Gli accessi alla rete da smartphone sorpassano quelli da desktop. Il Web adesso è «mobile first»

I dati di StatCounter incoronano ottobre 2016 mese storico nella storia della rete: più accessi da telefoni e tablet che da desktop

Il web è mobile, qual piuma al vento. A ottobre, coronando una tendenza ormai dirompente testimoniata da elementi economici ma anche dalle banali ricerche su Google e compagnia, la rete ha registrato più accessi da dispositivi mobili rispetto a quelli da desktop e laptop. Insomma, si naviga più con gli smartphone (e in misura minore con i tablet, formato in lenta ma inevitabile crisi) che con i pc. Per la precisione il rapporto è 51,26% contro 48,74%.

Lo studio StatCounter

Lo svela uno studio della dublinese StatCounter su 15 miliardi di pagine viste e un parco di 2,5 milioni di siti web, secondo il quale ottobre 2016 segna dunque una data-chiave nell’evoluzione del pur ancora giovane world wide web. I dati interessanti sono molti.

Ci sono per esempio quelli che raccontano la realtà dei Paesi in via di sviluppo mobile first come l’India, dove il 78% degli accessi arriva da mobile e i tablet quasi non esistono, e dei mercati storici (e saturi) dove il computer rimane al comando con il 57,97% degli accessi rispetto al 33,33% dei telefoni e l’8,7% dei teblet. In Italia, in particolare, il 64% passa da pc, il 30% da smartphone e il 5,7% da tavoletta.

cwlbmmdwgaa4f-4

Un passaggio che significa molte cose. In termini di servizi, di strategie, di futuro. Si tratta di un contesto che lascia immediatamente indietro le aziende e le imprese, tutte, che non abbiano adattato e anzi ripensato la loro presenza digitale e le loro offerte per i dispositivi che teniamo sempre in tasca.

Non si tornerà indietro, infatti, ed è il momento – almeno per i mercati più maturi – di rispondere all’ultima chiamata. Anche perché di allarmi – ammesso che questa migrazione debba costituire un allarme – ce ne sono stati molti: lo scorso aprile, per esempio, comScore ha spiegato che il numero di utenti statunitensi di internet che utilizza esclusivamente una piattaforma mobile ha superato chi si connette via desktop.

how-to-take-a-screenshot-on-android-phones-tablets-take-a-screenshot-on-samsung-galaxy-s6-htc-one-m9-sony-xperia-z3-lg-g4-nexus-6-and-more-plus-how-to-take-a-screencast-in-android

I dati delle vendite: i pc calano, gli smartphone crescono

Molti lo hanno già capito ma spesso l’orientamento, dal mondo editoriale a quello del marketing fino ai servizi, rimane dare la priorità ai siti internet, progettati per la fruizione desktop. I due aspetti andrebbero quantomeno messi sullo stesso piano. Lo confermano anche i dati delle vendite dei dispositivi: i pc si sono mossi nel 2015 sui 275,8 milioni di unità contro il picco di 363,8 nel 2011. Al contempo le consegne di smartphone, pur in un contesto saturo, hanno fatto segnare nel secondo trimestre dell’anno 344,4 milioni di consegne contro i 330,3 dello stesso periodo del 2015.

2 Commenti a “Gli accessi alla rete da smartphone sorpassano quelli da desktop. Il Web adesso è «mobile first»”

  1. Stefano Corona

    Di questo sono convinto. Lo smartphone, anzi il suo futuristico discendente, sarà l’unico strumento su cui ognuno di noi farà affidamento: é sempre con noi (plus rispetto a pc o tablet). A tal fine vorrei spendere due parole due sulla possibilità “continuum” presente sui device con Windows 10 Phone (di cui sono profondo estimatore e critico utilizzatore). Questa possibilità , ad oggi unica nel suo genere, permette di avere le applicazioni business sempre in tasca: sarà, secondo me, l’operare del futuro.
    Questo farà diventare quanto esposto da Simone sempre più vero : scontato.

  2. kuro69

    Sarebbe interessante capire quanto traffico ecommerce si sta spostando su mobile rispetto a tutto il resto. Perchè a quel punto è veramente un cambio critico per molte aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Giordania è stato realizzato il primo impianto fotovoltaico in un campo per rifugiati

I pannelli solari installati ad Azraq assicureranno elettricità 24 ore al giorno a circa 20mila persone e consentiranno di migliorare le loro condizioni di vita. L’obiettivo è portare questa innovazione anche in campi più grandi come quello di Zaatari

AXA Innovation Hub, la startup interna ad AXA che trasforma le idee in servizi concreti

20 collaboratori di AXA Italia diventano startupper e si mettono alla prova degli esperti del settore. Patrick Cohen “E’ un nuovo modo di lavorare agile e innovativo per liberare l’energia e la creatività. Senza paura di sbagliare”