L’incredibile ascesa di Trump spiegata con il metodo lean delle startup

La strategia elettorale di Donald Trump spiegata come se fosse una startup. Dall’impossibile al successo elettorale, spiegato in un gioco di comunicazione e tentativi.

Donald Trump sarà il presidente degli Stati Uniti. E quello che è certo è che ha aumentato giorno dopo giorno il consenso intorno a sé perché usa sapientemente i metodi per la costruzione di una startup.  Quando The Week nell’articolo “Perché Donald Trump è l’equivalente politico di una startup in Silicon Valley” aveva proposto questa tesi alcuni storsero il naso. Ma col senno di poi è un ragionamento che fila. E molto. Rivediamolo.

ct-donald-trump-will-not-be-the-next-president-001-600x338-1-767x432

L’A/B Test e la prova all’incoerenza

Il primo banco di prova è il test A/B. Due versioni di un elemento (il titolo o la descrizione di un prodotto, il layout o lo stile del sito web, il prezzo…) che vengono sottoposti ai primi utenti per ricevere feedback e capire quale adottare, avevamo scritto qui.

Ragionando sull’incoerenza del messaggio politico di Trump,  quello che ha spopolato durante questa campagna, emerge che a differenza degli altri che hanno corso per la presidenza, il magnate è sembrato mancare di una precisa strategia di comunicazione: «La sua incoerenza nell’offrire un messaggio e l’altro è in realtà frutto di un test A/B. Dal suo profilo Twitter e nelle sue interviste segue linee diverse per capire quale funziona. Come nel caso dei soprannomi per umiliare i suoi avversari. Ne prova in genere due finché uno ha successo» spiega Gobry, autore dell’articolo di The Week.

Tant’è che alla fine non è emerso nemmeno troppo chiaramente la sua visione politica. Difficile dargli dell’estremista di destra, qualcuno lo ha accusato di avere idee socialisticheggianti, un po’ da liberal newyorkese. In fondo è Trump. E ha funzionato così.

Tentare messaggi diversi, anche in opposizione tra loro

Memento. L’approccio lean startup, la metodologia per lanciare idee innovative teorizzata da Eric Ries, con “iteration” si intendono i «vari tentativi per trovare il mercato adatto e migliorare il prodotto, prima di fare investimenti su marketing e produzione». E una volta che trovi una cosa che funziona, devi rafforzare i tuoi sforzi in quella direzione.

E’ a ben vedere la strategia di Trump: «È quello che ha fatto Trump sull’idea di vietare l’ingresso in America ai musulmani. L’ha lanciata per sondare il terreno. Poi quando ha capito che c’era un seguito, l’ha rilanciata e usata stabilmente come strategia per conquistare consenso» spiega.

Spende meno soldi e cerca nuovi modi per colpire il mercato

Ancora un’altra caratteristica che stando all’autore dell’articolo assimila Trump alla Silicon Valley. «La sua campagna ha speso meno soldi delle altre, cercando come fa una startup nuove strade per fare il massimo con il minimo delle risorse» scrive.

Tra le sue strategie di maggior successo, l’uso dei social e delle provocazioni per ottenere sempre le prime pagine dei giornali. Far parlare di sé, in ogni modo possibile, ha scandito il ritmo della campagna elettorale. Un bell’articolo dell’Espresso sintetizza tutto quello che ha detto in 100 frasi. 100 frasi, 100 titoli di giornale. 100 bufere. 100 volte messaggi che sono arrivati a milioni di persone.

La mancanza di focus non è stata una debolezza

Sì dice che le startup “disruptive” siano quelle che di solito fanno meglio di quanto che gli analisti si aspettano. Come Facebook che al debutto faceva sorridere ed oggi è un business da profitti multi miliardari. «La strategia di Trump è perfetta per l’era in cui viviamo. Hilary Clinton ha un messaggio e lo segue. Trump ha detto tutto ciò che può portarlo sulla stampa. La sua mancanza di focus non è una debolezza, ma è parte di una strategia “spietata”». Questo è quello che è stato. Trump ha vinto. Contro tutte le previsioni, i sondaggi. Ha conquistato il suo elettorato dai primi matti «early adopters» fino alla maggioranza della popolazione americana.

Generalmente le startup «disruptive» (e Trump un po’ disruptive si è dimostrato) fanno molto meglio di quello che tutti si aspettano, o si sono aspettati da loro per anni. E’ un po’ un mantra.  Pensate a Facebook nei racconti di Zuckerberg. All’inizio veniva quasi ridicolizzata, ora è quello che sappiamo. Lo stesso per Snapchat, ma gli esempi potrebbero davvero essere centinaia. E non solo nel mondo delle startup. Trump si è mosso un po’ alla stessa maniera. Titolo di giornale dopo titolo di giornale. Ha raggiunto un vasto pubblico e il suo messaggio ha colpito il cuore più nascosto dell’elettorato. Una strategia strana, inusuale, rude, ma una strategia. Vincente.

Un Commento a “L’incredibile ascesa di Trump spiegata con il metodo lean delle startup”

  1. Giovanni Iula

    Articolo interessante!
    Trump conosce molto bene le regole del marketing, appunto per questo il metodo Lean se proprio vogliamo, può averlo utilizzato per testare più messaggi all’inizio della campagna.
    In realtà è stata proprio la scelta del corretto messaggio utilizzato in campagna elettorale uno dei principali motivi della sua vittoria.
    Lo slogan “Make America Great Again” è venuto fuori non da una serie di prove(METODO LEAN), ma dallo studio meticoloso che lo staff di Trump ha effettuato sulla “buyer persona” che nelle caso delle elezioni presidenziali americane erano gli elettori.
    Un ulteriore colpo di classe sferrato da Trump è stato l’utilizzo del Real time marketing.
    Il neo presidente che RIBADISCO, CONOSCE MOLTO BENE LE REGOLE DEL MARKETING, è stato in grado di bypassare i media tradizionali e arrivare direttamente alla gente attraverso un uso magistrale dei Social Media. Al contrario, la candidata Hillary Clinton’s si è affidata a strategie di advertising tradizionale, coinvolgendo durante la campagna elettorale, personaggi pubblici e Star di Hollywood, fallendo miseramente.
    Contro il marketing fatto bene, i Testimonial e le campagne pubblicitarie del tipo
    “ Il mio dentista mi ha detto che uno spazzolino elettrico pulisce i denti più a fondo”
    NON FUNZIONANO !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito