Attacco hacker pro Turchia su Twitter. L’analisi di Matteo Flora

Oltre 10mila tweet in sei ore, tra le vittime siti di informazione ma anche Forbes, Amnesty International, Unicef. Cosa è successo esattamente?

Sono bastati pochi minuti per mettere sotto attacco alcuni degli account Twitter più autorevoli e invaderli di messaggi in favore del governo turco di Erdogan (ne abbiamo parlato qui). Tra le vittime siti di informazione come il tedesco Die Welt, Forbes, Bbc North America e Reuters Japan ma anche Forbes, Amnesty International, Unicef.

Sulle pagine degli account hackerati sono comparsi tweet con scritte in turco, con simboli nazisti e hashtag contro Germania e Olanda “#nazialmanya o #nazihollanda. Oltre 10mila tweet in sei ore, un attacco difficile da prevedere e che Twitter ha confermato.

Cosa è successo esattamente? Ce lo spiega Matteo Flora nella sua analisi in ci racconta da quale account sono partiti i tweet. Come sempre vi proponiamo un sommario e tutti i contenuti.

Sommario

Contenuti

 

Per un ulteriore approfondimento

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti