Sarà Milano la sede del BioEquity Europe 2022 - Startupitalia
single.php

Ultimo aggiornamento il 5 ottobre 2020 alle 17:50

Sarà Milano la sede del BioEquity Europe 2022

L'annuncio è stato pubblicato da The European House - Ambrosetti e Sofinnova Partners. L'evento riunisce i principali VC e le startup biotech mondiali

Da oltre 20 anni, BioEquity Europe riunisce i principali Venture Capital e le startup biotech mondiali. Un evento di primo piano in Europa per i principali investitori globali di Venture Capital e di startup nel settore biofarmaceutico, che nel 2022 si terrà a Milano. Si tratta di una notizia importante, anche in vista di un rilancio economico in una futura fase post-pandemica.

Leggi anche:
Leonardo sta per accendere il supercomputer di Genova

L’annuncio e l’occasione per l’Italia

La scelta del capoluogo lombardo per ospitare l’edizione 2022 del BioEquity Europe è arrivata nella giornata di ieri, giovedì 1 ottobre, in occasione di una conferenza stampa tenutasi al Milano Innovation District – MIND. La decisione è arrivata in concerto fra il The European House – Ambrosetti e Sofinnova Partners. Si tratta, quest’ultima, di una società europea di Venture Capital, operante nel settore delle Scienze della Vita, con sede a Parigi, Londra e Milano.

Decidere per la città italiana significa portare l’ecosistema italiano delle Scienze della Vita a un livello più alto. Al fine di costruire una rete di eccellenza biotecnologica e di competenze scientifiche sul territorio. “Sono stati mesi molto intensi di incontri e scambi per la valorizzazione della candidatura, che hanno coinvolto la comunità italiana delle scienze della vita, insieme a molti dei principali attori dell’ecosistema nazionale della ricerca scientifica e dell’innovazione”, ha dichiarato Valerio De Molli, Managing Partner e CEO di The European House. “Oltre a rappresentanti delle istituzioni e importanti attori della ricerca e del mondo accademico, dell’impresa e della finanza”.

Leggi anche:
Digitalizzazione e “0 emissioni”, in Italia è una corsa a ostacoli. Dove migliorare?

“Questo risultato”, continua De Molli, “ci mostra, ancora una volta, quanto sia essenziale lavorare insieme e fare rete a livello nazionale. Iniziamo ora una nuova fase del percorso, che ci vedrà impegnati a lavorare per dare forma all’ecosistema nazionale delle Scienze della Vita. Per far leva su questa grande opportunità e costruire una presenza sempre più forte dell’Italia nel panorama europeo delle Scienze della Vita”.

La crescita del biotech italiano

Sottolinea l’importanza della scelta di Milano anche Graziano Seghezzi, Managing Partner di Sofinnova Partners. “La scelta di Milano come sede dell’edizione 2022 di BioEquity è una significativa pietra miliare per il biotech italiano e un’ulteriore dimostrazione dell’impegno di Sofinnova Partners nel contribuire alla crescita di un fiorente ecosistema biotech in Italia”.

Secondo David Flores, Co-fondatore, Presidente e CEO di BioCentury, l’opportunità non si ferma al consolidamento del panorama del biotech italiano, ma include anche la sua potenziale espansione a livello mondiale. “Non vediamo l’ora di contribuire a rendere Milano un importante ecosistema dell’innovazione e di renderla visibile alla comunità globale degli innovatori e degli investitori nel settore delle Scienze della Vita”, il suo commento. Un risultato, raggiunto grazie al sostegno dei partner della Community Life Sciences e del Comitato Promotore istituito per sostenere la candidatura italiana.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter