FMI, migliorano le previsioni sul PIL italiano e mondiale - Startupitalia
single.php

Ultimo aggiornamento il 13 ottobre 2020 alle 17:08

FMI, migliorano le previsioni sul PIL italiano e mondiale

Le stime arrivano dal World Economic Outlook, pubblicato martedì 13 ottobre. Per l'Italia, prevista una contrazione del 10,6%

Seppur fra tante incertezze, il Fondo Monetario Internazionale migliora leggermente il quadro per l’economia globale e italiana. Il PIL mondiale è visto infatti regredire del 4,4% nel 2020, contro il -5,2% stimato nel mese di giugno. Per l’Italia, si passa da un -12,8% a una contrazione più contenuta, seppur comunque molto grave, del 10,6%. Si assottiglia parzialmente la forbice con le stime governative che, dal Nadef, prevedono una regressione a una cifra, pari al 9%.

Leggi anche:
Bonus cashless, come funziona il cashback su 3mila euro per chi usa la carta?

FMI, le stime per l’Italia

Se, nell’ultimo report del World Economic Outlook, la diminuzione del PIL in Italia si fa più contenuta di 2,2 punti percentuali, è visto però a ribasso l’aumento per il 2021. A giugno infatti, il FMI prevedeva un aumento del 6,3% del Prodotto interno lordo del nostro Paese per il prossimo anno. Mentre l’ultima previsione parla di un +5,3%.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte

Continua a salire anche il debito pubblico italiano, previsto arrivare al 161,8% nel 2020, contro il 134,8% del 2019. Per avere un primo calo del debito, si dovrà aspettare il 2021 (stimato al 158,3%). Per scendere, entro il 2025 al 152,6%. Crescono anche i parametri del deficit in Italia, stimato al 13% per quest’anno e al 6,2% nel 2021. Nel 2025 si dovrebbe arrivare al 2,5%.

Leggi anche:
Firma notturna del nuovo Dpcm. Cosa cambia ora per movida e sport

Aumenta, infine, anche la disoccupazione. Secondo il FMI, l’Italia arriverà a toccare l’11% nel tasso di disoccupazione nel 2020. Un deciso aumento rispetto al 9,9% del 2019. Dato in peggioramento anche per l’anno prossimo, quando il Fondo vede un ulteriore salita del tasso di disoccupazione all’11,8%. Numeri che posizionano l’Italia al terzo posto per disoccupati, dietro Spagna (al 16,8% nel 2020) e Grecia (19,9% quest’anno).

© Immagine: Facebook IMF

I numeri europei e mondiali

Stando ai dati del Fmi, è la Spagna il Paese dell’Eurozona con il crollo del PIL più alto: il 12,8% per il 2020. La Germania subirà una regressione del 6% quest’anno (in calo rispetto al 7,8% stimato a giugno), così come migliorate risultano anche le previsioni per la Francia: -9,8% del PIL, invece che -12,5%. Dal rapporto del World Economic Outlook, escono molto meglio anche gli Stati Uniti e la Cina. Per gli USA, la contrazione del PIL si fermerà al 4,3%, contro il -8% previsto a giugno. Nel 2021 l’aumento è stimato al 3,1%. La Cina crescerà invece già al termine dell’anno in corso. Le nuove stime passano difatti da un +1% a un aumento dell’1,9%, nel 2020. Nel 2021 l’aumento accelererà in modo deciso, attestandosi all’8,2%.

© Immagine: Facebook IMF

Sono invece destinate ad aumentare le perdite complessive per la produzione mondiale a causa della pandemia da Covid-19. Pari a 11.000 miliardi di dollari nel 2020-2021, che diventano 28.000 miliardi, se si considera il quinquennio 2020-2025. Lo afferma Gita Gopinath, capo economista del Fondo Monetario Internazionale. “Questa è la crisi peggiore dalla Grande Depressione“, ha aggiunto, sottolineando anche che le cicatrici che la pandemia lascerà nel medio periodo saranno particolarmente profonde. La ripresa economica è vista per l’appunto in salita, visto anche l’aumento repentino dei contagi in Europa. Per questo il Fondo ha chiesto a Governi e Banche Centrali di proseguire con investimenti pubblici e politiche redistributive, al fine di continuare a sostenere imprese e famiglie.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter