Spine ebike è la nuova filosofia del bike sharing: più pedali più guadagni

L’idea della startup italiana è quella di mettere in condivisione le bici elettriche. Il servizio è disponibile a Milano e Barcellona

Gli esperti del campo sanno quanto possa costare una bici elettrica. Non è uno scooter, ma ci si avvicina, almeno in quanto a costi. Così un brand tutto italiano ha studiato il mercato e – almeno questo è quello che si augurano gli ideatori di questa innovativa Startup – potrebbe aver trovato la soluzione. Si chiama Spine Ebike e “rischia” di rivoluzionare la mobilità elettrica urbana.

Lo sharing di una bici elettrica privata

L’idea viaggia nel solco del bike sharing, ma come detto si rivolge al pubblico e agli amatori delle biciclette elettriche. Non è però solo una questione di forma, perché in realtà si tratta di uno sharing tra privati. E già questa è una grande novità. Di fatto gli utenti acquistano la bicicletta e grazie ad un lucchetto “intelligente” la possono condividere con altri. Ma non è tutto, perché gli ideatori hanno abbinato a questa iniziativa anche un semplice modello di ricompensa che segue la logica del “più pedali, più guadagni”.

Guadagnare pedalando

Di fatto la società ha stimato che con un percorso medio casa-lavoro di 6 km al giorno l’acquirente è in grado di ripagarsi l’ebike in due anni (o addirittura meno se decide di condividerla). E la condivisione è estremamente agevole: basta scaricare l’app Spinecoin e autorizzare il richiedente all’utilizzo della bicicletta elettrica. E l’app è anche lo strumento da utilizzare per sbloccare lo smartlock, il lucchetto “intelligente” di cui parlavamo in precedenza. Spinecoin è anche la moneta virtuale utilizzata per valorizzare i chilometri percorsi e da utilizzare nel network di negozi convenzionati. Ed ecco servita l’idea green e sostenibile che premia i “ciclisti”.

Si parte da Milano e Barcellona

Per ora il tutto è praticabile solo in Italia e Spagna, dove da luglio sono presenti due flagship store aperti a Milano e Barcellona, ma questo è solo l’inizio. L’obiettivo dichiarato, infatti, è di aprire almeno altri due punti vendita in Europa entro la fine del 2017 e di avviare un network in franchising che prevede nuove aperture nel corso del 2018. Intanto, chiunque fosse interessato, nei flagship di Milano e Barcellona è già possibile testare le ebike disponibili ed anche il loro sistema di funzionamento. Prezzi da 1.700 a 2.000 euro con sconti del 15% in pre-ordine e possibilità di rateizzazione.

Ti potrebbe interessare anche

15 startup italiane che ti renderanno più sopportabile la vita in città (dalla spesa ai bonifici)

C’è quella che ti fa viaggiare meglio, quella che ti fa saltare la coda, quella per mangiare cibo sana, per noleggiare abiti per una cerimonia particolare, organizzare eventi con amici. Sono 15 le startup da città

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»