Davide D’Atri (Soundreef) entra in Endeavor Italia: «Cercherò di aiutare altri imprenditori»

L’ad della startup che si occupa di raccolta e gestione dei diritti d’autore è il nuovo arrivato nel network internazionale che seleziona imprenditori di grande valore e li aiuta a sviluppare il loro business in fase di scale up

Dopo Davide Dattoli di Talent Garden, Matteo Lai di Empatica, Simone Maggi e Riccardo Schiavotto di Lanieri, Luca Rossettini di D-Orbit, anche Davide D’Atri, founder e ad di Soundreef, entra nel network di Endeavor Italia, organizzazione non-profit che seleziona imprenditori di valore e li aiuta a sviluppare il loro business durante la fase di espansione (scale up). Davide D’Atri, romano, 36 anni è stato selezionato durante il recente International Selection Panel di Endeavor Global che si è svolto in Brasile a Rio de Janeiro, ultima fase di un percorso di valutazione che coinvolge una rete internazionale di soggetti, composta da venture capitalist e imprenditori di successo provenienti da diverse nazioni. I candidati vengono valutati dallo staff di Endeavor, che ha il compito di analizzare la strategia di business e il potenziale di crescita dell’azienda, nonché le qualità e le capacità personali dell’imprenditore. «Ho trovato in Endeavor – ha dichiarato proprio Davide D’Atri – un gruppo di persone che si impegna quotidianamente per lo sviluppo di idee che cambieranno il mondo. Il livello degli esaminatori è eccezionale e i feedback ricevuti molto importanti. Mi impegnerò a rappresentare in Italia questa istituzione così speciale cercando di aiutare altri imprenditori italiani. Ringrazio il team di Endeavor per l’energia e la speranza che mi ha trasmesso». Davide D’Atri è laureato in Economia all’Università di Essex (UK), ha conseguito un Master in International Business Economics alla City University di Londra ed è stato un mentor del Founder Institute. Ha collaborato e collabora con master in marketing management dell’Università La Sapienza di Roma e dell’Università di Bari. Esperto in gestione e ripartizione dei proventi derivanti da opere musicali, ha fondato e gestito Beatpick.com da cui poi è nata Soundreef Ltd.

Leggi anche: Dopo Dattoli e Lai anche Maggi e Schiavotto (Lanieri) in Endeavor
Endeavor

Davide D’Atri, founder e ad di Soundreef, società che si occupa di raccolta e gestione dei diritti d’autore credits soundreef.com

Lai e Dattoli i primi di Endeavor Italia

I primi imprenditori italiani selezionati a settembre 2016 dall’International Selection Panel di Endeavor sono stati Davide Dattoli con Talent Garden e Matteo Lai con Empatica. Il primo è la più grande rete europea di spazi di coworking con 18 campus in 6 Paesi europei (Italia, Spagna, Albania, Romania, Lituania e Austria) e un’espansione costante su scala internazionale. Empatica progetta e sviluppa i più piccoli e precisi wearable device al mondo per il rilevamento di segnali fisiologici nella vita quotidiana. Dopo Dattoli e Matteo Lai, Endeavor ha scelto Simone Maggi e Riccardo Schiavotto di Lanieri, il primo e-commerce italiano dedicato all’eleganza maschile tutta Made in Italy. Poi, Luca Rossettini di D-Orbit, società che sviluppa tecnologie per il posizionamento di satelliti.

Soundreef, 150 mila brani, 9 mila autori

Costituita nel 2011, Soundreef si occupa di autorizzare organizzatori, imprese ed utilizzatori professionali a usufruire e diffondere musica, di raccogliere e distribuire compensi per conto di autori, editori, etichette discografiche e artisti. Soundreef amministra e raccoglie compensi su più di 150 mila brani per conto di oltre 9.000 autori, editori, etichette discografiche e artisti in Italia e più di 20.000 nel mondo. Tra gli artisti che hanno affidato a Soundreef la raccolta e gestione dei diritti d’autori nel nostro Paese ci sono Fedez, Gigi d’Alessio, Fabio Rovazzi, Nesli, il maestro Maurizio Fabrizio, il direttore d’orchestra Adriano Pennino e Tommaso Pini. La società gestisce la raccolta dei diritti d’autore nei concerti live anche in Spagna. Soundreef, grazie all’utilizzo di sistemi digitali, rendiconta l’utilizzo delle opere musicali entro 7 giorni dal concerto e paga le royalty entro 90 giorni, sia per eventi nazionali che internazionali. La rendicontazione è analitica al 100%. Ciò che viene suonato viene pagato e gli utenti attraverso l’account online possono verificare in tempo reale come e quanto hanno guadagnato.  Una notevole differenza rispetto al sistema finora utilizzato che paga gli autori fino a 12/24 mesi dopo il momento in cui le royalty vengono maturate e con sistemi di ripartizione spesso forfettari.

 

Leggi anche: Nesli va a Sanremo, con SoundReef. D’Atri: «Sulle royalties siamo al momento decisivo»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Banca etica stanzia 90K per progetti di promozione culturale (per il crowdfunding)

Fino al 26 maggio è possibile partecipare alla selezione di 15 progetti da inserire sulla piattaforma di Produzioni dal Basso. Il bando è aperto a proposte di produzioni culturali che promuovono la sostenibilità sociale, ambientale o nuove forme di cittadinanza attiva

Ocean Cleanup ripulirà il Pacifico dalla plastica a partire dal 2018

La startup di Boyan Slat ha implementato una barriera galleggiane in grado di concentrare tutto l’inquinamento plastico e permetterne il recupero. Il sistema sarà impiegato nel Great Pacific Garbage Patch, uno dei più consistenti accumuli di immondizia marina al mondo

Impact Hub Milano cerca 5 startup a impatto sociale. IHM Acceleration

Fino al 25 giugno l’incubatore milanese concentrato sull’impact investing seleziona i cinque migliori progetti d’impresa nel campo dell’impatto sociale e ambientale e beneficiare di risorse in denaro e servizi in cambio di equity