Green Alley Award, la call internazionale dedicata all'economia circolare <
page-article-thron.php
In collaborazione con Logo Content By

Mar 11, 2020

Green Alley Award, la call internazionale dedicata all’economia circolare

C'è tempo fino al 10 giugno per candidarsi. Tre categorie: Recycling, Waste Prevention e Digital Solutions

Mar 11, 2020

Green Alley Award, la call internazionale dedicata all’economia circolare

C'è tempo fino al 10 giugno per candidarsi. Tre categorie: Recycling, Waste Prevention e Digital Solutions

Il Green Alley Award è il primo premio europeo rivolto a tutte le startup attive nell’ampio e ricco settore dell’economia circolare. Lanciata dal Landbell Group nel 2014 e sostenuto dal Consorzio ERP Italia, l’obiettivo di questa call internazionale è attrarre i migliori esempi di sostenibilità e riciclo dei materiali nei più disparati ambiti del business: sei di queste realtà, le più talentuose secondo i giudici, dovranno affrontare la finale a Berlino per aggiudicarsi 25mila euro in palio. C’è tempo fino al 10 giugno per candidare la propria startup sul sito ufficiale.

Green Alley Award: le tre categorie

La call è aperta a tutte le startup che abbiano chiaro nella propria mission l’obiettivo di un mondo senza sprechi, dove l’economia circolare si afferma come punto strategico per il business. Recycling, Waste Prevention e Digital Solutions sono le tre categorie in cui è stata suddivisa la call. Secondo gli organizzatori del Green Alley Award il ruolo delle startup è fondamentale per una riconversione verde dell’industria: bandi come quelli che vanno a colpire la plastica monouso sono importanti ma non sufficienti per un cambiamento radicale dell’economia e della società. Ecco perché il talento e le idee di giovani imprenditori diventano fondamentali.

I numeri della call

La condizione necessaria per candidarsi all’edizione 2020 del Green Alley Award è avere un prodotto o un servizio già pronto per il mercato. Se nel 2014 si sono candidate in 79, lo scorso anno la call ha raccolto 274 startup a livello internazionale legate all’economia circolare. In questi anni i progetti che hanno fatto domanda sono stati più di mille, da 50 paesi nel mondo. Il vincitore del 2019 è stata Gelatex, una startup finlandese attiva nella produzioni di tessuti ecofriendly che sostituiscono il cuoio. Finora nessuna startup italiana si è mai aggiudicata il premio finale, ma quest’anno l’occasione per

Il 10 giugno i sei finalisti dovranno esporre il proprio pitch di fronte a una giuria e a una platea internazionale, ricca di esperti del settore e aziende legate all’economia circolare. Stando ai dati pubblicati dall’organizzazione, tra le finaliste di tutte le edizioni sono 36 quelle che hanno intrapreso un percorso di successo.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter