Hanno dovuto vendere in mezzo mondo prima di convincere l’Italia. La pugliese Niteko

Nata da uno spin off universitario, oggi Niteko è un’azienda che opera nel campo dell’illuminazione stradale led (soprattutto all’estero) e fattura 3 milioni di euro.

Oltre 100 lampade sono state installate sul nuovo asse nord-sud di Bari per illuminare il ponte e la strada sottostante. Dietro questa grande opera non c’è il nome di una multinazionale o di un colosso della tradizione illuminotecnica italiana, bensì un’azienda appena uscita dalla fase di startup.

Asse Nord Sud Bari, NitekoNiteko nasce a Montemesola (Ta) da uno spin off universitario avviato all’Università di Lecce dagli ingegneri Giuseppe Vendramin, Emiliano Petrachi e Alessandro Deodati. Nel 2011 con l’aiuto dei soci finanziatori Pietro Vito Chirulli e Carmelo Marangi, 100 mila euro di capitale sociale permettono a questi neolaureati di dare il via a un’azienda che oggi fattura 3 milioni di euro.

Come si dice, nemo profeta in patria

Prima di ricevere commesse in Italia, Niteko ha faticato a convincere quei tecnici locali che avevano tra le mani un pezzetto di futuro della loro azienda. Ma parallelamente all’insensibile e tradizionalista mercato italiano, l’azienda salentina ha consolidato la propria immagine all’estero.

Ha fornito le proprie lampade a led in Europa e in Medio Oriente, dove il Made in Italy ha un valore e quest’azienda ha imparato a sfruttarlo, competendo con i colossi mondiali dell’illuminazione. «Siamo presenti anche nel mercato israeliano, uno dei mercati più complicati e severi a livello mondiale.

Lì il Made in Italy funziona. Niteko sfrutta la scia di eccellenze italiane come Ferrari o Guzzini», spiega Giuseppe Casale, direttore commerciale dell’azienda. Ad oggi per realizzare il suo core business – progettazione e realizzazione di illuminazione stradale, industriale e indoor basate su tecnologia led – può contare su 17 dipendenti e oltre 25mila lampade vendute.

La luce che guida al successo

Di polvere, ne hanno mangiata. E tanta. Ma grazie alla testardaggine (“le corna”, come dice scherzosamente Casale) Niteko si è conquistata una credibilità solida. La strategia seguita si rifà a quattro elementi. Il primo è nel dna dell’azienda. «Siamo nati operando già su una tecnologia innovativa, su cui i big player erano impreparati».

Poi è venuta la credibilità: «Abbiamo conquistato la fiducia dei clienti, dei distributori, degli installatori elettrici e soprattutto dei multiservice E.s.co. In parallelo investiamo su nuovi prodotti, lo sviluppo e la ricerca si ampliano, così come l’offerta che oggi siamo in grado di proporre».

Poi ci sono i prezzi: «Non abbiamo i grandi costi dei nostri concorrenti, quindi siamo più agili». In più c’è la velocità della consegna: Niteko è in grado di consegnare i propri prodotti in 2-3 settimane, «per come vanno le cose in Italia è un vantaggio competitivo».

Niteko

Il chiodo fisso: combattere la diffidenza italiana

Già, l’Italia. Impiantare un’azienda non è un problema: è riuscire ad affermarsi sul mercato interno la vera sfida. In più Niteko ha scelto di lavorare al Sud, in una regione – la Puglia – dove l’idea di industria è associata per lo più a colossi venefici come l’Ilva.

«Volevamo trasmettere un messaggio: la Puglia non è fatta solo di aziende che avvelenano i propri operai, ma è fatta anche di realtà che mettono in atto la vera rivoluzione tecnologia, riuscendo a vincere anche a livello internazionale».

L’Italia non è un paese di campanilisti, come ha dimostrato la vicenda legata al comune di Salve, già raccontata sul nostro blog. Tuttavia oggi Casale sottolinea: «Ci scontriamo spesso contro alcuni pregiudizi, per i quali un’azienda straniera offre prodotti o servizi migliori di una locale.

E questo non è assolutamente vero, tanto che a Salve ci siamo poi tornati per metter riparo ad alcuni guasti proprio alle lampade scelte. Non è l’unico episodio, ma ogni volta restiamo sorpresi”.

Il futuro di Niteko

Apprezzati all’estero, meno in Italia: alla Niteko però non si respira un clima di persecuzione, ma si persegue sempre l’innovazione. Si guarda al futuro, con fiducia: «Quest’anno abbiamo concluso la fase di startup dell’azienda. Siamo cresciuti nel fatturato.

Possiamo vantare opere importanti come l’impianto di illuminazione dell’ambasciata italiana in Serbia o l’lluminazione architettonica della facciata del Castello Aragonese di Taranto. Vogliamo puntare ancora di più sul mercato estero e lavorare su nuove lampade».

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti