desc

Vaccino anti-Covid19: Cartoni Morti scatenati contro le fake news

LIFESTYLE
Edit article
Set prefered

Vaccino anti-Covid19: Cartoni Morti scatenati contro le fake news

L’intervista ad Andrea Lorenzon, il creatore del canale satirico su YouTube

L’intervista ad Andrea Lorenzon, il creatore del canale satirico su YouTube

«Non c’è mai stata l’idea di perculare e basta. Ho fatto il video “VACCINO: i dubbi più grossi” perché la vaccinazione è decisiva per sconfiggere il coronavirus. Oggi i no vax non sono più così pochi». Andrea Lorenzon, voce e penna dietro al canale YouTube Cartoni Morti, ha pubblicato un filmato di oltre 6 minuti in cui risponde a domande che tante persone, informate e non, si sono fatte almeno una volta negli ultimi mesi. Magari inciampando in qualche articolo fake dal titolo urlato.  «Senz’altro è un video più serio degli altri – ha spiegato a StartupItalia – ma Cartoni Morti ha sempre avuto questa costante: affrontare gli argomenti da altri punti di vista».

Cartoni Morti: ridere e informarsi

«Il no vax legge un sacco di articoli. E senz’altro è convinto di essere più informato e aperto degli altri. In base alla mia esperienza e alla mia storia credo di avere la giusta empatia per immedesimarmi in lui. Insomma, capisco i meccanismi alla base dei suoi ragionamenti». Il video in questione – poche ora fa primo in tendenza su YouTube – utilizza lo stesso linguaggio graffiante che negli ultimi anni milioni di utenti hanno imparato a conoscere. In questo caso, però, è evidente anche l’obiettivo informativo. «Mi sono davvero sentito di farlo: tantissime, troppe persone hanno dubbi su questo vaccino. Ho letto le fonti ufficiali e mi sono fatto aiutare dal giornalista del Post Emanuele Menietti per la revisione».

Leggi anche: Cartoni morti: «Satira prima di tutto. Nei video i messaggi sono bombe»

Il futuro? Le città

Ad aprile 2020 avevamo intervistato Andrea Lorenzon dopo un suo video sull’Europa. Erano le tragiche settimane della prima ondata e il Governo italiano stava trattando con Bruxelles per ottenere un sostegno economico. All’epoca, come oggi, sovranisti ed euroscettici tuonavano contro l’UE. A quasi un anno di distanza, Cartoni Morti ha sperimentato nuove strade, ma nel futuro del suo ideatore potrebbero esserci sviluppi sorprendenti. «Ho fatto un test con un altro disegnatore, ma non è andato benissimo – ci ha spiegato – su YouTube credo sia difficile lavorare in gruppo. L’idea iniziale era abbandonare il canale e delegare Cartoni Morti. Così mi sarei potuto dedicare ad altro. Ma fare tutto a distanza è estremamente difficile».
Quando ancora ci si poteva spostare tra Regioni e fare i turisti, Andrea Lorenzon ha realizzato alcuni video sulle città, improvvisando una versione comica di tour operator (la visita della sua Portogruaro dà l’idea). «Sono contenuti che non hanno i numeri di Cartoni Morti, ma mi hanno dato un’altra visibilità. Sì, perché Cartoni Morti resta sul web: sono io che lavoro da solo a casa. Parlando invece di una città, vivendola, ha risvegliato un pubblico diverso, forse più adulto. La mia idea è fare serie sulle città. Anche perché mi dà il pretesto per lavorare fuori casa».