2.000 dollari al mese, per tutti. Graham (Y Combinator) fa sul serio sul reddito minimo

Cento famiglie di Oakland faranno parte di un progetto di sostegno contro la diseguaglianza. Lo guida il più importante degli acceleratori di startup tecnologiche

Cento famiglie di Oakland, California, faranno parte di un progetto che ha l’obiettivo di introdurre il reddito universale minimo in Silicon Valley. È un esperimento pilota e a condurlo non è lo Stato della California, ma il più importante degli acceleratori di startup tecnologiche, YCombinator. Dalla sede di Y Combinator di Mountain View a Oakland downtown ci sono una settantina di chilometri, meno di un’ora in macchina. 60 minuti che vogliono dire anche 40mila dollari annui di differenza nel reddito delle famiglie (51mila Oakland, 98mila per la Silicon Valley). Oakland, la città scelta per l’esperimento, è tra i simboli della diseguaglianza che c’è nella regione, dell’insostenibilità della corsa tecnologica e imprenditoriale per molti abitanti della San Francisco Bay.

Paul Graham

Paul Graham, founder Y Combinator

Un vaccino di 2 mila dollari al mese per un anno

Può sembrare paradossale, ma in Silicon Valley ci sono da tempo diverse voci a favore di un reddito universale minimo, un fronte che unisce personaggi diversi tra loro, come il venture capitalist Marc Andreessen e il guru dell’open source Tim O’Reilly. La sigla è UBI – Universal Basic Income, il tag è: «vaccino del 21 secolo». La prima somministrazione, per queste cento famiglie di Oakland, avrà un dosaggio tra i 1000 e il 2000 dollari al mese, per un arco di tempo tra i sei mesi e l’anno. A maggio del 2017 si potrà tracciare un primo bilancio: l’idea di Y Combinator è raccogliere dati e indicatori per poterlo proporre su una scala più larga.

Leggi anche: Paul Graham (Y Combinator): «Perché voglio il reddito minimo nell’era delle startup»

 

Il welfare alternativo di Y Combinator

La domanda è: perché? Una prima risposta l’ha data a Quartz la direttrice per la ricerca di Y Combinator, Elizabeth Rhodes: «Se la tecnologia cancella diversi lavori, molte persone non potranno mettere insieme un reddito con i propri stipendi». La tecnologia distrugge reddito, i creatori di tecnologia vogliono creare un welfare alternativo, sembra questo lo scenario prospettato da Y Combinator. «Un premio di consolazione per chi ha avuto le vite sconquassate dall’innovazione» lo ha definito il Guardian. Il reddito immaginato da Y Combinator serve a compensare anche i buchi nei lavori intermittenti: gli autisti di Uber sono l’esempio più citato. Una stampella per la sharing economy.

Nuovi imprenditori non spaventati dalla povertà

Un’altra lettura è quella del «venture capital per esseri umani». Il reddito universale viene sostenuto, in questa ottica (da Steve Waldman, per esempio, programmatore ma anche opinionista influente, si definisce un «libertario alla danese») non solo come una compensazione ma come uno strumento per creare una nuova classe di imprenditori, non più spaventati dal rischio e dalla povertà. Come aveva scritto Waldman sul suo blog nel 2014, il suo scopo sarebbe «alterare il comportamento delle persone, renderle più tolleranti al rischio».

Un unico assegno, che elimina tutti gli altri

E i soldi? Dove si trovano? Per i sostenitori di questa forma di reddito universale, i soldi verrebbero dall’eliminazione di qualunque altra forma di welfare. Non più edilizia pubblica, food stamp, medicaid, sostegno all’istruzione: tutti gli strumenti di welfare sarebbero sostituiti da un unico assegno onnicomprensivo, per altro la stessa somma per tutti, a prescindere dal reddito. Questo eviterebbe, secondo i suoi sostenitori (come scrive James Surowiecki sul New Yorker), l’obiezione assistenzialista. Anche se resta da capire in che modo si combatterebbe la diseguaglianza dando lo stesso assegno agli abitanti di Mountain View e Oakland.

Ti potrebbe interessare anche

10 libri sulle startup da leggere durante l’estate 2016

Se mi leggi da parecchio tempo saprai che sono un avido lettore. Leggo tanto. Di tutto. Sempre. Ecco una selezione di 10 libri sul mondo delle startup da leggere questa estate.

I soldi sono finiti. Basta unicorni, gli investitori vogliono startup scarafaggio (con 5 caratteristiche)

Forse non è un cattivo segno: una startup scarafaggio è quella che sa resistere alle intemperie, alle crisi. Investimenti più mirati, e rischio controllato. E forse la consapevolezza che non ci sarà più così facilmente una nuova Facebook, o Uber.

Paul Graham (Y Combinator): «Perché voglio il reddito minimo nell’era delle startup»

Paul Graham, 51 anni, è considerato “il filosofo delle startup”. Nel 2005 ha creato Y Combinator. Qui racconta in un’intervista esclusiva a StartupItalia! la sua proposta di reddito minimo nell’epoca della digital economy

Tutto ciò che ho imparato in Y Combinator, e alcune radicali differenze con il venture in Italia

E’ considerato l’acceleratore di startup più importante al mondo. Qui un report dall’ultimo demo day di Y Combinator dove si analizzano la struttura dell’acceleratore e evidenziano le differenze con l’Italia

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo

Cos’è l’African Summer School, la scuola di startup italo-africane nata a Verona | Intervista

Dal 24 al 30 luglio a Villa Buri la 5^ edizione dell’iniziativa in collaborazione con il Business Incubator for Africa. La testimonianza del Direttore, Fortuna Ekutsu Mambulu. E di Andrea Casale, tra i fondatori di “Serviettes Ingabire” (progetto vincitore dell’edizione 2016)

Il primo viaggio dell’automobile volante del papà di Google

Kitty Hawk è stata sviluppata in Silicon Valley ed è un veicolo completamente elettrico in grado di muoversi per il momento solo sull’acqua per motivi di sicurezza. Presto potrebbe aiutare a superare il problema della congestione del traffico cittadino

Accordo tra Colombini e la startup Sweetguest per arredare le case in affitto

L’azienda di arredamento sceglie il progetto di Rocco Lomazzi ed Edoardo Grattirola che rende l’immobile performante, mette in risalto i punti di forza della casa, si occupa della gestione del check in e anche dei lavori di manutenzione