desc

Dl sostegni, i requisiti delle startup per accedere al contributo

STARTUP
Edit article
Set prefered

Dl sostegni, i requisiti delle startup per accedere al contributo

Per i soggetti che hanno attivato la partita IVA a partire dal 1° gennaio 2019, il contributo a fondo perduto spetta a prescindere dalla circostanza che abbiano registrato un calo del 30 per cento della media mensile del fatturato del 2020 rispetto alla corrispondente media del 2019

Per i soggetti che hanno attivato la partita IVA a partire dal 1° gennaio 2019, il contributo a fondo perduto spetta a prescindere dalla circostanza che abbiano registrato un calo del 30 per cento della media mensile del fatturato del 2020 rispetto alla corrispondente media del 2019

A partire da oggi le partite IVA potranno presentare istanza per vedere riconosciuti i danni subiti dalla propria attività economica / imprenditoriale nel periodo di emergenza sanitaria e ottenere accesso al fondo da 11 miliardi messo a disposizione dal governo Draghi per il contributo a fondo perduto del dl Sostegni. A tal fine, l’Agenzia delle Entrate, che eroga il bonus, ha pubblicato una precisazione che riguarda le startup.

DL SOSTEGNI, A QUALI STARTUP SPETTA IL CONTRIBUTO?

“Al fine – si legge in una nota appena pubblicata dall’Ente di riscossione tributi – di una più puntuale interpretazione sulla determinazione del valore del contributo a fondo perduto di cui all’art. 1 del decreto-legge 22 marzo 2021, n.41, per i soggetti startup, che hanno attivato la partita IVA a partire dal 1°gennaio 2019, si interviene sul paragrafo 2.4 – seconda linea”, si precisa quanto segue:

“In particolare, si chiarisce che per i soggetti che hanno attivato la partita IVA a partire dal 1° gennaio 2019, il contributo a fondo perduto spetta a prescindere dalla circostanza che essi abbiano registrato un calo del 30 per cento della media mensile del fatturato del 2020 rispetto alla corrispondente media del 2019.”

“Ai fini, poi, della quantificazione del contributo, per detti soggetti la percentuale di calo indennizzabile è applicata al calo della media mensile di fatturato calcolata per i soli mesi successivi a quello di attivazione della partita IVA. Restano fermi il limite massimo di ricavi o compensi per l’ammissione al beneficio e gli importi minimi e massimi del contributo. Le modifiche non incidono sulle specifiche tecniche approvate con il provvedimento del 23 marzo 2021. A seguito di tale chiarimento, sono approvate le modifiche alle istruzioni al modello”.

SCARICA L’ISTANZA

Come si calcola il contributo del Dl Sostegni?

L’ammontare del contributo è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi 2019 secondo questo schema riassuntivo:

  • 60% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 non superano la soglia di 100mila euro;
  • 50% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 100mila euro fino a 400mila;
  • 40% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 400mila euro fino a 1 milione;
  • 30% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 1milione di euro fino a 5 milioni;
  • 20% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 5 milioni di euro fino a 10 milioni.

È comunque garantito un contributo minimo non inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. L’importo del contributo riconosciuto non può in ogni caso superare 150.000 euro.

Leggi anche: Decreto Ristori 5, ecco i nuovi aiuti a partite Iva e negozianti

Per ogni domanda, il sistema dell’Agenzia effettuerà delle verifiche e rilascerà delle ricevute al soggetto che ha trasmesso l’istanza. In particolare, in caso di esito positivo, le Entrate comunicheranno l’avvenuto mandato di pagamento del contributo (o il riconoscimento dello stesso come credito d’imposta nel caso di tale scelta) nell’apposita area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi” – sezione “Contributo a fondo perduto – Consultazione esito”, accessibile al soggetto richiedente o al suo intermediario delegato.

Leggi anche: Cos’è ISCRO, la cassa integrazione per partite IVA e professionisti