Il programma di Aruba per le startup del cloud. We START you UP

Il programma di Aruba Cloud si articola in un percorso di tre anni mirato alla crescita delle startup. Al centro del programma l’offerta fino a 50 mila euro di credito da usare sulla piattaforma cloud di Aruba

Fornire alle startup più valide le migliori tecnologie in ambito cloud, ponendosi al fianco di queste imprese attraverso un percorso di tre anni e mettendo a disposizione un credito cloud gratuito con risorse fino a 50 mila euro, supporto tecnic e vantaggi per accompagnarle sul mercato. Questi gli obiettivi di We START you UP, il programma di Aruba Cloud (parte del Gruppo Aruba) per sostenere le startup più innovative nello sviluppo del proprio progetto d’impresa. We START you UP nasce dai feedback raccolti nel corso del precedente Programma Aruba Cloud Startup con l’obiettivo di completarlo e svilupparlo. QUI tutte le info per partecipare.

Aruba

Tecnologie per prestazioni di livello

«Il cloud – ha spiegato Stefano Sordi, Chief Marketing Officer di Aruba – per una giovane azienda con un modello tecnologico ed innovativo, può essere un boost incredibile ed il nostro obiettivo primario è fornire know-how e strumenti perché la tecnologia non sia più un problema tale da rallentare un modello di business potenzialmente esplosivo. Vogliamo – ha aggiunto – mettere a disposizione delle startup, tecnologie che garantiscano prestazioni di altissimo livello e basate sul nostro modello di cloud, che lascia a noi gli oneri di gestire il data center e l’infrastruttura e libera tempo e risorse nella startup da dedicare alla crescita».

We START you UP

Nel dettaglio il programma si articola in 4 fasi. Formula START: si tratta della fase di accesso al programma, nella quale le startup hanno a disposizione 3.000 euro di credito cloud all’anno, per tre anni, oltre che supporto formativo continuativo.
Training, la seconda, consiste in giornate e webinar di formazione attraverso cui le startup potranno, prima, capire quanto il cloud possa facilitare il proprio business, e poi, apprendere gli strumenti per crescere attraverso questa tecnologia. Sono previste giornate di orientamento di più tappe, alle quali prenderanno parte anche i partner incubatori.
La terza fase coincide con il Pitch Day, l’appuntamento in cui le startup potranno spiegare agli esperti di Aruba quale sia la propria idea per usare le risorse cloud, con l’obiettivo di usufruire della formula UP, dedicata alle startup ad alto potenziale di crescita.
Infine poi Formula UP, la formula riservata ai progetti che durante il Pitch Day risulteranno idonei a sfruttare al meglio tutta la potenza di un piattaforma cloud così potente come quella che si potrà creare con il credito gratuito offerto da Aruba. In questo modo la startup potrà aumentare le risorse cloud passando ad un’architettura di livello enterprise, e quindi liberare tutta la potenza del proprio modello di business. Questa fase mette a disposizione un credito cloud gratuito fino a 50 mila euro utilizzabile in 24 mesi e la consulenza dei Cloud Architect di Aruba.

Leggi anche: Domee vince il contest per soluzioni cloud di Aruba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sempre più contactless e i pagamenti innovativi superano i 30 miliardi di euro

Il boom dei pagamenti contactless ne 2016 (+700% sul 2015) ha segnato una crescita positiva di tutti i “New Digital Payment”: il report dell’Osservatorio Mobile Payment&Commerce della School of Management del Politecnico di Milano

Un milione di dollari per migliorare la vita dei rifugiati: 5 progetti studenteschi in finale

Portare internet nei campi, sfruttare il biogas, fornire un sistema di trasporto ecologico, aiutare nell’apprendimento delle lingue e fornire una piattaforma per l’aiuto reciproco: sono le idee dei cinque team finalisti che si confrontano per un assegno da un milione di dollari

I 10 paladini del cibo sostenibile che si battono per un mondo migliore

Il sostegno agli agricoltori e alle comunità locali, le abitudini alimentari corrette, una produzione biologica e non intensiva: sono questi alcuni degli obiettivi delle personalità di questa lista che, con la loro attività quotidiana, vogliono preservare anche l’ambiente