In Italia meno soci hanno le startup, più ricevono investimenti. Dicono i dati

I dati del 2015 e del 2016 fanno emergere che in Italia le startup con un solo founder hanno chiuso più round di tutti e nel complesso raccolgono più soldi. E altri dati curiosi

Chi conosce la statistica sa che una correlazione non è una causa di nulla. Ovvero, anche se i dati degli ultimi due anni raccontano che di tutti gli investimenti fatti negli ultimi 21 mesi in Italia (208 milioni circa) la maggior parte sono stati fatti in startup con un solo founder, questo non vuol dire che bisogna avere un solo founder per avere un round di investimento. Chiaro no?

Analizzando i dati in nostro possesso quello che emerge è singolare. Meno founder hanno le startup, più alto è il numero degli investimenti, più alto è il numero di capitali raccolti e in qualche modo più alto è l’investimento medio ottenuto. Qui una tabella elaborata da Startupitalia.eu su Theatlas racconta il quadro che emerge.

Round e Founder, Startupitalia.eu

Dati e elaborazione a cura di Startupitalia.eu

Nella prima colonna abbiamo il numero dei founder. Da uno a 4 o più. Il periodo di tempo preso in considerazione è quello che va dal primo gennaio 2015 al 30 settembre 2016.

Quello che impressiona è la linearità della tabella. Più aumenta il numero dei founder meno sono i round di investimento, il totale dei soldi raccolti. Anche se fa eccezione la raccolta media, che premia quelle con due founder di 800 mila euro in più su quelle con un founder solo

Leggi: Nei primi nove mesi del 2016 investiti 136 milioni in startup italiane. 73 cose da ricordare

Le startup con un solo founder hanno chiuso in totale 35 round di investimento. In questo caso i round di investimento corrispondono al numero delle startup. Nessuna è presente due volte con due round di investimento diversi. Il totale raccolto dalle startup con un solo founder è 70 milioni (70,186 milioni per la precisione) e la media dei round è di 2,2 milioni.

Quelle con due founder sono distanziate di poco. Un solo milione in meno raccolto, 28 round di investimento per 27 startup (MoneyFarm ha chiuso due round in due anni) e una media del round che scende di poco a 2,8 milioni. 600 mila euro in meno, anche se i round di MoneyFarm (16M nel 2015 e 7 nel 2016) falsano un po’ la media.

Leggi: Nel 2015 investiti in Italia 97,9 milioni in startup. Tutte le operazioni in una timeline

Le startup con tre founder invece hanno chiuso 19 round di investimento, con una media per investimento che scendo a 2,3 milioni per round e un totale raccolto di 24 milioni in meno rispetto a quelle con due founder: 45 milioni. Da ultimo quelle con 4 o più founder, fanalino di coda con 13 startup per 21 milioni e una media che scende ancora a 1,2 milioni.

Ripetiamo, correlazione non vuol dire causa, ma rimane la singolarità di questi dati.

Arcangelo Rociola
@arcamasilum

4 Commenti a “In Italia meno soci hanno le startup, più ricevono investimenti. Dicono i dati”

  1. AndyT

    Va bene, correlation doesn’t imply causation

    Eppure azzardo una teoria: non è possibile che le micro-imprese con più founder siano percepite come più “instabili”, più colpite da disaccordi, e quindi inspirino meno fiducia negli investitori?

  2. Zapmobilegames

    Propongo questa chiave di lettura: Un solo founder per la startup vuol dire avere di base un certo capitale per assumere professionalità sul mercato e quindi lanciarsi investendo, anche cifre elevate. Questo piace agli investitori. Startup con molti founders probabilmente fanno quasi tutto da soli, investendo prevalentemente tempo. Questo piace meno agli onvestitori

  3. CittiBerto

    Perché la correlazione abbia senso, bisogna supporre che le startup con 1, 2, 3 o più founder abbiano la stessa numerosità! L’analisi andrebbe fatta con le percentuali: se le startup con 1/2 founders sono molte di più, è normale che c’è una probabilità più alta che almeno una chiuda un round significativo 😉

  4. Stefania Pansini

    Interessantissimo articolo. Mi farebbe piacere saperne di più. Tipo qualche esempio di start up con un solo founder, background founder (finance, It, marketing ecc), investimento iniziale del founder in capitale proprio e se per il primo round di finanziamento si è presentato con solo un Power Point oppure con un prodotto e delle metriche. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.