desc

Airbnb paga un anno in giro per il mondo a 12 persone

TECH
Edit article
Set prefered

Airbnb paga un anno in giro per il mondo a 12 persone

La piattaforma lancia un programma per nomadi digitali: aperto a tutti, servirà anche a studiare nuove soluzioni per le abitudini che cambiano

La piattaforma lancia un programma per nomadi digitali: aperto a tutti, servirà anche a studiare nuove soluzioni per le abitudini che cambiano

Una vita in vacanza? Quasi. Almeno un anno. Che comunque non è male. Ispirandosi dall’opportunità di una vita e un lavoro sempre più flessibili, Airbnb ha annunciato ieri il lancio dell’iniziativa “Vivi ovunque, con Airbnb”, un programma rivolto a 12 persone che avranno l’opportunità unica di vivere in case Airbnb per circa un anno in giro per il mondo.

Cosa dovranno fare

Cosa dovranno fare? Semplice: i 12 fortunati selezionati dovranno condividere la propria esperienza per contribuire allo sviluppo della piattaforma in favore di uno stile vita flessibile e nomade. Airbnb coprirà le spese per gli alloggi e fornirà un rimborso per i costi di trasporto per la durata dell’intero programma. Cioè viaggi e tetti gratis per un anno.

Il cambiamento delle abitudini

Secondo il Rapporto di Airbnb su viaggi e stili di vita, il numero di notti prenotate per soggiorni di almeno 28 giorni su Airbnb è aumentato del 10% se si mette a confronto il 2019 con il primo trimestre del 2021. Gli stili di vita, spinti dalla pandemia, sono cambiati. L’11% di chi ha prenotato sulla piattaforma soggiorni a lungo termine nel 2021 ha infatti affermato di averne uno “nomade”. Allo stesso tempo il 74% degli intervistati in cinque paesi si dice interessato a vivere in un luogo diverso rispetto alla propria sede di lavoro, una volta terminata la pandemia. Cogliere il momento (e farlo durare a lungo) è ormai l’imperativo di molti.

(Foto: Airbnb)

Attraverso questo programma i partecipanti dovranno  fornire il proprio punto di vista su uno stile di vita nomade, per contribuire a sviluppare l’idea di vivere a lungo termine in alloggi Airbnb. nello specifico, potranno dare il proprio contributo su: modifiche di prodotto e risorse per aiutare a sviluppare un’esperienza in cui viaggio e vita quotidiana si fondono insieme; alloggi perfetti pensati sia per persone che viaggiano da sole o in famiglia; entrare in contatto con le comunità locali; scoprire i vantaggi economici dell’attività di host mentre si viaggia.

Le candidature

Chi può partecipare? Tutti. “Da giovani famiglie a lavoratori da remoto, da creativi a genitori i cui figli hanno da tempo lasciato il nido – per citarne alcuni – stiamo cercando un gruppo eterogeneo di 12 persone disposte a prendere parte al programma per 12 mesi consecutivi, da luglio 2021 a luglio 2022” spiega una nota di Airbnb. A queste persone, la piattaforma fornirà suggerimenti sulle case in cui alloggiare, le esperienze da provare sul territorio e molto altro.

(Foto: Airbnb)

I partecipanti che inoltre decideranno di mettere a disposizione la loro principale abitazione su Airbnb durante il programma, avranno la possibilità di scoprire i vantaggi del diventare host mentre si viaggia, e potenzialmente generare guadagni aggiuntivi mentre sono in giro, sfruttando l’imminente ondata di ritorno al viaggio: tra i nuovi annunci inseriti sulla piattaforma e prenotati nel primo trimestre del 2021, il 50% ha ricevuto una richiesta di prenotazione entro quattro giorni dall’attivazione. Inoltre, il guadagno medio annuo degli host che hanno accolto almeno un viaggiatore è di 9.600 dollari.

Il caso dei Senior Nomads

C’è qualcuno che questa scelta l’ha fatta per la vita: Debbie e Michael Campbell, meglio conosciuti come The Senior Nomads, sono andati in pensione nel 2013, hanno venduto la loro casa e iniziato a viaggiare in tutto il mondo, “un Airbnb alla volta”. Oggi, a distanza di otto anni, hanno vissuto in oltre 270 case su Airbnb in 85 diversi paesi, e hanno intenzione di viaggiare e vivere in altri dieci durante il 2021.

(Foto: Airbnb)

L’esperienza di vivere su Airbnb ci ha trasformati”, dice Debbie Campbell. “Il programma Vivi ovunque, con Airbnb darà a sempre più persone l’opportunità di scoprire il mondo da un nuovo punto di vista, proprio come abbiamo fatto noi. Siamo entusiasti di sapere che sempre più persone avranno la possibilità di vivere e lavorare dal posto che preferiscono”.

Le istruzioni

A partire da oggi, tutti coloro interessati a esplorare la vita nomade possono inviare la propria candidatura al sito www.airbnb.com/liveanywhere. Una volta selezionati, i partecipanti inizieranno il proprio viaggio con il supporto e l’esperienza dei Senior Nomads, alcuni membri del team di Airbnb ed esperti del settore, come la giornalista Imani Bashir. Le candidature sono aperte fino al 30 giugno. I 12 partecipanti verranno selezionati da una giuria nel mese di luglio e inizieranno il loro viaggio a settembre 2021.