Le cicatrici del Covid sull'economia famigliare: in fumo 17,5 mld in tre mesi
single.php

Ultimo aggiornamento il 22 ottobre 2020 alle 16:30

Le cicatrici del Covid sull’economia famigliare: in fumo 17,5 mld in tre mesi

La ricchezza globale si è ridotta in tutto il mondo di 7.200 miliardi di dollari, pari 1.391 dollari per adulto. La regione più penalizzata è stata l'America Latina

Diciassette miliardi e 500 milioni di dollari. È quanto l’emergenza Covid ha bruciato in soli 3 mesi di blocco totale di tutte – o quasi – le attività umane ed economiche nei patrimoni famigliari mondiali. Sono i numeri riportati dal Global Wealth Report 2020 di Credit Suisse, che stima un calo da 77.309 dollari a 76.904 dollari a nucleo a fronte di un incremento stimato, prima dell’emergenza sanitaria, in crescita a 78.376 dollari. Insomma, il 2020 sarebbe dovuto essere un anno di crescita e prosperità e invece segna ora una inversione di tendenza a dir poco brusca. Non sorprende la notizia in sé, per la verità nell’aria da parecchio, quanto la portata delle cifre.

A metà anno, si legge nel rapporto, la ricchezza globale delle famiglie mondiali era di mille miliardi di dollari sopra ai livelli di gennaio (+0,25%). Un incremento che però è stato «inferiore all’aumento del numero di adulti nello stesso periodo», spiegano in Credit Suisse, e che obbliga a tagliare la ricchezza globale media dello 0,4% fino a 76 984 dollari.

Nel confronto con le aspettative precedenti alla pandemia, la ricchezza globale si è ridotta in tutto il mondo di 7.200 miliardi di dollari, pari 1.391 dollari per adulto. La regione più penalizzata è stata l’America Latina (-12,8%), affossata dalle svalutazioni valutarie che hanno aggravato il calo del prodotto interno lordo, dell’economia stagnante e delle scelte politiche: pensiamo all’Argentina che è in lockdown da ormai otto mesi o dal Brasile di Jair Bolsonaro. Nell’America del Nord la pandemia ha «paralizzato la crescita attesa» e ha «generato perdite» in tutte le altre regioni, eccetto Cina e India. Tra le maggiori economie mondiali in difficoltà a causa del Covid, Credit Suisse segnala il Regno Unito, che ha registrato il «livello più consistente di erosione del patrimonio in termini relativi».

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche