bandi

Bayer cerca idee di startup del food da finanziare. Unico limite: avere più di 40 anni

La call Startup4Life resterà aperta fino al 31 luglio 2016 e riguarderà tutti i progetti negli ambiti dell’agroalimentare, della tutela e della valorizzazione dell’ambiente e dei territori

Al via da poche settimane Startup4Life, il progetto di startup rivolto agli over 40 promosso da Bayer in collaborazione con Ameri Communications. La call for ideas ha l’obiettivo di scoprire e valorizzare progetti innovativi e promuovere la creazione di nuova impresa nel settore dell’alimentazione, dell’agricoltura sostenibile e della tutela del territorio.

È la prima volta che una tale iniziativa per startup si rivolge al mercato del lavoro over 40: si tratta di un mercato in continua evoluzione, fatto di persone con esperienza che hanno idee e competenze specifiche che in alcuni casi per scelta o per necessità si sono rimessi in gioco fuori dal mercato del lavoro “tradizionale”.

Per partecipare occorre inviare il proprio progetto tramite l’apposita area del sito web. Possono aderire sia gruppi che singole persone: nel caso dei gruppi, è necessario che almeno il referente del progetto abbia compiuto i quarant’anni d’età.

StartUp4Life

L’iniziativa è sostenuta da Bayer, impegnata nella promozione di un’agricoltura sempre più sostenibile, anche attraverso importanti cambiamenti a livello corporate. Dal punto di vista societario, infatti, la multinazionale tedesca ha avviato un percorso di transizione volto a scindere il marchio Bayer dal settore della chimica, rendendo l’azienda più compatta e fortemente orientata alle Life Sciences: salute, agricoltura e tutto ciò che vuol dire cultura, sociale, sostenibilità e benessere della persona.

«In Bayer crediamo che l’innovazione e la ricerca siano la chiave per raggiungere i traguardi più ambiziosi. Con questo nuovo progetto vogliamo stimolare la nascita di talenti, idee e ‘respirare’ futuro» afferma Daniele Rosa, Direttore Comunicazione Bayer in Italia, che prosegue: «L’azienda è sempre più concentrata sulla propria mission ‘Science For A Better Life’, consapevole che da una buona agricoltura inizia la ‘filiera della salute’. Per promuovere questi valori abbiamo realizzato progetti diversi, come Grants4Apps a livello internazionale e Startup4life a livello nazionale».

Le idee più significative e interessanti potranno usufruire di un supporto per tutte le attività di comunicazione per un anno, con un percorso di affiancamento mirato e la possibilità di entrare in contatto con grandi aziende e potenziali investors.
A tal proposito è stata sviluppata la sinergia con l’IBAN, Italian Business Angels Network Association, con Club degli Investitori e con Investo in Italia.

«Siamo consapevoli delle difficoltà che spesso chi vuole fare impresa – per di più innovando – può incontrare: per questo abbiamo messo insieme una rete di competenze che possa fornire un supporto concreto alle startup che si distingueranno in questa call» spiega Rosa.

StartUp4Life 2

«Siamo entusiasti della grande mobilitazione che il nostro progetto ha raccolto – spiega Daniela Ameri, presidente della Ameri Communications – La partecipazione degli Over 40 è sicuramente un aspetto innovativo, che tiene in considerazione i grandi mutamenti che il mercato del lavoro ha vissuto in questi anni».

La call for ideas resterà aperta fino al 31 luglio 2016 e riguarderà tutti i progetti negli ambiti dell’agroalimentare, della tutela e della valorizzazione dell’ambiente e dei territori, ad esempio, nuove tecniche agricole o processi che possano garantire una riduzione della carbon footprint degli alimenti che arrivano sulle nostre tavole.

Gli obiettivi dei progetti dovranno riguardare: tutela, valorizzazione e promozione del territorio; tutela e promozione della salute e della sicurezza alimentare; sviluppo di innovazione tecnologica, organizzativa e sociale attraverso l’Information and Communication Technology (ICT).

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito