cicero:
«Linea ragionevole, ma su Uber sbagliano»

Simone-cicero_small

Simone Cicero

 

Simone Cicero, che ne pensi delle norme sulla Sharing Economy volute dall’Unione?

«Sarà interessante capire in che modo la direttiva europea si sposerà con la proposta di legge italiana, tuttora in discussione. Nel merito mi sembra ragionevole, soprattutto perché propone regolamentazioni ragionate e non ideologiche (vedi la critica alle multe salatissime di Berlino per Airbnb). Il punto sottovalutato è che le linee guide guardano alle nazioni,  quando molto della “partita normativa” delle piattaforme digitali si sta svolgendo a livello locale, con un dialogo tra municipalità e cittadini, come avviene a Barcellona».

Veniamo ai nodi tariffe” e “rapporti di lavoro” che minacciano Uber, che ne pensi?

«Non è un discorso sensato. La piattaforma dà valore a modo suo anche perché gestisce i prezzi sul mercato. Sulla questione lavoro subordinato direi che se Uber può decidere ciò che vuole, gli autisti – che sono già professionisti iscritti a un albo – sono liberi di partecipare o meno. Il problema semmai lo abbiamo con UberPop che abilita un servizio per cui teoricamente serve una licenza (come nel caso di Uber Black aperto solo agli autisti per noleggio con conducente, N.C.C, ndr). Personalmente abolirei queste licenze del tutto e le sostituirei con dei patentini rilasciato previo controllo dei precedenti personali e controlli regolari per rinnovo».

E su altre linee guida come limitare i giorni dei servizi, come per Airbnb?

«Ha senso farlo. Come è stato stabilito in Francia. Altrimenti i prezzi degli affitti volano».

Roberto Magnifico (Luiss Enlabs)
«Così siamo più vicini all’America»

roberto magnifico

Roberto Magnifico

 

Quale potrebbe essere la diretta conseguenza delle linee guida?

«La decisione di armonizzare la regolamentazione dei modelli di business negli Stati membri potrebbe condurre alla creazione di piattaforme tecnologiche europee, analoghe a quelle americane. Un processo che passa solo dall’abbattimento delle barriere nazionali».

Cosa può preoccupare di più?

«C’è lo spettro del contratto di lavoro. Alcuni pensano che queste piattaforme siano nocive per i posti di lavoro. Eppure questi modelli di business sono una realtà in tutto il mondo come in Cina. Lì c’è un approccio più pragmatico, per la serie “facciamoli anche noi e vediamo cosa succede”. In Europa, invece tendiamo a rifiutare una versione del futuro, quando questa non ci piace e alziamo nuovi muri, al posto di quelli vecchi. Tuttavia, vale la massima  di Victor Hugo :“Puoi resistere all’invasione di un esercito. ma non a un’idea il cui tempo è maturo”.

Quale il futuro della sharing in Italia?

«Queste piattaforme tecnologiche hanno democratizzato il concetto di impresa e dei processi, abbattendo barriere. Ciò premesso è difficile capire dove porterà la sharing. Qualcosa si può ipotizzare nel turismo, con la crescita della Cina e dell’India, l’Italia che detiene la maggioranza del patrimonio culturale mondiale. Con la sharing potrebbero nascere nuovi modelli che portano il turista a scoprire posti diversi da quelli dei circuiti tradizionali. Microimprese che promuovono un turismo più molecolare, equamente distribuito e democratico».

Un Commento a “Dall’Europa nuove linee guida sulla sulla sharing economy, stati più morbidi con Uber e Airbnb”

  1. Gaetano Russo

    Ma questi che sono studenti universitari interrompono gli studi per 9 mesi ritardando la data della laurea? Il vitto e alloggio a Napoli viene coperto da qualche borsa di studio? Uno dei 2 dice che parlerà dopo il corso in inglese ma non era richiesto per partecipare alla selezione la perfetta conoscenza della lingua inglese?

I commenti sono chiusi.

Ti potrebbe interessare anche

15 startup italiane che ti renderanno più sopportabile la vita in città (dalla spesa ai bonifici)

C’è quella che ti fa viaggiare meglio, quella che ti fa saltare la coda, quella per mangiare cibo sana, per noleggiare abiti per una cerimonia particolare, organizzare eventi con amici. Sono 15 le startup da città

Aiuto tra vicini e felicità sul lavoro, 5 nuove idee di startup nate in Italia

Sharing economy e non solo, nella rubrica di questa settimana ci sono anche nuove forme di spedizione, piattaforme per valutare gli agenti immobiliari e per certificare gli acquisti online

Brusson (Blablacar): «Abbiamo 200M ma non siamo ancora redditizi. Uber? Non è sharing economy»

Abbiamo intervistato il founder di Blablacar Nicolas Bresson che racconta le strategia di crescita dell’azienda, il round D da 200 milioni e perché alcuni big mondiali hanno diffuso un concetto distorto di sharing economy

Ecco la proposta di legge sulla Sharing Economy, riassunta in 5 punti chiave

Siti e app dovranno dotarsi di un documento di policy e iscriversi ad un registro. L’Autorità per la concorrenza vigilerà pr tutelare i consumatori. Aliquota fissa al 10%. La proposta di legge in punti chiave

Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

Noi cuciniamo, tu fai lo chef. Ecco i meal kit di Amazon

Un’indiscrezione di TechCrunch racconta di una serie di marchi e slogan registrati a tema cibo, fra cui quelli relativi a un servizio di consegna a domicilio di kit con ingredienti pronti per “costruire” un pasto. E non solo

Dalle borse alla tecnologia. Il marchio Louis Vuitton arriva anche sullo smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology, il Tambour Horizon di Vuitton si differenzia dagli altri per lo stile e la personalizzazione, con una varietà di 30 cinturini sia per uomini che per donne. Può arrivare a costare 2.900 dollari