Benvenuto Nokia 3, bentornata Nokia

Il marchio finlandese rientra sul mercato grazie alla collaborazione stretta con la connazionale HDM. Per ora in Italia, però, solo il più piccolo dei nuovi smartphone Android

Solo pochi anni fa sarebbe stato impensabile immaginare un mercato mobile senza Nokia: eppure, perso il treno degli smartphone dopo che iPhone stravolse equilibri ritenuti immutabili, l’azienda di Espoo ha prima puntato sul cavallo sbagliato adottando Windows Phone e poi ha abbandonato del tutto le proprie ambizioni cedendo tutto il suo comparto device a Microsoft. Ora, però, Nokia è tornata: si è alleata con HMD, azienda anch’essa finlandese, che ha curato lo sviluppo e stretto a sua volta una collaborazione con Foxconn per produrre i nuovi device. E finalmente oggi è possibile di nuovo acquistare uno smartphone marchiato Nokia, e in più con a bordo Android.

Il nuovo Nokia 3

Il primo dispositivo realmente smartphone ad arrivare sugli scaffali è il Nokia 3: presentato al Mobile World Congress di Barcellona la scorso marzo, è un dispositivo che punta su prezzo aggressivo, design essenziale e soprattutto su Android il più possibile intatto rispetto alla versione “pura” rilasciata da Google. Proprio su questo aspetto della purezza e della semplicità punta molto HMD: tra i vantaggi di questo approccio c’è quello di poter aggiornare rapidamente e spesso il software a bordo del dispositivo, prova ne sia che il Nokia 3 monta Android 7.0 Nougat con tutte le ultime patch di sicurezza rilasciate.

Il Nokia 3 è un 5 pollici con schermo IPS con risoluzione HD (1280×720) protetto da un vetro Gorilla Glass, con scocca in alluminio (ma il posteriore è in policarbonato). Il profilo e il design nel complesso ricordano moltissimo quello dei Lumia, ormai consegnati alla storia, ma anche la disposizione e il profilo della fotocamera posteriore (da 8 megapixel con lente f/2, esattamente come la frontale) risentono moltissimo del retaggio estetico della generazione precedente. Una certa cura è stata dedicata al comparto fotografico, anche per tenere viva una tradizione che ha sempre contraddistinto gli smartphone Nokia.

Sotto il cofano troviamo un processore quad-core di Mediatek (MTK6737), abbinato a 2GB di RAM e 16GB di storage (espandibile tramite microSD), e con una batteria integrata da 2630mAh. Il Nokia 3 è uno smartphone LTE Cat.4 (150Mbit in download), con supporto alle reti WiFi a 2,4GHz e al Bluetooth 4.2, disponibile sia in versione single-SIM che dual-SIM. Quatto poi le colorazioni disponibili: Silver White, Matte Black, Tempered Blue e infine Copper White (con il profilo di alluminio a contrasto).

Nokia 3 sarà in vendita in Italia a partire dal 28 giugno, al prezzo fissato in 159,99 euro. Per ora non è stata annunciata alcuna partnership con gli operatori, pertanto lo smartphone sarà disponibile sull’open-market.

Aspettando Nokia 5 e Nokia 6

Bisognerà pazientare ancora qualche settimana per conoscere il prezzo degli altri due smartphone, forse i più interessanti di questa tornata, che HMD si prepara a lanciare. Nokia 5 e Nokia 6 a differenza del fratello minore montano un processore Qualcomm Snapdragon 430, un lettore di impronte digitali, dispongono di tagli di memoria superiori e aumentano anche nelle misure dello schermo: ma, soprattutto, l’intero chassis è realizzato a partire da un singolo blocco di alluminio per garantire massima robustezza.

Il Nokia 5 fissa la diagonale a 5,2 pollici, sempre però con risoluzione HD (1280×720): a crescere è anche la taglia della batteria, da 3.000mAh in questo caso, la fotocamera posteriore diventa da 13 megapixel e addirittura la versione di Android installata è la 7.1.1 – di fatto l’ultima release pubblica a disposizione in questo momento.

Il vero salto di qualità si fa con il Nokia 6, che porta la diagonale a 5,5 pollici ma soprattutto la risoluzione fino al FullHD (1920×1080). Due versioni disponibili: quella Arte Black monta 4GB di RAM e 64GB di storage (espandibile), mentre le altre colorazioni ripiegano sull’accoppiata 3/32GB. Migliora anche la fotocamera posteriore, 16 megapixel con lente f/2.

Per questi due dispositivi HMD non ha ancora comunicato una data fissata per la commercializzazione, e neppure un prezzo finale. Soprattutto quest’ultimo sarà un fattore molto influente visto che, scheda tecnica alla mano, Nokia 5 e Nokia 6 si andranno a confrontare con un gran numero di avversari agguerriti e dai prezzi più che popolari. Dalla loro, questi nuovi smartphone hanno un marchio che nell’immaginario comune suscita ancora una grande attrattiva: nel frattempo però i palati degli utenti si sono fatti molto raffinati, dunque occorrerà qualcosa di più del logo Nokia impresso sulla scocca per convincerli all’acquisto.

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Airbnb vale 6,5 miliardi di euro per i ristoranti, 257 milioni a Roma

Un rapporto della piattaforma su 44 metropoli internazionali indaga l’impatto degli ospiti sulla ristorazione locale: in media spendono fra i 40 e i 100 dollari a serata, spesso nel quartiere dove alloggiano

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»