La campagna Kickstarter (con Francis Ford Coppola) per rendere Apocalypse Now un videogame

L’obiettivo è 900 mila dollari per portare il Vietnam psichedelico di Apocalypse Now in un videogame: nel team c’è anche il regista del film cult

Hanno avuto l’approvazione del regista Francis Ford Coppola, hanno i diritti per usarne temi e immagini, ma per produrlo gli servono 900 mila dollari. Il piccolo gruppo di sviluppatori e creativi che ha lanciato la campagna su Kickstarter per trasformare il celebre film sulla guerra del Vietnam “Apocalypse Now” in un video game, infatti, ha sottolineato che “per mantenere la propria libertà creativa e l’integrità del progetto” ha deciso di produrlo “al di fuori del sistema tradizionale di produzione dei videogiochi”. Il team si chiama  Erebus LLC, con riferimento al nome della barca nel film, e la sua idea è ambiziosa: realizzare un survival-game “horror e immersivo” che segua la storia originale del successo cinematografico di 40 anni fa e restituisca ai fan la “visione psichedelica del Vietnam così come l’ha presentata originariamente Francis Ford Coppola”.

9b49d937cb33303e813123382665e1f3_original

Il Vietnam, con gli occhi di Willard

“Chiediamo il vostro aiuto perché con le case di produzioni tradizionali questo video gioco non vedrà mai la luce” scrive il team nella campagna. Il video gioco può contare, oltre al nome di Ford Coppola nel gruppo, anche di un executive producer (Lawrence Liberty), un autore (Rob Auten), e un direttore (Montgomery Markland). Apocalypse Now ricostruisce l’orrore della guerra del Vietnam attraverso il carattere del capitano Benjamin Willard. Il gioco ricostruisce interattivamente il viaggio di Willard: scegliendo come comportarsi in ogni situazione che gli si presenta, il giocatore configura una versione “unica” di WIllard definendo il suo destino.

Un obiettivo ambizioso

Il videogioco ancora non ho un prototipo, quindi i backers che vorranno aderire alla campagna, dovranno farlo sulla fiducia. L’intero progetto sembra decisamente ambizioso, tanto che probabilmente 900 mila dollari potrebbero non bastare per produrre ciò che il team dice di aver in mente. La campagna resterà aperta per quasi un mese: vedremo se 40 anni dopo la prima proiezione, Apocalypse Now riuscirà a tornare sotto forma di videogame.

@carlottabalena

5602768d7f14186f914f44fcd703c194_original

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

L’SOS si lancia a mezzo Google

Mountain View incorpora nei suoi servizi delle funzioni dedicate alle emergenze. Serviranno a informarsi e a informare sulla situazione in caso di incidenti o catastrofi