Passeggero costretto a scendere. Il video virale causa alla United danni per milioni di dollari

Una persona trascinata via di forza da un aereo. Il caso di overbooking viene ripreso dai passeggeri e finisce online. Il risultato? 4 milioni di tweet contro la compagnia aerea. L’analisi di Matteo Flora

Un caso di overbooking gestito male ha causato alla United Airlines la perdita di quasi 220 milioni di dollari.
Il caso è stato ripreso da moltissimi media in tutto il mondo e ancora una volta sottolinea quanto sia sbagliato sottovalutare la potenza dei social. Il problema insorge nel momento in cui, a causa dell’overbooking, viene imposto a un passeggero – già imbarcato sul volo 3411 Chicago-Louisville – di uscire dall’aereo. Al rifiuto della persona, il personale di bordo passa alle maniere forti trascinando la persona fuori dal velivolo.

Il video girato a bordo

La scena è stata ripresa dagli smartphone degli altri passeggeri che hanno subito postato il video online. In poche ore su Twitter sono comparsi una serie di hashtag #boycottUnitedAirlines, #neverflyunited, #fightclub, mentre le ricerche su Google si sono impennate. Il risultato non si è fatto attendere e in meno di una giornata il titolo della United ha perso l’1% mandando in fumo 220 milioni di dollari.

Matteo Flora, nella sua analisi sui trend di Twitter, ci racconta che cosa è realmente successo nelle poche ore in cui sul web non si è parlato d’altro se non della maleducazione della United. Intanto la compagnia sta correndo ai ripari e ha promesso un risarcimento per tutti i passeggeri che hanno assistito alla scena.

Sommario

Contenuti

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.