Saranno molti di più che 1,3 miliardi: perché i venture scommettono sul boom delle nascite in Cina

Dopo l’allenamento della politica governativa sul controllo delle nascite, il mercato delle app dedicate alla maternità e alla pediatria è diestinato a crescere. E gli investitori se ne sono accorti

La tecnologia fa parte della vita di tutti, senza escludere i più piccoli che accedono a app e piattaforme online a volte anche prima di nascere. I venture capitalists cinesi hanno deciso di scommettere su questo fenomeno che nella Cina comunista è diventato ancora più accentuato a partire dallo scorso anno. Il governo cinese ha infatti fatto un passo indietro rispetto alla legge che aveva imposto un controllo delle nascite alle famiglie. E così gli strumenti tecnologici di supporto alla maternità si sono trovati davanti una prateria nella quale diffondersi.

newborn-babies-china-hospital-Getty-640x480

Foto da www.breitbart.com

Il baby boom e le app per la maternità

Nella prima metà del 2016 sono già stati conclusi 10 round di finanziamento per le startup che operano nel mercato della maternità e della pediatria. «Fortunatamente con l’allentamento della politica del figlio unico in Cina l’anno scorso, gli investitori sono diventati più entusiasti di sostenerci», ha confermato a Bloomberg Liang Liang, ceo di Shenzhen Easyhin Technology Co. Che ha sviluppato l’app Mami Zhidao (la mamma sa) che mette in contatto genitori e pediatri. Mami Zhidao ha già raccolto l’equivalente in yuan di 15 milioni di dollari a marzo da investitori come Soft Bank China Capital e Morningside Ventures. Anche prima di questa decisione politica il mercato cinese delle app era comunque fiorente.

Nella Repubblica Popolare sono in uso 450 milioni di dispositivi mobili e le app già sviluppate sono più di 33mila. Quelle che offrono servizi relativi alla salute e al fitness registrano una delle crescite maggiori. Adesso gli investitori aspettano il boom delle nascite per vedere fiorire anche il settore delle app a servizio dell’infanzia. In realtà, l’impennata delle nascite non è garantita. Molte famiglie ritengono ancora insostenibile dal punto di vista economico il mantenimento di più di un bambino e il numero dei nuovi nati ha subito un forte calo rispetto all’anno scorso.

Salute online e offline

Secondo un rapporto di Vc Beat sul fenomeno, le startup che si occupano di maternità e cura dei bambini hanno raccolto 57 milioni di dollari collezionando il maggior numero di round di investimento. Per questo motivo anche le grandi realtà stanno cominciando a muoversi verso il mercato pediatrico: Ping An Insurance Group Co. ha lanciato l’app Ping An Good Doctor, che ha ottenuto 500 milioni in un round di serie A a maggio ed è stata valutata 3 miliardi di dollari. L’app si occupa di mettere in connessione chi ha bisogno con dottori, ospedali e farmacie. Sulla stessa direttrice si sta muovendo anche Mami Zhidao che ha in progetto di realizzare delle vere cliniche pediatriche quest’anno. E pare che sia proprio questa connessione tra salute online e offline ad attirare gli invesitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Monaco (Ablio): «I nostri interpreti su cloud per aiutare chi parla lingue diverse»

Abbiamo incontrato il co-founder della startup che sviluppato una piattaforma di interpreti online che consente a chiunque di dialogare in altre lingue con i propri interlocutori. «Ablio contribuisce a risolvere i problemi di comunicazione tra utenti che non possono comprendere le rispettive lingue»

“Don’t Tap and Drive”, la campagna social di Ford per non distrarsi con lo smartphone alla guida

Secondo una ricerca un giovane europeo su quattro si è scattato un selfie mentre era al volante, non prestando attenzione alla strada. L’azienda automobilistica ha pensato di usare Instragram per sensibilizzare sul comportamento da avere per muoversi in sicurezza

Il nuovo servizio di Swift per il controllo dei pagamenti in tempo reale

La nuova soluzione è un elemento chiave del Customer SecurityProgram dell’azienda per aumentare i livelli di sicurezza e fiducia all’interno della comunità finanziaria