ScaleIT 2017: la call per le 15 migliori scaleup italiane (attesi 30 fondi di VC internazionali)

Fino al 31 maggio 2017 è possibile partecipare al bando della piattaforma evento di Lorenzo Franchini. Il 17 e 18 ottobre poi appuntamento con 15 aziende e fondi di VC internazionali in cerca di opportunità di investimento

Fino al 31 maggio 2017 aperte le iscrizioni per la nuova edizione di ScaleIT, piattaforma evento che raccoglie una selezione delle migliori scaleup italiane e un pool di fondi di VC internazionali alla ricerca di opportunità nell’Europa sud orientale. La terza edizione dell’appuntamento è in programma il 17 e 18 ottobre 2017 ed è riservata a fondi di VC internazionali in cerca di opportunità di investimento e 15 aziende. QUI per applicare. La partecipazione sarà su invito e darà ai fondi di VC internazionali e nazionali l’opportunità di valutare un panel di 15 aziende innovative selezionate da un advisory board guidato da Lorenzo Franchini, fondatore di ScaleIT e Senior Advisor presso LVenture Group, dal giornalista Emil Abirascid e dall’angel investor Pietro De Nardis. L’evento permetterà alle scaleup individuate di entrare nel radar dei venture capitalist internazionali e presentare i propri progetti nel corso di una due giorni di incontri, pitch, keynote e meeting one-to-one. Tra i fondi presenti nelle passate edizioni Index, Nauta, Idinvest, Earlybird, Partech, Holtzbrinck, Eight Roads. Gli interventi in programma prevedono anche la testimonianza di imprenditori italiani che hanno condotto alcune delle più importanti exit nel nostro ecosistema, sulla scia dei protagonisti della scorsa stagione, che ha ospitato gli speech di Mauro Del Rio (ex ad di Buongiorno!) e Fabio Sbianchi (founder e ceo di OctoTelematics).

Leggi anche: Chi sono e cosa fanno le 15 aziende selezionate da ScaleIT 2016
ScaleIt

ScaleIt – Photo by www.gabrielezanon.com

All’attenzione dei VC la forza del nostro ecosistema

«L’attività degli investitori internazionali in Italia – ha spiegato Lorenzo Franchini, founder di ScaleIT – è aumentata considerevolmente negli ultimi due anni, ma molto resta ancora da fare per raggiungere i livelli del resto d’Europa.

L’obiettivo che ci poniamo con ScaleIT è di facilitare questo processo, portando all’attenzione dei VC elementi concreti di valutazione che attestino la forza del nostro ecosistema.

Questo approccio basato sui risultati è un vero punto di forza e attira solo i migliori VC interessati a concrete opportunità di investimento. Quest’anno ne attendiamo oltre 30 e per le scaleup selezionate si aprirà un canale di relazioni dal valore molto significativo».

ScaleIT

Lorenzo Franchini founder di ScaleIT photo by www.gabrielezanon.com

Almeno un milione di euro di fatturato negli ultimi 12 mesi

I requisiti per poter partecipare alle selezioni sono: aver realizzato almeno un milione di euro di fatturato negli ultimi 12 mesi o almeno un milione di utenti mensili (nel caso del B2C online) e almeno il 20% del fatturato totale generato all’estero. E’ necessario inoltre aver raggiunto un tasso di crescita 10%+ mese su mese e/o 100%+ anno su anno. La prima fase di selezione verrà chiusa e comunicata entro il 30 giugno 2017. La shortlist finale, che includerà un massimo di 15 scaleup, sarà annunciata all’inizio di settembre.

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito