Amazon si lancia nei videogiochi. Ma il suo Crucible è un "pacco"
single.php

Ultimo aggiornamento il 2 luglio 2020 alle 14:45

Amazon si lancia nei videogiochi. Ma il suo Crucible è un “pacco”

Il primo titolo del gigante dell'ecommerce non ha convinto. Ecco perché gli sviluppatori l'hanno riportato in fase beta

Anche ai migliori capita di sbagliare. Così è successo al gigante dell’ecommerce Amazon che, pochi giorni fa, ha dovuto ritirare Crucible, il primo titolo che la multinazionale ha realizzato per cimentarsi nello sviluppo videoludico. Pensato come uno sparatutto per PC, Crucible sarebbe stato giudicato “noioso” da chi lo ha testato – come riporta la BBC – e così dovrà affrontare una nuova fase beta in cui i tecnici potranno migliorare (di molto) l’esperienza, ascoltando tutte le critiche mosse da un ristretto gruppo di giocatori.

Leggi anche: Fondo per i videogiochi a rischio. Crippa (M5S): «In Italia troppi pregiudizi»

Crucible: così non ci siamo

I giudizi delle prime recensioni hanno definito Crucible non all’altezza delle aspettative. Fino a quando non è stato ritirato i giocatori hanno sperimentato un action shooter multiplayer gratuitoIGN lo ha paragonato a una sorta di Frankenstein, come un mostro assemblato prendendo idee di design videoludico in modo disordinato dal mondo degli esport.

L’annuncio del ritiro del titolo, che era disponibile da poche settimane su Steam, è arrivato dagli stessi sviluppatori che hanno comunicato l’intenzione di fare del proprio meglio per smentire le prime sonore bocciature. Se proprio vogliamo spezzare una lancia a favore di Amazon, va sottolineato che sbancare nel settore videoludico non è cosa da poco.

Leggi anche: The Last of Us 2, oggi esce un videogioco storico. Ecco perché

Il 2020 è finora un anno di grande crescita per Amazon: l’emergenza pandemia e il conseguente lockdown hanno fatto impennare il settore dell’ecommerce; il suo fondatore, Jeff Bezos, è sempre più ricco, con un patrimonio stimato in oltre 170 miliardi di dollari; la multinazionale sta divorando il mercato con una posizione dominante, al punto che la stessa Agcom è dovuta intervenire. Ma, evidentemente, neppure questo basta per aver successo in un settore competitivo come quello del gaming.

Leggi anche: Amazon: Prime Video avrà programmi live tutti i giorni a tutte le ore?

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter