Cosa sono i framework, spiegati con un tavolino Ikea (in 4 minuti)

Programmare significa parlare un linguaggio, con delle strutture difinite. I frameworks sono librerie di codice a disposizione di tutti, e spesso sono open

Per imparare a programmare ci vogliono passione e dedizione. Vedere per la prima volta il text editor aperto di qualche amico developer, con centinaia di linee di codice, può in effetti spaventare.  

screen-shot-2016-10-06-at-15-25-00Cosa vuol dire diventare programmatori

Eppure diventare dei programmatori non è quello che si crede a prima vista. Non consiste nell’imparare a scrivere tutto quel codice, proprio come imparare a scrivere in inglese non significa affrontare la stesura di un libro. Significa capire le regole del linguaggio, i suoi molteplici significati e le sue sfumature. Significa sapere come sfruttarne le potenzialità. Saperlo padroneggiare per poi successivamente, nel caso, scrivere il proprio romanzo.

A differenza dei linguaggi “umani” però, quelli processati dai computer hanno una serie di formule, di linee di codice, che si ripetono continuamente in tutte le applicazioni sviluppate. La base di impostazione di una mobile app, o di un sito web, sono spesso pressoché identiche in tutta una serie di proprietà, rendendo potenzialmente molto ripetitivo il compito di chi ne sviluppa continuamente da una parte, e molto complesso per chi lo affronta per la prima volta.

Vere librerie di codice

Questo problema di inefficienza ha quindi spinto ad facilitare l’uso dei linguaggi attraverso la creazione dei frameworks.

Se avete sentito parlare di Ruby, Python, JavaScript, PHP, ecc., sicuramente avete anche sentito di Rails, Django, jQuery, Laravel e tanti altri. Questi ultimi non sono linguaggi di programmazione diversi, né sono evoluzioni dei primi.

Sono appunto frameworks, ovvero librerie di codice (open, accessibili gratuitamente da tutti), già pronte per essere sfruttate. E sono state sviluppate per ogni linguaggio.

In un semplice esempio tratto dal corso free “Cos’è la programmazione” Daniele, uno dei founder di Lacerba.io, spiega tale concetto portandovi nell’ufficio (immaginario) del nostro team e ponendovi davanti a una scelta: se il vostro obiettivo è solo quello di lavorare, costruireste da zero una scrivania personalizzandola completamente, o fareste un salto all’Ikea?   

[youtube id=”5MY5R6S1UYE”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare anche

La logica economica di un business model spiegata in 3 minuti

Capire le logiche alla base dei prospetti di bilancio ci permette di legare la nostra strategia alle previsioni economiche e finanziarie del business plan

Le 3 regole base per creare un logo di successo, spiegate in 3 minuti

Ogni logo è profondamente diverso e distintivo, ma esistono linee base che chiunque voglia crearne uno dovrebbe seguire. Come le 3 racchiuse in questo video

User Interface e User Experience spiegate come se fossero una ciambella

Avete alla mai pensato alla User interface e User Experience di Zappos e Zalando come se fossero due ciambelle? Un video ve lo racconta in maniera semplice. A cura di Lacerba.io

Frontend e Backend spiegati al McDonald’s, in due minuti

Capire le differenze tra frontend e backend è la base per approcciarsi al mondo della programmazione, sia da studenti, sia da clienti

Rocket Lab ha lanciato il primo razzo con il motore stampato in 3D

Il test di lancio è avvenuto il 25 maggio in Nuova Zelanda e ha dimostrato la capacità di Electron di portare in orbita piccoli satelliti e di rendere lo spazio un po’ più accessibile a tutti