VIDEO: L’importanza di «alzare l’asticella» e altre 4 “pillole” in vista dell’8 marzo a Palermo con Edison Pulse

Abbiamo intervistato gli speaker della tappa torinese di Edison Pulse Day, dal sindaco Chiara Appendino a campioni dell’innovazione come David Avino (Argotec), Marco Cantamessa (I3P), Marco Gay (Giovani Confindustria) e Michele Novelli (Innogest). Prossima tappa a Palermo l’8 marzo

Un “tesoretto” da 200 mila euro, un programma di incubazione e supporto in un acceleratore di impresa, una campagna di comunicazione e, non ultima, l’open innovation, ovvero la possibilità di avviare partnership con la multinazionale dell’energia. E’ quanto mette a disposizione Edison Pulse, la call for startups che è anche un roadshow, Edison Pulse Day, un giro d’Italia in 5 tappe per attrarre i talenti del territorio e metterli in contatto diretto con aziende e con esempi di successo, con i campioni dell’ecosistema.

edison-pulse-2016-milestone

I 4 mercati innovativi in cui investirà Edison

Edison vuole investire in startup (e idee dimpresa) in ambito di:

  1. Energia, per le soluzioni innovative nell’ambito di produzione, stoccaggio, energia rinnovabile ed efficienza energetica, oppure delle smart city;
  2. Smart Home, per i progetti di gestione intelligente dell’ambiente domestico (Internet of things);
  3. Consumer, per le soluzioni innovative di vendita, customer care e coinvolgimento dei consumatori B2B e B2C, oppure per le soluzioni avanzate di eCommerce;
  4. Ricostruzione Sisma, rivolta alle sole imprese sociali e destinata alle idee e ai progetti per il recupero e la gestione della ricostruzione delle aree del Centro Italia colpite dal terremoto dell’agosto 2016, nonché alla valorizzazione delle filiere produttive locali e alla promozione culturale e turistica.

I protagonisti della seconda tappa

La seconda delle tappe del roadshow Edison Pulse Day si è tenuta a Torino e lì il nostro Massimo Fellini ha raccolto dagli speaker presenti alcune interviste. Ve le proponiamo di seguito.

Appendino: «A Torino 20 milioni sull’Energy Center»

«L’innovazione è una leva importante, crea opportunità lavorative ed è uno strumento di comunità, perché l’innovazione seppur fatta di persone chi ne beneficia è la comunità intera», ricorda il sindaco di Torino, Chiara Appentino. «Qui a Torino il Politecnico ha investito 20 milioni di euro sull’Energy Center, abbiamo molti incubatori e stiamo cercando di creare un tessuto che è un sistema tra città, università, incubatori e giovani competenti che permetta alle energie di poter fiorire, sia in innovazione energetica che digitale».

Avino: «Alzare sempre l’asticella»

«Creare il futuro significa utilizzare persone che possono portare all’interno della startup idee nuove e soprattutto diverse. Pensare fuori dagli schemi e creare un futuro non solo per la propria azienda ma per il proprio Paese», ha detto il founder di Argotec, David Avino.

E sull’importanza degli obiettivi per un’azienda: «Noi stiamo ancora inseguendo il nostro vello d’oro. Sono gli obiettivi, e alla fine cerchiamo di alzare sempre l’asticella. E’ importante all’interno della propria startup alzare sempre l’asticella degli obiettivi. Bisogna correre e pensare sempre sempre oltre».

Cantamessa: «Pochi investimenti perché è poca la domanda»

Come accorciare le distanze tra il mondo della ricerca universitaria e il mondo delle startup? Per il presidente di I3P, Marco Cantamessa, «ci sono gli uffici di trasferimento tecnologico, e poi le attività degli incubatori d’impresa che vivono nelle università ma che non curano solo le startup che nascono nell’attività accademica ma per aiutare tutti gli altri imprenditori. E poi bisognerebbe un po’ deburocratizzarla, l’università. Troppi lacci e lacciuoli».

Pochi investimenti? «Da un lato è innnegabile che c’è poco capitale di rischio, 200 milioni ci dicono quanto siamo indietro», ammette il presidente dell’incubatore universitario torinese, «ma il problema più profondo è la mancanza di domanda». Per Cantamessa, «l’investitore non fa altro che anticipare i soldi che la startup prenderà sul mercato dai clienti. Se tutte le startup italiane fatturano 600 milioni vuol dire che questo problema esiste e gli investitori ancora non si fidano. Permettetemi un’analigia idraulica: se un tubo è otturato io più che spingere con la pressione da monte preferirei togliere l’otturazione da valle».

Gay: «Fondamentale il team»

La cosa più importante che porta a credere in una startup? Per il Presidente dei giovani di Confindustria, Marco Gay, «prima di tutto il team, inteso sia come startup che come investitori, e poi identità del progetto e capacità innovativa che questo ha». «Come gruppo Giovani Imprenditori – continua – abbiamo subito sposato la filosofia della startup e dato fiducia a questo nuovo mondo di imprenditori che deve crescere».

Per riuscire a coniugare innovazione e tradizione, Gay si dice «sicuro che le startup che lavorano nel digitale possono portare quel vantaggio competitivo, quell’accelerazione delle imprese tradizionali. Parola chiave è l’open innovation, e poi il matrimonio tra la capacità innovativa della startup e la tradizione delle imprese porta a un Digital Made in Italy che ci porta con più forza e più efficacia verso l’internazionalizzazione».

Novelli: «C’è ancora un gap da colmare con gli altri Paesi europei»

«In Italia siamo bravi a fare certe cose», dice Michele Novelli, partner di Innogest. «Difficile che in Italia nasca una nuova Google, mentre potrebbe arrivare l’azienda che mette insieme le macchine che fanno lavorazioni meccaniche e le fa parlare tra loro, perché è lì che siamo bravi».

C’è una forte spinta, molte leggi che stanno arrivano che aiuteranno. Ma gli altri Paesi europei, anche la Spagna che è più piccola di noi mettono sul mercato dell’innovazione, delle startup, tra il mezzo miliardo e i 2 miliardi l’anno. In Italia c’è ancora un gap da colmare. L’uomo o abbatte i costi o crea innovazione, e l’innovazione è la strada verso la quale bisogna andare».

Tech-Marketplace & StartupItalia! Open Summit Tour 2016 - Palermo

Prossima tappa, Palermo

Per la terza delle cinque tappe del tour l’8 marzo 2017 Edison volerà in Sicilia, a Palermo, presso la Galleria D’Arte Moderna (via Sant’Anna, 21).  La partecipazione all’evento è gratuita, basta iscriversi a questo indirizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito