Due call, 28 startup, 4 super progetti: l’Europa mette 3.6M in Impact Growth

Il programma si focalizza su Smart Cities & Infrastructure, Smart Content, Smart Manufacturing e Smart AgriFood, ciascuno guidato da una delle società internazionali che fanno parte del programma e che agiranno come mentor con la possibilità di creare future sinergie e partnership

Quattro super startup capaci di scalare in Europa. Questo l’obiettivo finale di Impact Growth, il programma finanziato dalla Commissione Europea che ha stanziato 3,6 milioni di euro e gestito da DOCOMO Digital, ISDI e Fundingbox con il supporto di Fiware Foundation, Accelerace, Mobile World Capital Barcelona, Kibo Ventures, Invesdor, Danone, Ferrovial e MADE.
La prima Open Call del programma, aperta il 27 febbraio, selezionerà 14 startup a cui verranno erogati 100 mila euro in equity-free e alla fine dei 6 mesi di accelerazione le migliori due otterranno un finanziamento addizionale di 150 mila ciascuna. Lo stesso avverrà con la seconda Open Call che si aprirà a settembre 2017. E, al termine delle due call, le migliori quattro aziende avranno l’opportunità di ricevere ulteriori finanziamenti fino a 1.5 milioni di euro da parte di investitori istituzionali (Kibo Ventures e Accelerace).

Impact Growth

Startup internazionali

Impact Growth si rivolge a startup internazionali in fase di crescita e con prodotti già disponibili sul mercato: le aziende dovranno già possedere il potenziale per poter accedere, al termine del programma, a finanziamenti di tipo Seed o Series A. Impact Growth, come il precedente Impact, si colloca all’interno dei programmi FIWAREIl programma si focalizza su quattro settori (Smart Cities & Infrastructure, Smart Content, Smart Manufacturing e Smart AgriFood) ciascuno guidato da una delle società internazionali che fanno parte del programma e che agiranno in qualità di mentor con la possibilità di creare future sinergie e partnership: Smart Content sarà guidato da DOCOMO Digital, Smart Cities da Ferrovial, Smart AgriFood da Danone, Smart Manufacturing da MADE (Lego).

100 mentor e investitori

Al finanziamento si affiancherà inoltre un programma di training intensivo (gestito da ISDI e Accelerace) condotto da esperti e imprenditori a livello internazionale, con corsi dedicati a Madrid, Copenhagen e Barcellona. Le startup potranno beneficiare dell’esperienza di oltre 100 mentor e investitori che potranno supportarli sia nel settore digitale che nei 4 settori specifici del programma in merito a problematiche legate al business, alla tecnologia e alla scalabilità. Le startup saranno inoltre supportate dalla FIWARE Foundation nell’implementazione della tecnologia FIWARE – la piattaforma in grado di offrire un set di API dalle specifiche pubbliche e royalty-free per lo sviluppo e la pubblicazione di applicazioni e servizi internet – all’interno della loro architettura.

Strumento per affiancare progetti europei ad alto potenziale

«Si tratta di un’altra preziosa opportunità per b-ventures, il programma di accelerazione di DOCOMO Digital, di contribuire alla selezione e alla crescita delle migliori startup che meritano di essere finanziate con fondi europei fino a 250 mila euro in equity free – ha commentato Simona Torre, Director di b-ventures, il programma di accelerazione corporate die DOCOMO Digital – esattamente come fatto nei due anni scorsi con Impact, vogliamo usare Impact Growth come strumento per affiancare progetti europei ad alto potenziale nella loro fase di crescita fino a farli diventare global company, supportando e favorendo in tal modo il cambiamento che avverrà nella nostra società nei prossimi anni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Giordania è stato realizzato il primo impianto fotovoltaico in un campo per rifugiati

I pannelli solari installati ad Azraq assicureranno elettricità 24 ore al giorno a circa 20mila persone e consentiranno di migliorare le loro condizioni di vita. L’obiettivo è portare questa innovazione anche in campi più grandi come quello di Zaatari

AXA Innovation Hub, la startup interna ad AXA che trasforma le idee in servizi concreti

20 collaboratori di AXA Italia diventano startupper e si mettono alla prova degli esperti del settore. Patrick Cohen “E’ un nuovo modo di lavorare agile e innovativo per liberare l’energia e la creatività. Senza paura di sbagliare”