Il CEO di Spotify sfida la Silicon Valley: 1 miliardo per le startup europee
single.php

Ultimo aggiornamento il 25 settembre 2020 alle 12:46

Il CEO di Spotify sfida la Silicon Valley: 1 miliardo per le startup europee

Daniel Ek punta a un piano decennale. «Voglio fare la mia parte»

L’amministratore delegato di Spotify, lo svedese Daniel Ek, ha annunciato un piano da 1 miliardo di euro per sostenere l’ecosistema delle startup in Europa e sfidare il dominio globale della Silicon Valley. La notizia è stata ripresa dal Financial Times, dove vengono anche citati alcuni virgolettati del CEO di una delle aziende più potenti del vecchio continente. «Alcuni dei talenti tecnologici più promettenti del mondo – ha dichiarato – lasciano automaticamente l’Europa perché qui non si sentono valorizzati. Abbiamo bisogno di altre super-imprese che alzino il livello e possano essere di ispirazione». Mentre l’Unione Europea è al lavoro sul piano per la ricostruzione economica post pandemia, anche Ek punta a mettere in cantiere un progetto a lungo periodo: il miliardo di euro annunciato sarà spalmato nei prossimi dieci anni.

Leggi anche: Il venture capital è un investimento per molti

Spotify: investire sull’Europa

Per quanto in crescita e ricco di storie di successo – Spotify è uno degli esempi – l’ecosistema startup europeo deve ancora inseguire contesti di impresa e innovazione come quello asiatico e statunitense. Secondo FT, nel Q2 del 2020 le aziende innovative hanno raccolto 7,3 miliardi di dollari chiudendo 843 round. In Oriente il finanziamento complessivo ottenuto nello stesso periodo è stato quasi il doppio e negli USA circa il quadruplo.

Leggi anche: 260 milioni e 6 exit: gli investimenti in startup italiane nei primi 6 mesi 2020

 

Qui sopra è disponibile il video dell’intervento di Daniel Ek in cui parla di innovazione e startup. Come si legge su TechCrunch, i settori su cui il CEO e Founder di Spotify ritiene da privilegiare sono machine learning, biotecnologia, scienze dei materiali ed energia. Stando alla classifica di Forbes, l’imprenditore svedese ha un patrimonio stimato di 3,6 miliardi di dollari. «Voglio fare la mia parte; sappiamo tutti che una delle sfide più grandi è l’accesso al capitale». L’obiettivo ultimo di questa operazione è quella di far nascere un «nuovo sogno europeo».

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter