Chiavari Crea Impresa, oltre 100 progetti presentati a Wylab

A farla da padrone il settore “Food & Tourism”, una delle quattro categorie in gara insieme a “No Profit”, “Creativity & Design” e “Industrial”

Realizzare piste di ghiaccio sintetico; coltivare le alghe in serra a fini gastronomici e per conservare l’ambiente marino; sviluppare un’applicazione che metta in contatto diretto coltivatore e consumatore per portare ogni giorno in tavola prodotti a chilometro zero; produrre occhiali da vista componibili. Sono queste alcune delle oltre cento idee arrivate a Wylab nell’ambito dello startup contest Chiavari Crea Impresa, organizzato in collaborazione con il Politecnico di Milano, le cui iscrizioni si sono chiuse ieri sera.

Wylab_Chiavari crea impresa

Un autentico boom, tantissime domande in poco più di due settimane che dimostrano la grande voglia di giovani e meno giovani di mettersi alla prova: il 70 per cento delle proposte arriva direttamente dalla Liguria.

A farla da padrone, con oltre 40 idee presentate, il settore “Food & Tourism”, una delle quattro categorie in gara insieme a “No Profit”, “Creativity & Design” e “Industrial”. Le proposte ritenute idonee saranno ammesse alle tre giornate di “Design Thinking”, il 4-5-11 febbraio, in Wylab; una full immersion durante la quale tutor di comprovata esperienza, provenienti dal Politecnico di Milano, aiuteranno i partecipanti a capire se quella lampadina accesa può generare business.

Le migliori idee, una per ogni categoria, verranno premiate il 24 febbraio: in palio tre mesi di tutoring e incubazione all’interno di Wylab.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Magnocavallo (Tannico): La Digital Transformation? Marcia in più per il settore vitivinicolo

Con il ceo della startup parliamo di Gli Impatti della Digital Transformation sul settore Agrifood, il report di Cisco Italia e Dti. «Chi fa investimenti importanti sulle tecnologie produttive spesso riesce ad avere prodotti con qualità uniforme e di alto livello»

A Dubai entra in servizio Reem, il primo poliziotto robot

Frutto della collaborazione tra il dipartimento di polizia della città degli Emirati Arabi, Google e IBM, il moderno Robocop potrà interagire con i cittadini grazie all’intelligenza artificiale e sarà sempre in connessione con i colleghi umani per segnalare situazioni sospette