Patrizia Caraveo

Patrizia Caraveo

Set 15, 2017

“Le Rivoluzioni dell’Universo”, l’ultimo libro di mio marito Nanni Bignami

A pochi mesi dalla scomparsa improvvisa di Giovanni Bignami esce in libreria il suo ultimo volume: "Le Rivoluzioni dell'Universo". Il 18 settembre al museo della Scienza di Milano ci sarà la prima presentazione del libro

Come progredisce la conoscenza?
Si avanza per piccoli passi aggiungendo un tassello dopo l’altro oppure si procede per grandi salti, magari resi possibili da qualche risultato straordinario e inatteso che rivoluziona il nostro modo di interpretare la realtà ?
Giovanni Bignami, Nanni per tutti quelli che lo hanno incrociato, era convinto che la conoscenza del nostro Universo fosse sempre proceduta a balzi più o meno straordinari. Certo, la routine del lavoro giorno per giorno è fondamentale per raccogliere ed elaborare le informazioni. Tuttavia il progresso nasce quando da questi dati si distillano visioni nuove e rivoluzionarie. E questa l’essenza del suo ultimo libro “Le rivoluzioni dell’universo”.

La stesura del libro: che cos’hai da fare questo pomeriggio?

Conosco la storia di prima mano perché ne ho parlato infinite volte con Nanni, che, oltre ad essere un brillante astrofisico, un importante manager ed un grande divulgatore, era anche mio marito. La stesura del libro ha occupato i primi mesi del 2017.
Nanni si svegliava presto al mattino e cominciava a scrivere. Quando la colazione era pronta, arrivava imbracciando il portatile pronto a “dare lettura” di quanto aveva prodotto.

Alcuni argomenti uscivano da soli, altri facevano più fatica e allora venivo chiamata in causa come collega “come spiegheresti questo?” “Hai in mente qualche episodio simpatico da associare a questo o quello?”. Sapeva di poter contare, quasi sempre, su una risposta pertinente.
Sono caratterizzata da una ferrea organizzazione mentale che mi permette di ritrovare pezzi scritti nel corso degli anni sugli argomenti più disparati. Nanni, che pure magari aveva scritto sugli stessi argomenti si rifiutava di tenere ordine tra i suoi files e non trovava mai niente. A quel punto mi diceva “e per questo che ci sei tu”.
All’inizio di maggio avevamo passato pomeriggi interi a cercare le illustrazioni che l’editore voleva numerose e bellissime. La frase “cos’hai da fare questo pomeriggio?” Era un segnale chiarissimo. Meglio mettere da parte gli impegni e vedere di cosa aveva bisogno. Si poteva trattare di fare una nuova presentazione o di modificarne una delle innumerevoli che aveva fatto, ma mai classificato in un qualsivoglia ordine. Contava sul fatto che la classificazione la facessi io e che potessi tirare fuori dal buco nero del computer presentazioni, file audio e video, giusto schioccando le dita.

Una volta scelte le immagini, Nanni, in ufficio, con i piedi appoggiati alla scrivania, aveva scritto le didascalie, pur tra le molte interruzione del cellulare che squillava in continuazione. C’era sempre qualcuno che voleva parlare con lui, spesso per fargli interviste. Oppure erano i redattori di Repubblica che volevano un pezzo per subito. Oppure erano amici che volevano “cazzeggiare”.

L’ultimo libro

Mentre rileggeva la versione finale mi diceva “basta, questo è l’ultimo libro che scrivo”
Io gli rispondevo “ok, parliamone tra un mese”, sicura che si sarebbe fatto affascinare da qualche altro progetto. In effetti, non c’ero stato bisogno di aspettare così tanto; tempo una settimana stava già considerando un’altra offerta. “Cosa dici?, magari scrivo un’autobiografia”
Mi era sembrato un progetto fantastico, avrebbe sicuramente scritto qualcosa per ispirare giovani scienziati a seguire la loro passione.
Invece il suo cuore, così abituato all’attività sportiva anche molto impegnativa, che lo aveva portato in cima ai 6000 delle Ande lo ha tradito un pomeriggio di maggio a Madrid
Il suo ultimo mail è un lapidario
“Arrivato. Todo bien. Bacio”
Il resto sono i carabinieri che vengono a dare la notizia in piena notte mentre io, incredula, mi rifiuto di capire quello che mi stanno dicendo.

La sua scomparsa, così improvvisa, congela le sue molteplici attività in un fermo immagine irreale

Tra le tante cose rimaste in sospeso, c’era il libro per il quale ho curato i dettagli editoriali.
Rileggendolo, pensavo alle colazioni letterarie e mi si stringeva il cuore.
La mia preferita è la storia di Geminga, così centrale nella nostra vita e nella nostra carriera che avevamo seriamente considerato di chiamare nostra figlia come la nostra stella. Per fortuna non l’abbiamo fatto.
E poi i tanti aneddoti (tutti rigorosamente veri) che aveva scelto di inserire per rendere più avvincente e piacevole la lettura di quello che aveva pensato come il Bignami dell’Universo memore dei bignamini sui quali hanno probabilmente studiato i lettori non giovanissimi.

Bignami


Il libro vuole essere un compendio delle nostre conoscenze attuali in astrofisica spaziando dalla cosmologia alla planetologia per arrivare alla ricerca della vita extraterrestre. Tutto visto attraverso le rivoluzioni che hanno plasmato lo stato attuale delle nostre conoscenze.
Alcuni amici pensano che l’ultimo capitolo un po’ dark sulla fine dell’universo fosse il presagio della fine. Onestamente non lo credo, secondo me era piuttosto un vezzo letterario.
Nanni aveva troppi interessi e troppe idee (spesso rivoluzionarie) per preoccuparsi di una simile eventualità. Era andato a Madrid per convincere il Ministro della Ricerca spagnolo ad investire nello Square Km Array (SKA), il grandioso progetto di radioastronomia che stava cercando di fare decollare. La sua capacità di trasmettere entusiasmo era tale che sarebbe sicuramente riuscito a convincere il Ministro, se ne avesse avuto il tempo.

 

Il 18 settembre Patrizia ha organizzato la presentazione del libro a Milano, al museo della Scienza. Per rimanere aggiornati sulle date delle altre presentazioni potete consultare la pagina Facebook https://www.facebook.com/nannibignami/