L’anno di Pokémon: è la parola più cercata su Google nel 2016

Google passa in rassegna l’anno che volge al termine attraverso le parole che abbiamo cercato: sport, politica e morti celebri nelle prime 10 posizioni

In cima agli argomenti su cui gli italiani hanno fatto più ricerche ci sono i Pokémon. Il 2016 è stato l’anno dell’esplosione dell’app Nintendo sugli smartphone di mezzo mondo. Google come ogni anno tira le fila degli ultimi 12 mesi e fa una classifica delle parole più cercate online nel 2016: al primo posto c’è proprio Pokémon Go.

Dozens of Pikachu characters, the famous character of Nintendo's videogame software Pokemon, march at the Landmark Plaza shopping mall in Yokohama, suburban Tokyo on August 13, 2015.  The Pikachu mascots walk around daily to attract summer vacationers as a part of the "Pikachu Outbreak" event through the weekend.     AFP PHOTO / Yoshikazu TSUNO

Politica, sport e star defunte

Il 2016 è stato anche un anno ricco di eventi sportivi: Olimpiadi Rio 2016 e Europei 2016 si sono piazzati rispettivamente al secondo e al terzo posto. Come successo anche su Facebook, Google è stato il primo passo per accedere alle informazioni e scoprire gli ultimi risvolti della campagna elettorale per l’elezione del nuovo presidente degli Stati Uniti. Elezioni USA è la quarta parola in classifica. Nella top 10 delle parole più ricercate ovviamente c’è anche il suo nuovo presidente americano, Donald Trump, ma solo all’ottavo posto. In quinta e sesta posizione troviamo due argomenti che ci hanno riguardato da vicino: Terremoto e Sanremo 2016. Inoltre, anche le morti di David Bowie (7°) e Bud Spencer (9°) hanno spinto gli italiani a fare ricerche su Google. Infine, in decima posizione troviamo la parola Brexit.

I personaggi più ricercati su Google

Tra i personaggi più ricercati del 2016 troviamo nuovamente David Bowie, seguito da Donald Trump e Bud Spencer. Subito fuori dal podio c’è il calciatore argentino Gonzalo Higuain (4°), Ezio Bosso (5°), protagonista di un’emozionante performance a Sanremo 2016, e un’altra star morta troppo presto: Prince, scomparso a fine marzo. In più tra le ricerche più frequenti, Big G segnala anche Gabriel Garko (7°) e Virginia Raffaele (8°), entrambi osannati durante il Festival di Sanremo. Al nono e decimo posto della classifica ci sono Alda Merini e Patty Pravo, altra presenza sfolgorante di Sanremo 2016.

Le altre ricerche

Google è spesso utilizzato per rispondere a domande bizzarre (come quelle raccolte da Digitaloft, tra cui “I pinguini hanno le ginocchia?”), curiosità, agli interrogativi di tutti i giorni. Tra i “come fare…” al primo posto troviamo “come fare il gelato al caffè in casa”. Tra i “perché…” ha spopolato una domanda che forse le nostre nonne hanno posto a Google: “perché si intasa il braciere”. Abbiamo chiesto a Big G informazioni sulle mete per le vacanze (in testa, Corfù), sulle ricette da proporre agli amici (ci siamo appassionati al tiramisù), abbiamo chiesto “cosa significa idolatria”, “ad maiora” e ovviamente “Brexit” (qui ci sono tutte le liste complete).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La call di dpixel per il secondo programma di accelerazione di Barcamper Ventures

Le startup possono applicare fino al 5 giugno. Il percorso inizierà a settembre 2017, si terrà a Bologna e includerà fino a venti progetti innovativi nel campo della tecnologia e del digitale

Videoarte e tecnologie: dal 27 aprile torna il Media Art Festival, con un concorso per le scuole

Il filo rosso di questa edizione è “L’arte che cambia il mondo”, grazie anche ai laboratori creativi per lo sviluppo sostenibile, realizzati con scienziati e maker. Gli studenti saranno coinvolti con scienziati e artisti in progetti sullo sviluppo sostenibile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion