Business Angel in Italia: quanti sono, quanto investono e in cosa? - Startupitalia
single.php

Ultimo aggiornamento il 17 Febbraio 2021 alle 17:01

Business Angel in Italia: quanti sono, quanto investono e in cosa?

Tutti i numeri del report sui Business Angel italiani 2020 per capire anche le conseguenze della pandemia nel settore

Quanti sono i Business Angel in Italia? Quanto investono e quali settori stanndo prediligendo? Quanti investono in organizzazioni a significativo impatto sociale e qual è il supporto aggiuntivo che offrono alle startup in cui investono? A tutte queste domande prova a dare risposta il Social Innovation Monitor (SIM), team di ricerca con base operativa al Politecnico di Torino, che ha elaborato una ricerca sull’impatto dei Business Angel italiani 2020.

Business Angel in Italia in numeri

Dal Report emerge che sono 1014 i Business Angel in Italia, di cui il 53% appartiene a un Business Angel Group. Della totalità dei BA identificati, il 70% di essi è in Italia Settentrionale (la maggior parte in Lombardia). L’area meridionale e quella insulare rappresentano, invece, le zone in cui vi è il minor numero di Business Angel. Sulla base del campione analizzato, la maggior parte dei Business Angel (il 60%) investe prevalentemente in Italia e, nel solo 2019, ogni Business Angel ha investito, in media, in 2,5 organizzazioni. I Business Angel “focalizzati” in specifici settori o tecnologie investono prevalentemente in “Digital Services & ICT”, seguiti da “Biotech and Healthcare” e “Fintech & Big Data Tech”.

Leggi anche: Andrea Rota è il Business Angel dell’Anno 2019

Dalla ricerca emerge come molti Business Angel in Italia investano mossi non solo da ragioni finanziarie, ma anche sociali: più della metà dei Business Angel che hanno risposto alla survey (il 54%) ha dichiarato, infatti, di supportare anche organizzazioni a significativo impatto sociale.

La ricerca evidenzia che l’82% dei Business Angel che operano nell’ambito dell’impact investing, è un Impact First Angel, avendo dichiarato di investire in settori sottocapitalizzati o di accettare ritorni economici inferiori a quelli di mercato a favore di ritorni maggiori in termini di impatto sociale.

Infine, le analisi condotte hanno evidenziato che la maggior parte dei Business Angel sono classificabili come “Beginner Angel”, vale a dire investitori che hanno investito in al più 10 organizzazioni, mentre il 21% è classificabile come “Experienced Angel”, investitori con oltre 10 organizzazioni nel proprio portafoglio.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche