Alessio Nisi

Alessio Nisi

Feb 7, 2017, 6:00am

Alessio Nisi

Alessio Nisi

Feb 7, 2017, 6:00am

Le 10 startup che partecipano ad Android Factory 4.0 di LVenture e Google

Via al programma di open innovation a LUISS Enlabs su Made in Italy e Industria 4.0

Un’iniziativa di Open Innovation in partnership con le corporate per facilitare l’accesso all’innovazione. Questo l’obiettivo di Android Factory 4.0, programma per startup di LVenture Group e Google e gestito dall’acceleratore di startup LUISS Enlabs. L’iniziativa è dedicata alla creazione di nuove soluzioni imprenditoriali Made in Italy tramite l’utilizzo di Android. Dopo un roadshow di 5 eventi a Reggio Emilia, Bergamo, Bari, Pisa e Genova, con un’affluenza di oltre 300 partecipanti e circa 100 pitch, hanno risposto alla call per partecipare al programma oltre 200 candidati, tra startup con progetti ancora nelle prime fasi di vita e talenti individuali. Il percorso si svolge nei locali di LUISS Enlabs e prevede workshop tenuti dagli esperti di LVenture Group e Google. Termina poi l’11 aprile 2017 con un evento conclusivo in cui le startup presenteranno i loro progetti. Sono state selezionate per partecipare al programma 10 startup che riceveranno un grant da 2.500 euro. Ammessi al percorso altri 30 partecipanti circa, per un totale di oltre 50 persone. Le startup entrate nel programma sono: Beeing, BiTrack, BXTAR, InTimePhoto, NeeOT, Odroid, Pako, PoWaHome, Revotree, Serially. QUI tutte le info sull’Android Factory.

lventure

Android alleato per la trasformazione digitale dell’impresa italiana

«Abbiamo ricevuto centinaia di candidature per Android Factory 4.0 e le startup che abbiamo selezionato sono davvero valide e promettenti, sia a livello di idee che di team – ha detto Augusto Coppola, direttore del programma di accelerazione di LUISS Enlabs – il programma è iniziato con grande entusiasmo e i partecipanti, entrando negli spazi del nostro acceleratore, hanno già potuto incontrare le realtà che ne fanno parte e fare un passo in più nel mondo dell’innovazione». Per Diego Ciulli, Public Policy Manager di Google in Italia «le 10 idee selezionate mostrano chiaramente come Android – con il suo ecosistema aperto e flessibile – possa essere un alleato straordinario per la trasformazione digitale dell’impresa italiana. Dall’agricoltura all’automazione industriale, dall’Internet of things alla domotica, Android Factory 4.0 rappresenta un bello spaccato di come l’Italia potrebbe costruire il suo successo nell’industry 4.0».

LE STARTUP SELEZIONATE

  1. Beeing ha sviluppato un antifurto invisibile esternamente con GPS per il settore dell’agricoltura e sta studiando nuove soluzioni per l’apicoltura urbana. Utilizza Android per l’app e tutti i servizi Google per la localizzazione, le notifiche, lo store dei dati in cloud.
  2. BiTrack propone un dispositivo hardware integrato con 6 sensori attraverso cui le aziende nel settore industriale possono minimizzare la perdita e il degrado dei materiali. Utilizzerà Android per l’app di configurazione e monitoring dei dati inviati dal dispositivo.
  3. BXTAR  è un sistema per ciclisti con un’app dedicata che riconosce le caratteristiche del percorso stradale e integra luci posteriori e laterali, sensore di luminosità e accelerometro creando automazioni. Ha un’app dedicata, si collega via Bluethoot e utilizza il GPS dello smartphone.
  4. InTimePhoto opera nel campo della distribuzione automatica per la stampa di fotografie, stampa di foto e fototessera. Ha lo scopo di mettere in rete chi offre servizi di stampa di fotografie e utilizzando Android permette ai clienti di usufruire dei servizi da smartphone.
  5. NeeOT è un sistema basato su una rete di comunicazione IoT semplice da usare e a bassi consumi che con sensori disposti in aree geografiche di interesse permette alle aziende di monitorare dati a supporto delle decisioni. Sta sviluppando un’app Android per interagire con la rete.
  6. Odroid propone un misuratore in grado di rendere efficaci ed efficienti i lavori sugli impianti elettrici e domotici proiettando in Realtà Aumentata le zone di passaggio dei fili elettrici e le zone di intervento con l’ausilio dell’Intelligenza Artificiale e di Android.
  7. Pako ha creato un dispositivo in grado di ricevere i pacchi a casa in massima sicurezza anche quando non è presente nessuno e utilizza Android per realizzare un’interfaccia per corrieri e utenti.
  8. PoWaHome è un piccolo dispositivo domotico che può essere inserito autonomamente dietro gli interruttori per controllare a distanza luci, prese e avvolgibili attraverso una app per smartphone Android. Può integrare il sistema di controllo “Google Home” con gli impianti elettrici esistenti.
  9. Revotree è un sistema elettronico progettato per la gestione ottimizzata dell’irrigazione dei frutteti basato su intelligenza artificiale e tecnologie IoT. Garantisce una maggiore efficienza nel consumo idrico e la monitorizzazione dei parametri ambientali tramite un’app Android.
  10.  Serially nasce come aggregatore di news sulle serie tv, con magazine e canali personalizzati. Con un’app Android, vuole creare un hub di contenuti legati alle serie tv e allo stesso tempo offrire insight agli operatori del settore profilando gli utenti.