Lasciate perdere i supereroi del lavoro. Il multitasking ci rende meno produttivi, e più tonti

Si finisce per sentirsi stanchi molto prima di quando si dedica l’attenzione a una cosa sola. In più si mangia di più, si assume più caffeina e si riduce la propria produttività. Quartz spiega perché dovreste dire addio al multitasking

Leggere le email, mentre diamo un’occhiata a Facebook, mentre ingurgitiamo del caffè, mentre controlliamo l’ora, mentre ci affrettiamo per non perdere il treno. Multitasking. Alternarsi tra più di due attività contemporaneamente con l’illusione di riuscire a fare tutto nel minor tempo possibile. Ma l’unico risultato è che alla fine ci sentiamo solo stanchi. Più distratti. E meno svegli.

multi-task-blog

La settimana scorsa Quartz ha pubblicato un articolo dedicato a quella che viene definita una delle attività più «estenuanti» oggi, il multitasking. Un tempo ci vantavamo di essere in grado di fare cinque cose nello stesso momento. Ora capiamo che non è possibile e che spostare l’attenzione da una cosa all’altra costantemente serve solo a consumare la “benzina” del cervello, il glucosio ossigenato.

L’importanza delle pause

«Finiamo per sentirci stanchi molto prima di quando dedichiamo l’attenzione a una cosa sola», ha detto a Quartz Daniel Levitin, professore di neuroscienze comportamentali in Canada, all’Università McGill. «Le persone mangiano di più, assumono più caffeina. Spesso invece ciò che servirebbe è solo una pausa». Ci sono degli studi dell’Università di Stanford che dimostrano come chi fa una pausa di una quarto d’ora ogni due ore di lavoro – una pausa di svago: musica, una passeggiata, una lettura, non sui social network, che ci rendono più stressati – è più produttivo.

Il multitasking, poi, ci fa perdere più tempo

Gloria Mark, dell’Università della California, ha calcolato che ogni volta che interrompiamo un’attività per fare qualcos’altro poi avremo bisogno di 23 minuti e 15 secondi per ritornare davvero al lavoro. Gli unici casi in cui ha senso fare multitasking sono quelli in cui ci stiamo dedicando a un’attività «da pilota automatico» come fare la lavatrice: in tutte le altre situazioni, anche se si tratta di attività semplici, ma che richiedono la nostra completa attenzione, il multitasking è sconsigliato.

Secondo Mark, inoltre, oggi è ancora più difficile liberarsi del multitasking perché i nostri ritmi sono influenzati da quelli dei social network e delle email. Il fatto che ogni tanto, controllando le email o i social network, veniamo “ricompensati” con qualche novità importante crea un meccanismo psicologico che ci porterà a distrarci ancora più spesso.

Ci auto-interrompiamo, perdiamo la concentrazione e poi abbiamo bisogno di più tempo per riprendere ciò che stavamo facendo.

Cosa fare allora?

La soluzione, dice la ricercatrice, è solo una: rinunciare al multitasking e ritagliarsi invece dei momenti esclusivi per ogni attività. Controllare le email solo la mattina e poi a mezzogiorno, per esempio. Dedicare 10 minuti al pomeriggio per Twitter e altri 10 per Facebook. Quanto alle attività più impegnative, però, servono almeno 25 minuti (e un massimo di due ore), «altrimenti si rischia di passare ad altro proprio quando ci siamo appena riscaldati».

Ti potrebbe interessare anche

Collaborare è una noia mortale e azzera la produttività. Uno studio

Per molto tempo elogiata come soluzione ai problemi del lavoro moderno, la collaborazione e i meeting in realtà fanno male. Almeno ad alcuni lavori. Specie quelli più creativi. Uno studio dell’Harvard Business Review

Aiuto tra vicini e felicità sul lavoro, 5 nuove idee di startup nate in Italia

Sharing economy e non solo, nella rubrica di questa settimana ci sono anche nuove forme di spedizione, piattaforme per valutare gli agenti immobiliari e per certificare gli acquisti online

Come sarà il mondo tra 50 anni secondo 9 persone che il futuro lo stanno facendo davvero

Hyperloop, self driving car, ma anche lavoro per tutti comunque. Il futuro secondo 9 big della Silicon Valley tra 5 e 50 anni da oggi

Come trovare lavoro in una startup: il modello Landing.Jobs (e la Serendipity)

Il lavoro sta cambiando e molto velocemente: un incontro a Roma negli spazi di Luiss Enlabs dove Landing.Jobs ha raccontato il suo modello. E un’ora di matching vero: niente cravatte, niente colloqui formali, niente giacca

Ocean Cleanup ripulirà il Pacifico dalla plastica a partire dal 2018

La startup di Boyan Slat ha implementato una barriera galleggiane in grado di concentrare tutto l’inquinamento plastico e permetterne il recupero. Il sistema sarà impiegato nel Great Pacific Garbage Patch, uno dei più consistenti accumuli di immondizia marina al mondo

Impact Hub Milano cerca 5 startup a impatto sociale. IHM Acceleration

Fino al 25 giugno l’incubatore milanese concentrato sull’impact investing seleziona i cinque migliori progetti d’impresa nel campo dell’impatto sociale e ambientale e beneficiare di risorse in denaro e servizi in cambio di equity