Remoria VR ha chiuso un round di 720k con con Invitalia Ventures e LVenture

Invitalia Ventures e LVenture Group investono nella startup che ha sviluppato un controller ad alte prestazioni per la realtà virtuale da Mobile

Remoria VR, startup che sviluppa dispositivi per la realtà virtuale che permettono di vivere un’esperienza 3D pienamente immersiva, ha chiuso un round di 700 mila euro con Invitalia Ventures, LVenture Group e altri gruppi di investitori. Nell’ambito di questa operazione, Invitalia Ventures ha investito 300 mila Euro. Remoria VR ha partecipato al programma di accelerazione di LUISS Enlabs nella seconda metà del 2016. Al termine del programma, LVenture Group ha deciso di confermare la propria fiducia in Remoria VR con un investimento di 120 mila Euro.
La restante somma proviene da altri investitori, tra cui 80 mila Euro dai business angel del gruppo Angel Partner Group, che ha tra i suoi fondatori LVenture Group. Con questo round di investimento, il team di Remoria VR ha l’obiettivo di accelerare la fase dello sviluppo, produzione e commercializzazione del proprio dispositivo per la realtà virtuale.

Remoria Vr

Muoversi a tempi record

«Siamo lieti che Invitalia Ventures, LVenture Group e i membri di APG si siano uniti a noi in questa sfida e abbiano scommesso su di noi – ha detto Marco De Falco, ceo di Remoria VR – il mercato della realtà virtuale si muove molto rapidamente, per questo è necessario muoversi a tempi record. Siamo davvero soddisfatti di aver raggiunto così tempestivamente accordi con i nostri investitori, riuscendo a chiudere il round subito dopo il programma di accelerazione di LUISS Enlabs. Grazie a questo investimento potremo portare le nostre tecnologie ai livelli che desideriamo ed innescare una crescita dirompente per Remoria VR».

Modello valido

«Questa operazione, al fianco di un partner di rilievo come Invitalia Ventures, ci rende particolarmente orgogliosi – ha aggiunto Luigi Capello, CEO di LVenture Group – sono passate infatti solo poche settimane dalla conclusione del programma di accelerazione di LUISS Enlabs a cui ha partecipato Remoria VR e la startup è stata già in grado di chiudere un round così significativo. La crescente velocità con cui le startup che lanciamo attraverso il programma di accelerazione raccolgono cifre sempre più importanti prova la validità del nostro modello e ci offre ottime speranze per il futuro. Ottima notizia anche il coinvolgimento dei business angel di Angel Partner Group».

Obiettivo, diventare standard internazionale

«E’ un grande motivo di soddisfazione per Invitalia Ventures investire in una startup che intende rivoluzionare il mercato della realtà virtuale – ha detto a proposito Ciro Spedaliere, Investment Manager di Invitalia Ventures – Remoria VR ha implementato una tecnologia disruptive ed innovativa che mira a diventare lo standard mondiale per gli input device nel settore mobile della realtà virtuale. Con questa operazione, Invitalia Ventures conferma la sua strategia di investimento puntando su startup a forte impatto tecnologico con ottime opportunità di crescita di mercato».

Il mercato della realtà virtuale

Remoria VR si posiziona nel mercato della realtà virtuale (VR/AR) Mobile, che ha un forte potenziale di crescita (+50% nel periodo 2016-2020) e vede la presenza di hardware con numerose limitazioni e barriere tecnologiche tra cui gli alti tempi di latenza, una trasmissione limitata di quantità di dati, un coinvolgimento limitato con i movimenti oltre ai problemi di compatibilità con i differenti sistemi operativi. In questo contesto, Remoria VR ha creato Lignum, una tecnologia disruptive ed unica che presenta vantaggi in termini di performance (latenza bassa, trasmissione di una maggiore quantità di dati, tracking del movimento e dell’orientamento della mano) ed è compatibile con tutti i principali sistemi operativi. Questa tecnologia ha già ricevuto interesse da parte del mercato: in solo 3 mesi oltre 800 sviluppatori hanno già applicato il beta-test di Lignum, mentre sono state ricevute richieste per il prodotto da diversi big nell’ambito della produzione di hardware per la realtà virtuale a livello mondiale. La startup vanta un team con forti competenze tecniche e manageriali.

 

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

Il futuro di Internet non è nella fibra. Così Elon Musk ci farà connettere dallo spazio

Mentre Facebook ci prova con i droni, Space X vuole lanciare in orbita più di 4mila satelliti per portare internet ovunque. L’impresa è titanica se si pensa che ad oggi ci sono solo 24 satelliti nello spazio per il GPS e che le aziende che ci hanno provato prima hanno fallito

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure