Redazione

Redazione

Ott 11, 2016

Una bella mappa della Maker Faire Rome 2016. Tutti i padiglioni e come arrivarci

6 padiglioni, 100 mila metri quadrati per oltre 55 mila metri quadrati di superficie espositiva: numeri e info utili sulla quarta edizione della Fiera degli Innovatori

Maker Faire Rome, quarta edizione c’è da aspettarsi il meglio della produzione degli artigiani digitali, intanto quello che si sa è che sarà la più grande di sempre in Europa. Per intendersi, tre volte gli spazi di quelli dell’anno scorso all’Università La Sapienza. Un po’ di numeri ufficiali intanto:

  • 6 padiglioni,
  • 100 mila metri quadrati complessivi
  • oltre 55 mila metri quadrati di superficie espositiva coperta (quasi il triplo rispetto all’edizione 2015).
  • 700 progetti esposti, selezionati tra i 1.500 raccolti grazie alle diverse Call.

Questi i numeri dell’edizione 2016 della Fiera degli Innovatori, promossa anche quest’anno dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua Azienda speciale Innova Camera.

Come arrivarci

L’appuntamento è alla Fiera di Roma, dal 14 al 16 ottobre. Si può entrare dall’Ingresso Est: in Via Alexandre Gustave Eiffel (traversa Via Portuense). O dall’Ingresso Nord, in Via Portuense 1645-1647. QUI le indicazioni su come arrivare. E QUI il programma delle tre giornate.

 

Maker Faire Rome

PADIGLIONE 10 – OPENING CONFERENCE

L’Opening Conference aprirà ufficialmente la quarta edizione della Maker Faire Rome: dalle 11 alle 13.30 nel Padiglione 10, sala H. Intervengono Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio di Roma e Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio. Aprono il dibattito condotto da Riccardo Luna, curatore di Maker Faire Rome insieme a Massimo Banzi, a cui parteciperà anche il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti.

5 PADIGLIONI PER 5 AREE A TEMA + 1 SPECIALE

Ogni padiglione della Maker Faire Rome 2016 è stato sviluppato su un tema. Sei in tutto: Move, Life, Interaction, Fabrication, Young makers, Universities. Al Padiglione 10 la Opening Conference, venerdì alle 11. Sempre al Padiglione 10, venti incontri Corto Circuito, esperti a confronto su come cortocircuitare le buone idee di un futuro già presente. Il Padiglione 10 ospita anche un’area al buio, illuminata grazie a speciali effetti di luce, da 10 progetti selezionati dalla Call for Makers.

Move – Padiglione 5

Dedicato ai droni volanti, acquatici e terrestri, ma anche ai mezzi di trasporto dalle biciclette alle soluzioni innovative per la mobilità urbana, e poi i robot e in generale la tecnologia animata. Ospita due grandi voliere e una vasca d’acqua.

Life – Padiglione 6

Dedicato alla vita in tutte le sue forme, da quella umana con decine di progetti dedicati alla salute, alla qualità della vita e alla disabilità, a quella animale fino a quella vegetale con una vasta area di progetti di agricoltura e giardinaggio. C’è anche una zona dedicata all’alimentazione. Nel Padiglione 6 anche lo spazio dedicato alle università italiane e internazionali che portano i progetti di ricerca e quelli dei propri studenti.

Interaction – Padiglione 7

Dedicato all’elettronica, alla domotica, ai giochi, alle invenzioni interattive, ma anche a scienza, wearable, arte e musica.

Fabrication – Padiglione 8

Dedicato al futuro della manifattura, con artigiani innovativi, bracci robotici per l’industria, stampanti 3D, macchinari digital fabrication, progetti di riciclo.

Young makers – Padiglione 9

Dedicato alle scuole e ai maker under 20. Contiene inoltre tutte le attività kids e decine di workshop per i più piccoli.

Cortocircuiti – Padiglione 10

L’innovazione raccontata con gli studi, le intuizioni, i progetti, le visioni di chi la vive giorno per giorno. Alla Maker Faire Rome scienziati, ricercatori, makers, startupper, architetti, docenti, esperti e innovatori declineranno il futuro per come lo respirano quotidianamente nei laboratori di ricerca, nei centri di eccellenza, nei team internazionali, nelle azioni giornaliere delle startup. Dalla robotica all’IoT, dai Big Data alle innovazioni in volo dei droni di ultima generazione, dalla realtà virtuale e aumentata all’artigianato digitale, dall’industria 4.0 alla stampa 3D. QUI il programma completo.